Skip to content

Una tecnica di consolidamento non invasiva per colonne in muratura tramite trefoli ad alta resistenza

Informazioni tesi

  Autore: Daniele Bosi
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2010-11
  Università: Università degli Studi di Perugia
  Facoltà: Ingegneria
  Corso: Ingegneria civile e ambientale
  Relatore: Marco Corradi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 205

Il presente lavoro di tesi vuole promuovere questa nuova metodologia di cerchiaggio invisibile rispetto alle metodologie tradizionali invasive. Nella prima parte si studiano le caratteristiche meccaniche degli elementi compressi e la storia dell’arte delle varie tecniche di confinamento, analizzando le tipologie di rottura in caso di sisma e interventi. Nella seconda parte, infine, viene descritta l’analisi sperimentale so dieci pilastri in mattoni pieni semi-ottagonali, di altezza pari a 54 cm e sezione di base pari a 25 x 25 cm . Tali elementi sono stati preliminarmente rinforzati tramite inserimento di trefoli d’acciaio lungo i giunti di malta e fori passanti orizzontali alternati, poi sottoposti a prove di compressione monoassiale al fine di ottenere indicazioni sull’efficacia del confinamento, in termini di incremento di carico massimo, duttilità e rigidezza assiale.
Oltre all’analisi di tipo sperimentale si è fatta anche un’analisi teorica facendo riferimento alle istruzioni del CNR-DT 200/2004, che forniscono una relazione per stimare il valore di progetto della resistenza dell’elemento confinato, che va poi confrontato con i valori ricavati dalle prove.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
iv Introduzione Il confinamento di pilastri o colonne in muratura e in calcestruzzo armato è considerato un ottimo metodo di rinforzo che incrementa la capacità portante degli elementi compressi di un edificio, in quanto risulta economico e veloce da realizzare. Inoltre la necessità di adeguare gli edifici esistenti alle nuove normative in termini di azioni sulle costruzioni sia di tipo statico che dinamico rappresenta un’ulteriore causa d’intervento di cerchiaggio dei pilastri. Si constata che la tecnica del cerchiaggio di rinforzo risale agli inizi del novecento con le prime incamiciature metalliche tramite longheroni in ferro battuto e si è evoluta negli anni a venire. Sono state proposte alcune tecniche innovative basate sull’uso di fibre in materiale composito caratterizzate da elevate proprietà meccaniche ed alta stabilità chimica come gli FRP (Fiber Reinforced Polymers) e SRP (Steel Reinforced Polymers). Questi materiali innovativi presentano resistenze a trazione elevate, peso limitato, e velocità di applicazione rispetto all’acciaio. Tuttavia la ricerca di questo settore ha riguardato il comportamento di pilastri in calcestruzzo armato, mentre per quelli in muratura è stata trascurata infatti ci si riferisce ai pochi dati sperimentali e modelli matematici forniti dalla scarsa bibliografia esistente, che fa riferimento ad interventi passati nelle zone terremotate dell’Umbria e Friuli, molto eterogenei per tipologia e caratteristiche meccaniche della muratura. Nonostante ciò i vantaggi dell’utilizzo di materiali fibrorinforzanti per confinare gli elementi compressi in muratura sono molteplici, rispetto alle tecniche tradizionali di rinforzo, il basso peso dei materiali di rinforzo comporta anche una significativa semplificazione delle procedure ed una riduzione dei tempi di applicazione. In aggiunta però si sono verificati numerosi casi di strappo delle fibre agli spigoli dei pilastri evidenziando l’importanza della rigidezza assiale del composito e del tipo di resina per fasciare i pilastri, inoltre a causa dell’elevata anisotropia dei materiali compositi, le prove su pilastri a sezione quadrata e

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

muratura
colonne
consolidamento strutture

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi