Skip to content

Questioni di fine vita

Informazioni tesi

  Autore: Marco Santamarianova
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli Studi di Roma Tor Vergata
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Filosofia
  Relatore: Stefano Semplici
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 115

Lo sviluppo tecnologico in ambito medico ha reso il confine tra la vita e la morte non più così netto come in passato, e se la tecnologia ha permesso di rendere sempre più sottile il confine tra la vita e la morte, ha generato anche delle nuove questioni morali, che sono figlie delle nuove tecnologie. L’eutanasia nell’ ambito della bioetica medica di oggi rappresenta proprio una di queste nuove questioni. Il dibattito coinvolge non solo l’ambito medico, ma anche quello filosofico, teologico, giuridico, amplificandosi anche all’interno dell’ opinione pubblica. Le questioni di fine vita non sembrano trovare soluzioni unanimi, in quanto differenti interpretazioni antropologiche portano a differenti soluzioni, difficilmente conciliabili. In questo lavoro si è voluto mettere in rilievo alcune difficoltà teoriche e pratiche che si incontrano nel dibattito sull’eutanasia. Nel primo capitolo si affronteranno le due posizioni opposte sulla disponibilità e non disponibilità della vita, mettendo in rilievo l’interpretazione del cristianesimo, promotore della sacralità della vita come dono di Dio, individuando anche le sfumature di giudizio presenti tra le diverse confessioni cristiane, che pur partendo dagli stessi presupposti si discostano anche sensibilmente sulle questioni di fine vita.
Nel secondo capitolo sarà affrontata la delicata relazione tra il medico e il paziente in situazioni limite, mostrando come ci sia stato un passaggio dal paternalismo all’autonomia del malato, cercando di individuare le responsabilità del medico e le reali possibilità che ha il paziente di essere autonomo. Il capitolo si concluderà con la questione della morte cerebrale, la quale evidenzierà il passaggio dalla domanda tecnica “è morto?” alla domanda etica “che facciamo di lui?”. Infine si concluderà con il terzo capitolo che affronterà la legge olandese sull’ eutanasia, nata dal principio ispiratore di autonomia e primo esempio di regolamentazione, soffermandoci sul pericolo di un eventuale pendio scivoloso, ma anche riconoscendo come sia stata salvaguardata in linea di principio l’autodeterminazione del malato.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
5 1 L’eutanasia 1.1 Breve introduzione alle questioni di fine vita In ambito medico il termine eutanasia sta ad indicare un intervento finalizzato a ridurre le sofferenze. Il primo ad ipotizzare la sua pratica in quest’ ottica e come ultimo atto di pietà è stato nel XVI secolo Tommaso Moro: […] visto che è inetto a qualsiasi compito, molesto agli altri e gravoso a se stesso, sopravvive insomma alla propria morte, lo esortano a non porsi in capo di prolungare ancora quella peste furiosa, e giacché la sua vita non è che tormento, a non esitare a morire; anzi fiduciosamente si liberi lui stesso da quella vita amara come da prigione o supplizio, ovvero consenta di sua volontà a farsene strappare dagli altri 4 . Dopo il filosofo anglosassone bisognerà aspettare Francesco Bacone, che dopo circa un secolo affermerà: Il compito del medico non è solo quello di ristabilire la salute, ma anche quello di calmare i dolori e le sofferenze legati alle malattie; e di poter procurare al malato, quando non c’è più speranza, una morte dolce e tranquilla, questa eutanasia è una parte non trascurabile della felicità. […] Ora questa ricerca la chiamiamo eutanasia esteriore, che distinguiamo da quell’altra eutanasia che si riferisce alla preparazione dell’anima 5 . Il filosofo inglese collega per la prima volta la parola eutanasia con l’attività del medico, che avrà tra i suoi compiti specifici anche quello di abbreviare la vita per fini altruistici. Al fine di evitare fraintendimenti, nell’attuale dibattito l’utilizzo della parola eutanasia deve essere compreso in questi termini, cioè come attività del medico 4 M. Reichlin, op. cit. p. 29. 5 Umberto Veronesi, Il diritto di morire, Edizioni Mondadori, Milano, 2006 cit. p. 29.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi