Skip to content

Il diritto sugli sci in Italia e in Europa: comparazione e prospettive di armonizzazione

Informazioni tesi

  Autore: Giulia Berti
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli Studi di Padova
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Diritto, Istituzioni e Politiche dell'integrazione europea
  Relatore: Jacopo Tognon
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 201

Questa tesi approfondisce il diritto sciistico in Italia e nei principali Stati europei, evidenziandone lo sviluppo. Infatti, la crescente diffusione e trasformazione dello sci in sport di massa, negli anni ha portato un numero sempre più elevato di persone sulle piste, con conseguente aumento del numero di incidenti.
Nelle prime due parti dell’elaborato si esaminano la legge n. 363/2003, il Decalogo della Federazione Internazionale di Sci e le diverse tipologie di responsabilità, cercando di delineare, nell'ambito dell'accertamento dei fatti, come dimostrare la prova della responsabilità.
Nella terza parte, vengono studiati e confrontati i sistemi giuridici in materia dei principali Paesi europei e degli Stati Uniti, con l'obiettivo di trovare dei punti in comune per poter auspicare una futura armonizzazione europea, importante per dare certezza delle regole a tutti coloro che impegnano le piste. La maggiore consapevolezza dei propri comportamenti e delle conseguenze che possono derivare da un'azione o da un movimento errato, possono diminuire il numero degli incidenti aumentando la sicurezza sulle piste.
Per questo, da molti anni, gli esperti e gli imprenditori del settore richiedono l'adozione di una disciplina comune a livello europeo, comprensibile da ciascun utente, minore o adulto, a garanzia di una maggiore tutela degli sportivi.
Nonostante vi sia qualche voce contraria, la proposta maggiormente condivisa è quella che vede nel Decalogo FIS la base ideale per costruire un diritto sciistico unico. Si tratta di norme già applicate, esposte nella maggior parte dei comprensori sciistici, tenute in considerazione in quasi tutti gli ordinamenti europei e ampiamente conosciute dagli sciatori (anche se dovrebbero essere maggiormente rispettate, soprattutto dai più piccoli). Se l'Europa emanasse una direttiva recettiva del Decalogo, se ne aumenterebbe “il valore precettivo, l'imperatività e la certezza”.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
CAPITOLO 1 L'ORDINAMENTO SCIISTICO ITALIANO 1.1 CONSIDERAZIONI PRELIMINARI: LA NASCITA E LO SVILUPPO DEL DIRITTO SCIISTICO ITALIANO Il diritto sciistico italiano ha oggi una dignità propria, grazie all'enorme sviluppo che hanno avuto gli sport invernali all'interno del nostro Paese (si parla di circa 3 milioni di appassionati), ma anche per il continuo evolversi della materia. 8 Le norme riguardavano principalmente gli impianti di risalita e le piste da discesa, con qualche sporadico esempio di normativa generica che si poteva rinvenire in alcuni ordinamenti regionali o provinciali, come l'art. 19 della Legge Provinciale di Bolzano n. 6 del 1981, oppure di comportamento degli utenti sugli impianti, come il D.M. del 1970 riguardante l'utilizzo delle sciovie. L'esistenza di questa problematica di “vuoto legislativo”, rendeva molto arduo il compito dei giudici che venivano chiamati a dirimere le controversie che coinvolgevano il diritto sciistico. 9 Di certo non ha aiutato il fatto che, all'interno della Costituzione Italiana, non si rinvenga alcun riferimento espresso allo “sport”, ma è ricavabile indirettamente da una serie di disposizioni che lo classificano come “attività socialmente rilevante”. L'art. 32 (riguardante la tutela della salute), si può interpretare nel senso che lo sport è un'attività che può giovare al benessere 8 Come già affrontato all'interno dell'introduzione, numerosi sono i fattori che hanno aiutato la diffusione dello sci (in particolare) e degli altri sport invernali in Italia: l'aumento del benessere economico, lo sviluppo del turismo invernale, le vittorie della “valanga azzurra”, che hanno avvicinato molte persone allo sci, così come argomentato da: BRUCCOLERI C., “Ordinamento sciistico italiano”, in atti del Primo Forum Giuridico Europeo della Neve, 2005, pagg. 3-4. 9 Ciò è in tal senso affermato da: BRUCCOLERI C., “Ordinamento sciistico italiano”, cit., pag. 4. 9

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

armonizzazione europea
responsabilità sciistica
decalogo fis
legge 363/2003

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi