Skip to content

Diritto consuetudinario e mutamento culturale. Un'analisi storico-antropologica della ''vendetta di sangue'' in Sardegna e Albania

Informazioni tesi

  Autore: Maria Elena Gala
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2012-13
  Università: Università degli Studi di Firenze
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Sociologia
  Relatore: Paolo Chiozzi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 100

Questo lavoro affronta il tema delle consuetudini normative presenti in determinate realtà socio-culturali: Sardegna e Albania. Muovendo da spunti teorici offerti sia dal professore Paolo Chiozzi, sia dai principali conoscitori contemporanei delle culture tradizionali dei due contesti, ho focalizzato la mia attenzione su un particolare fenomeno sociale, la "vendetta di sangue".
Dapprima basandomi sulla letteratura, che ha fornito i principali contributi del rapporto tra antropologia e diritto, il quale a sua volta ha ampliato lo sguardo sulla pluralità dei fenomeni giuridici presenti in società o comunità, dove oltre alla Legge dello Stato, vi sono strutture normative non ufficiali e informali molto vicine e a stretto contatto con l'individuo, passo poi alla descrizione del Codice Barbaricino sardo e del Kanun albanese: due esempi di un "diritto consuetudinario" con alla base un modello di regolazione normativa il quale, lungi dall'essere un fenomeno di "devianza", ha rappresentato in determinati periodi storici una vera e propria struttura giuridica capace di regolamentare i rapporti sociali. La sua persistenza anche in presenza di istituzioni "moderne" può essere spiegata anche con la scarsa presenza di quelle istituzioni centrali che favoriscono la percezione da parte delle comunità locali di un isolamento economico e socio-culturale.
L'istituzione della "vendetta" dunque non può che essere considerata come l'esigenza da parte di gruppi sociali di acquisire stabilità e sicurezza in realtà connotate da precarietà ed emarginazione, in cui il mantenimento dell'ordine e la gestione dei conflitti sono necessari alla conservazione della comunità stessa. È indispensabile, per non equivocare attraverso interpretazioni approssimative e pregiudizievoli, una comprensione profonda del contesto socio-culturale in modo da conoscere i presupposti antropologici che hanno portato alla legittimazione di una "giustizia privata".

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione La scelta di questo argomento di tesi è stata compiuta in virtù di un personale interesse per le tradizioni culturali di un popolo, quello sardo, il quale è stato, e forse tutt'ora in parte è, portatore di consuetudini normative che per molto tempo hanno regolato la vita delle comunità più interne della Sardegna. Questo lavoro parla, in particolare, di quella sub-regione chiamata Barbagia, la quale, come "isola nell'isola" ha rappresentato "le milieu social" che ha dato vita a quel particolare codice di comportamento che da essa prende il nome di codice barbaricino. Questo argomento mi ha consentito, grazie agli spunti teorici offerti dal professore Paolo Chiozzi, di conoscere un'altra realtà apparentemente lontana nell'immaginario comune ma geograficamente 1 , e soprattutto culturalmente, molto vicina e somigliante sotto alcuni punti di vista alla Sardegna. La realtà socio-culturale a cui si fa riferimento è l'Albania, nello specifico la parte nord, zona che dalla provincia di Scutari arriva fino ai confini con il Kosovo e il Montenegro. Quest'area territoriale è quella a cui fa riferimento il Kanun, codice costituito dalla raccolta di norme consuetudinarie trasmesse oralmente finché Lekȅ Dukagjini non le ha trascritte e sistemate. Ancora oggi regola la vita sociale delle popolazioni del nord che conservano il legame con esso anche emigrando nel resto dell'Albania o in altri paesi. Grazie a queste, per me nuove "esplorazioni teoriche", tramite le quali ho potuto dapprima conoscere e poi approfondire la comprensione di una 1 Faccio riferimento alla geografia per indicare non solo in senso più generale la cultura mediterranea, ma in particolare la comune origine pelasgica della civiltà illirica e di quella nuragica. 4

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

antropologia
diritto
sociologia
sardegna
banditismo
codice
onore
albania
patriarcato
diritto consuetudinario
vendetta
kanun
mutamento culturale
faida
antropologia giuridica
barbagia
pluralismo giuridico
codice barbaricino

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi