Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

I diritti sulle opere musicali

La tesi tratta dei diritti d'autore relativi alle opere musicali, analizzandone la normativa. Si parla anche dei diritti connessi degli interpreti ed esecutori dei brani, dei diritti morali, del problema della copia privata, della problematica dell'utilizzo delle opere musicali su internet.

Mostra/Nascondi contenuto.
C A P I T O L O P R I M O LE OPERE MUSICALI IN GENERALE 1. Considerazioni generali e requisiti per la tutela Le opere musicali, in quanto opere dell’ingegno, sono protette dalla legge n° 633 del 22 aprile 1941 sul diritto d’autore indipendentemente dal modo o dalla forma in cui vengano estrinsecate (art.1), ad esempio opere liriche e sinfoniche, melodrammi, commedie musicali, operette, canzoni con o senza parole e così via. Però, affinché venga attivata questa protezione l’opera musicale deve possedere certi requisiti, comuni anche alle altre opere dell’ingegno di carattere creativo, vale a dire una sufficiente complessità, una novità obiettiva ed una certa originalità (1) . Per quanto riguarda la complessità, nel caso delle opere che stiamo trattando essa si identifica con la capacità di suscitare emozioni nell’ascoltatore; così, ad esempio, non potrà essere protetta l’opera costituita da una sola nota mentre lo sarà il jingle pubblicitario in quanto, nonostante la sua brevità, comunica sicuramente un messaggio. Quindi possono essere protette anche poche battute musicali, purché sufficientemente complesse, creative ed idonee a suscitare di per sé reazioni emotive. Inoltre, queste “unità elementari” sono tutelate autonomamente anche se si trovano all’interno di una composizione più ampia; di conseguenza per il loro sfruttamento dovrà essere chiesta l’autorizzazione dell’autore (2) . Tutto ciò è confermato dal fatto che la SIAE ritiene che ci si trovi in presenza di plagio ogni volta che vengano riprodotte senza consenso almeno otto battute di un tema altrui (3) . In ogni caso, 1 Greco – Vercellone, I diritti sulle opere dell’ingegno, Torino, 1974, p. 63 2 Greco – Vercellone, op. cit., p. 65 3 eventi.iol.it/jalisse/messages/4.html; www.rcs.it/ musicapersempre/970522/1.htm

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Saverio Aiolfi Contatta »

Composta da 443 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4686 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 18 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.