Skip to content

La sfera pubblica e la sua reticolarizzazione. Dalle rivoluzioni liberali alla blog-politica del grillismo

Informazioni tesi

  Autore: Bruna Valotta
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2012-13
  Università: Università degli Studi di Messina
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Filosofia contemporanea
  Relatore: Marco Centorrino
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 253

L’obiettivo che mi sono proposta di raggiungere, attraverso la stesura del presente lavoro, è stabilire se esista, nell’era della globalizzazione, una sfera pubblica individuabile come «spazio sociale generato dall’agire comunicativo» dei membri di una collettività. L’elaborato si compone di due parti. La prima di esse ripercorre il concetto di sfera pubblica dalle origini sino al processo di istituzionalizzazione della stessa, come “arena deliberativa” delle società democratiche. Mostrerò nella fattispecie come la sfera pubblica entro cui gravita l’uomo moderno, non è più quel “luogo” del confronto dialettico che si attualizzava nell’agorà ateniese, perché ha introiettato il «fardello della vita biologica» che nel mondo greco era portato dagli schiavi, rendendo gli uomini succubi dei bisogni giornalieri e indifferenti nei confronti della politica che, infatti, diversamente da quanto accadeva nella polis ateniese, dove il singolo era libero di intervenire sulla scena pubblica solo nella misura in cui fosse stato prima dispensato da tutte quelle necessità legate alla sfera biologica espletate dagli schiavi; è gestita da istituzioni rappresentative a cui i cittadini, ormai completamente assorbiti da una quotidianità lavorativa routinizzante, hanno delegato la loro capacità di pensare e agire politicamente. Sempre nel corso di questa prima parte, inoltre, illustrerò come, a partire dalla seconda metà dell''800 la stampa comincia ad essere investita da un processo di commercializzazione che la trasformerà da vettore di critica ed elevazione culturale in un dispositivo di manipolazione della sfera pubblica, finalizzato a costruire ed orientare il consenso delle masse. Questo fenomeno in cui – come vedremo – Jürgen Habermas ha intravisto una forma di rifeudalizzazione della società, si espliciterà in tutta la sua portata degenerativa nel corso del XX secolo, quando la diffusione all’interno della società di strumenti di comunicazione di massa, come la radio e la televisione, piegati alle logiche del sistema capitalistico, ridurranno la sfera pubblica ad una arena rappresentativa che colonizza l’immaginario collettivo delle moltitudini spoliticizzate, attraverso una retorica messa in scena di partecipazione democratica, finalizzata a ricostruire il consenso elettorale necessario a legittimare l’ideologia politica delle classi sociali dominanti. Nell’ultimo capitolo della prima parte, contestualizzerò le argomentazioni espresse sinora, accostandomi alla situazione politica nostrana degli ultimi vent’anni. Nella seconda parte cercherò , ,invece, di illustrare in che misura la rivoluzione social, attraversata negli ultimi anni dai nuovi media della comunicazione digitale, abbia contribuito a democratizzare la sfera pubblica. A tale scopo ripercorrerò l’evoluzione della rete, mostrando, in particolare, come sebbene l’avvento della cosiddetta era del Web 2.0 abbia promosso la nascita di sfere pubbliche connesse che sembrano destinate a realizzare la famosa teoria habermasiana dell’agire comunicativo, nei fatti, internet non ha semplicemente spalancato al mondo le porte della comunicazione, ma opera una mercificazione quotidiana delle nostre relazioni sociali on line, come ci dimostra l’anomala posizione dominante occupata dalla multinazionale Google all’interno della rete - e non solo - di cui analizzerò, nello specifico, il comportamento tenuto all'interno del mercato cinese e, più in generale, il ruolo giocato da molte aziende occidentali nelle politiche censorie attuate dal governo di Pechino e da altri regimi totalitari, nonché le conseguenze nefaste di tutto ciò al livello planetario. Infine, mi occuperò delle nuove forme di partecipazione politica inaugurate dalla campagna elettorale in rete obamiana e delle tappe più salienti del fenomeno nostrano del grillismo, per scoprire se esse abbiano effettivamente agevolato la concretizzazione di una sfera pubblica reticolare in grado di esercitare funzioni politiche.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
11 Parte prima Alla ricerca di una dimensione pubblica, tra elitarismi e pluto- crazie I Sfera Pubblica e Spazio Politico La libertà di chi è libero […] richiede la libertà di tutti, poichØ la libertà è una relazione sociale. [Z. Bauman] L’espressione “sfera pubblica” designa un ambito relazionale dove gli individui, con- frontandosi l’un l’altro, possono maturare delle opinioni su questioni di rilevanza so- ciale. Partendo da questa premessa, è possibile trarre una prima considerazione fon- damentale: la sfera pubblica non è un luogo, nel senso fisico del termine, ma neces- sita di luoghi per potersi esplicitare. A tal proposito, il sociologo americano Ray Ol- denburg ha coniato l’espressione «luoghi terzi» per indicare tutti quegli spazi di in- contro confidenziali - come caffè, piazze, mercati e così via - «compresi tra l’ambito familiare e quello professionale» 1 ; in grado di facilitare delle interazioni sociali tra gli esseri umani. La prerogativa di questi spazi non consiste nel semplice fatto di es- sere delle oasi di ricreazione e spensieratezza, ma nel metterci in contatto con iden- tità altre da noi: «contribuendo così a quel genere di conversazione a ruota libera su tutti i possibili argomenti di cui si nutre la democrazia» 2 . 1 E. RISI, La folla rumorosa: interazioni on line tra luoghi terzi e sfera pubblica, in “Rassegna italiana di sociologia”, vol. 1, p. 93, 2011. 2 C. LASCH, The revolt of the elites and the betrayal of democracy, W.W. Norton & Company, New York – London, (1995); tr. it. La ribellione delle Ølite. Il tradimento della democrazia, La Feltrinelli, Milano, 1995, ed. 2001, p.101.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

personalizzazione di massa, habermas, lippmann,
comunità virtuali, rete, campagne on line, polis,
foucault, democrazia elettronica, social network,
facebook, pariser, grillismo, arendt, parresia,
multinazionali, turbo-capitalismo, new media,
m5s, grillo, berlusconi, e-democracy, cina,
mcluhan, storytelling, spin-doctors, castells,
convergence culture, jenkins, privacy,obama, cina
sfera pubblica, democrazia diretta, agorà, google,
individualismo reticolare, rivoluzioni liberali,

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi