Skip to content

Giovan Lorenzo Bernini e l'unità delle arti visive

Informazioni tesi

  Autore: Alessandro Bianchi
  Tipo: Tesi di Specializzazione/Perfezionamento
Specializzazione in Abilitazione all'Insegnamento della Storia dell'Arte (classe A061)
Anno: 2008
Docente/Relatore: Maria Cristina Paoluzzi
Istituito da: S.S.I.S. "R. Laporta", Università di Chieti-Pescara "Gabriele D'Annunzio"
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 83

Il significato dell’unità delle arti in Giovan Lorenzo Bernini è uno degli argomenti della storia dell’arte di tutti i tempi che più mi ha affascinato. Ho sempre intuito che la “cifra” più autentica dell’arte del “Cavalier Bernino” era tutta contenuta nella trasversalità rispetto alle diverse arti che ha contraddistinto l’attività del maestro; come sempre nel caso dei grandi artisti. Tuttavia nelle mie prime riflessioni era sempre rimasta una zona in penombra, difficile da svelare: nelle opere lasciateci dal maestro del barocco romano rimaneva un che di scenografico e di teatrale insoluto,
difficilmente spiegabile ma fortemente percepibile.È forse questa sensazione quanto gli artisti del barocco volevano destare, attraverso lo stupore e la meraviglia, in una Roma politicamente ridimensionata ma ancora una volta artisticamente eccellente, scuola del mondo comunque in eterno. Negli ultimi decenni la critica ha posto finalmente il problema nei termini più appropriati. Si viene indagando l’attività di G. L. Bernini non più come scultore prestato anche all’architettura o alla pittura. Al contrario la sua opera è stata giustamente riconosciuta come quella dell’autentico “regista del barocco romano”. Con ciò s’intende in primo luogo che il significato più profondo
dell’attività artistica del Bernini, o il suo “stile”, può essere colto pienamente soltanto leggendo le sue opere come la risposta artistica (inventio) a problemi inerenti l’unione di arti differenti. Inoltre si vuole sottolineare il carattere propriamente “manageriale” dell’operare del maestro: è infatti noto il metodo operativo del Bernini maturo, il quale era solito affidarsi a molti collaboratori (sia abituali
che occasionali), limitandosi a fornire in più casi semplicemente il disegno e il proprio ruolo di alta supervisione, oltre a quello di appaltatore e titolare dei lavori. Credo sia proprio tale carattere manageriale che primariamente ha determinato la singolare specificità rappresentata dal barocco romano nella storia dell’arte: cioè che tutte le opere prodotte in quest’epoca sembrano quasi di un unico artista, permeate come sono di una comune sensibilità; talché è spesso più facile riconoscerle.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
“È del poeta il fin la meraviglia” G. B. Marino, L’Adone, 1623 Giovan Lorenzo Bernini e l’unità delle arti visive Il significato dell’unità delle arti in Giovan Lorenzo Bernini 1 è uno degli argomenti della storia dell’arte di tutti i tempi che più mi ha affascinato. Ho sempre intuito che la “cifra” più autentica dell’arte del “Cavalier Bernino” 2 era tutta contenuta nella trasversalità rispetto alle diverse arti che ha contraddistinto l’attività del maestro; come sempre nel caso dei grandi artisti. Tuttavia nelle mie prime riflessioni era sempre rimasta una zona in penombra, difficile da svelare: nelle opere lasciateci dal maestro del barocco romano rimaneva un che di scenografico e di teatrale insoluto, difficilmente spiegabile ma fortemente percepibile. È forse questa sensazione quanto gli artisti del barocco volevano destare, attraverso lo stupore e la meraviglia, in una Roma politicamente ridimensionata ma ancora una volta artisticamente eccellente, scuola del mondo comunque in eterno. Negli ultimi decenni la critica ha posto finalmente il problema nei termini più appropriati. Si viene indagando l’attività di G. L. Bernini non più come scultore prestato anche all’architettura o alla pittura. Al contrario la sua opera è stata giustamente riconosciuta come quella dell’autentico “regista del barocco romano” 3 . Con ciò s’intende in primo luogo che il significato più profondo dell’attività artistica del Bernini, o il suo “stile”, può essere colto pienamente soltanto leggendo le sue opere come la risposta artistica (inventio) a problemi inerenti l’unione di arti differenti. Inoltre si vuole sottolineare il carattere propriamente “manageriale” dell’operare del maestro: è infatti noto il metodo operativo del Bernini maturo, il quale era solito affidarsi a molti collaboratori (sia abituali che occasionali), limitandosi a fornire in più casi semplicemente il disegno e il proprio ruolo di alta supervisione, oltre a quello di appaltatore e titolare dei lavori. Credo sia proprio tale carattere manageriale che primariamente ha determinato la singolare specificità rappresentata dal barocco romano nella storia dell’arte: cioè che tutte le opere prodotte in quest’epoca sembrano quasi di un unico artista, permeate come sono di una comune sensibilità; talché è spesso più facile riconoscerle. 1 Maurizio Fagiolo dell’Arco suggerisce (Fagiolo, 1999a: 39) come più appropriato il nome di Giovan Lorenzo (e non Gian Lorenzo). La scelta si giustifica in base alla forma abbreviata “Gio.” che compare in tutti i documenti, nonché nelle biografie di Baldinucci (Baldinucci, 1682) e di Domenico Bernini (Bernini, 1713). Dato il carattere di recente aggiornamento della pubblicazione e l’autorevolezza dello studioso berniniano qui seguiremo questa linea. 2 Bernini riceve la Croce di Cavaliere di Cristo da Papa Gregorio XV nel 1622, a soli ventitre anni. Il pontefice con l’assegnazione di questo titolo ringraziava Giovan Lorenzo per alcuni ritratti scultorei dedicatigli. 3 Questa fortunata definizione (peraltro oggetto di accese dispute sulla paternità dell’invenzione) è stata utilizzata da Maurizio Fagiolo per la mostra omonima (Gian Lorenzo Bernini, regista del barocco, 1999, Palazzo Venezia, Roma). Risulta utile considerare la strutturazione delle otto sezioni della mostra: a-Il volto del genio: autoritratti e ritratti; b- Figlio d’arte: Pietro e Giovan Lorenzo; c-Il volto del potere: papi, cardinali, patrizi, sovrani; d-Il gran teatro di Roma: il “bel composto”, la natura, l’artificio; e-La grande decorazione barocca; f-“Padron del mondo”: la propaganda e la festa; g-“Il Tiziano dei nostri tempi”: il pittore e i suoi allievi; h-“L’uomo al punto”: gli ultimi anni (Fagiolo, 1999b). 2

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

unità
arti visive
private
bernini
sant' andrea
cappelle
fonseca
alberoni
da sylva
bel composto

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi