Skip to content

La leggenda del re magnanimo. La costruzione del mito di Carlo Alberto nel dibattito politico 1847-1849.

Informazioni tesi

  Autore: Antonio Volonnino
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli Studi di Torino
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Storia contemporanea
  Relatore: Umberto Levra
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 200

La tesi tratta della costruzione del mito liberale del re di Sardegna Carlo Alberto nel travagliato periodo politico compreso tra gli ultimi mesi del 1847 e la fine del 1849. In particolare il lavoro si concentra sulla lettura delle principali testate della stampa subalpina, nate dopo le riforme introdotte dallo stesso sovrano, per individuare i momenti chiave in cui il mito è stato elaborato ed i motivi principali che hanno portato alla sua produzione. Viene messo in evidenza come il mito nasca attraverso la sovrapposizione o la sottrazione di elementi di volta in volta funzionali per giustificare la concessione dello statuto o la decisione di aderire alla prima guerra d'indipendenza. Il mito che ne risulta, in continua trasformazione fin dopo la morte del sovrano, è il prodotto di una costruzione collettiva in cui intervengono non solo i giornali (in particolare "La Concordia" e "L'Opinione") ma anche la camera dei deputati e lo stesso sovrano. Carlo Alberto si mostra infatti capace di compiere scelte pragmatiche che, seppur in contraddizione con le sue radicate convinzioni politiche, salveranno la corona da possibili tumulti rivoluzionari restituendo anzi un nuovo prestigio a Casa Savoia come protagonista del dirompente movimento risorgimentale. Il monarca quindi non solo compie scelte lungimiranti, ma è anche in grado di fornire gli spunti per una nuova immagine di sé, arricchita poi dalla stampa, per dare una spiegazione coerente alle sue nuove scelte politiche che contraddicono le logiche assolutistiche con cui era stato retto il suo regno nei diciassette anni precedenti.
Dopo la sua morte sarà quindi facile per Vittorio Emanuele II e la classe dirigente moderata del regno d'Italia continuare a presentare Carlo Alberto come un precursore delle istanze non solo d'indipendenza della nazione dalla dominazione austriaca, ma anche di sviluppo liberale della sua vita politica.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
4 INTRODUZIONE Consultando il Tommaseo-Bellini 1 alla voce magnanimo troviamo la seguente citazione, tratta dalle Vite degli uomini illustri del Petrarca: “L’uomo che è magnanimo, si è il maggiore uomo, ed il più onorato che sia, e non si muove per piccola cosa, e non china la magnanimità sua a veruna sozza cosa”. Fu questo l’appellativo che venne ufficialmente attribuito a re Carlo Alberto l’8 agosto 1849 dal Senato del regno di Sardegna. In realtà, sia nel corso della sua vita che negli anni successivi il sovrano venne decritto nei modi più disparati e gli vennero attribuiti caratteri ed epiteti tra loro assai diversi. Fu accusato, ad esempio, di essere un filo-gesuita reazionario ed “austricante”, indicato spesso dai suoi avversari come “l’eroe del Trocadero”, per ricordare la sua partecipazione alla guerra del 1823 contro la Spagna costituzionale a fianco della Francia di Luigi XVIII. Più tardi venne dipinto come un mistico e romantico crociato, segnato dal digiuno e dalla preghiera, che si sentiva investito da una missione divina. E’ poi nota la definizione carducciana di “Italo Amleto” per indicare un personaggio enigmatico, altalenante, incomprensibile e, per molti versi, debole; ma una delle rappresentazioni più importanti e di maggior successo fu quella liberale del re magnanimo, su cui si è concentrato questo lavoro. L’ipotesi iniziale da cui si è partiti era che il mito fosse sorto nel corso del 1849, soprattutto a partire dalla tragica conclusione della prima guerra d’indipendenza, ma la ricerca sulle fonti ha invece permesso di rivelare un complesso e articolato processo di costruzione che trova le sue origini sin dalle ultime settimane del 1847, a partire cioè dalle riforme concesse con le regie patenti del 30 ottobre. E’ emerso un laboratorio di immagini e valori attribuiti al monarca sabaudo che ha raggiunto il culmine in alcuni momenti chiave, che vanno dall’annuncio dello statuto dell’8 febbraio 1848 fino alla celebrazione dei funerali a Torino tra il 12 e il 14 ottobre 1849. In questo lasso di tempo si alternarono fasi di grande entusiasmo e di doviziosa produzione del mito a momenti di silenzio, legati a difficoltà politiche e militari che rendevano più difficile e meno vantaggiosa la sua elaborazione. In particolare tra i momenti di maggior fermento, oltre a quelli succitati, sono stati individuati lo scoppio e la conclusione dei due conflitti che hanno segnato la prima campagna 1 N. TOMMASEO, B. BELLINI, Magnanimo, in Dizionario della lingua italiana, vol. 11, Milano, Rizzoli, 1977, p. 548.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

stampa
risorgimento
sardegna
guerra
mito
piemonte
indipendenza
leggenda
opinione
savoia
1848
concordia
re
carlo alberto
magnanimo
valerio
subalpino

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi