Skip to content

Memoria ed emozioni: Le Flashbulb memories

Informazioni tesi

  Autore: Vittoria Cullia
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli Studi Suor Orsola Benincasa - Napoli
  Facoltà: Scienze della Formazione
  Corso: Scienze dell'educazione degli adulti e della formazione continua
  Relatore: Maria Antonella Brandimonte
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 113

Nel 1895, Oscar Wilde, diceva che "la memoria è il diario che ognuno di noi porta con sé"; senza memoria non sapremmo chi siamo, e, di fatto, non esisteremmo. È la memoria che ci dice da dove veniamo, chi abbiamo conosciuto, cosa abbiamo vissuto, cos'è che ci ha fatto male e cosa ci ha reso migliori. La memoria rappresenta, dunque, per l'uomo il senso della propria identità, in quanto attività mentale che più di altre conferisce "significato" all'esistenza. La valenza personale che ognuno attribuisce agli eventi della propria vita e le conoscenze acquisite, influenzano la memoria e di conseguenza il modo di percepire la realtà; se il passato non sopravvivesse e non influenzasse gli eventi attuali, non esisterebbe una vita psichica (Marsala, 2005). La nostra vita è costellata da un immenso numero di singoli episodi, ognuno dei quali è caratterizzato da specifici ricordi e determinate emozioni. Leggiamo il giornale del mattino, passeggiamo nel parco, parliamo con un amico e quell'esperienza in qualche modo ci cambia, in maniera transitoria o definitiva (Schacter, 2007).I nostri ricordi, parafrasando Schacter, possono considerarsi, allo stesso tempo, "sia fragili che potenti": Alcuni possono svanire in un attimo perché hanno poche occasioni di affiorare. Altri, quelli che sopravvivono, sono di una potenza straordinaria: Dopo un letargo protrattosi a lungo nel tempo, il manifestarsi improvviso, grazie a certi sapori o certi odori, di esperienze che sembravano perdute, è un evento sbalorditivo (Proust, 1987). Esistono degli strumenti esterni con cui l'essere umano cerca di preservare il passato e trasmettere i propri ricordi personali; foto, ritratti ed altri cimeli di famiglia, che possono però deteriorarsi, svanire e persino cambiare col tempo, pur continuando incessantemente ad emanare un'irresistibile aura emotiva. Come tali oggetti, il fragile potere della memoria, ci dà il senso generale di chi siamo e di dove siamo stati, pur tacendo molti episodi specifici che hanno contribuito a formarci. Possiamo essere profondamente commossi da un'esperienza che non ricordiamo con accuratezza, o da ricordi illusori di eventi soltanto temuti o immaginati. I nostri pensieri e le nostre azioni, sono a volte influenzati implicitamente da avvenimenti che non ricordiamo affatto. E molti degli episodi specifici della nostra vita sono svaniti dalla nostra memoria, per sempre. Nonostante questa fragilità, i nostri sistemi mnestici, però, sono dotati anche di uno straordinario potere: Riescono a preservare egregiamente i contorni generali del nostro passato e a registrare correttamente tante esperienze importanti che ci sono accadute. Si può, dunque, demolire un'altra leggenda: I ricordi non sono la registrazione passiva o letterale della realtà. Non sono nemmeno da considerarsi semplici fotografie riposte nell'album della nostra mente. Ormai è chiaro che le istantanee delle nostre esperienze passate sono legate al significato, al giudizio, al senso e alle emozioni che quelle esperienze ci hanno offerto. "I ricordi sono altresì, prodotti di ciò che rievochiamo del passato, crediamo del presente ed immaginiamo del futuro".

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
6 CAPITOLO 1 LO STUDIO DELLA MEMORIA AUTOBIOGRAFICA “Le nostre menti conservano i resti di lontane esperienze che creano un legame speciale col passato. Luoghi che non esistono più e persone che sono scomparse dalla nostra vita continuano a sopravvivere nei nostri ricordi, a volte come apparizioni spettrali che stentiamo a decifrare, a volte come ritratti cristallini ancora palpitanti d’immediatezza”. Schacter (2007, p.3) 1.1 Ricordare: Un viaggio mentale nel tempo Filosofi, scrittori e scienziati, da tempo, cercano di penetrare i misteri della memoria, tentando di risolvere affascinanti interrogativi sul nostro modo di ricordare il passato. Lo psicologo americano, Endel Tulving, (2002) ha sostenuto che ricordare significa viaggiare nel tempo, pur nella consapevolezza che si tratti esclusivamente di un viaggio mentale e non della realtà, che rende l’essere umano capace di rievocare episodi del passato (ri- vivere), ma anche prevedere, pianificare e dare forma a qualsiasi evento futuro specifico (pre-vivere eventi) (Suddendorf & Corballis, 2007). L’idea del ricordo come <<viaggio mentale nel tempo>> mette in luce un elemento estremamente importante: Ciò che comunemente chiamiamo ricordo è il

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

amigdala
memoria autobiografica
memoria collettiva
reiterazione
flashbulb memories
stati emotivi e memoria
memoria riepisodica
ruminazione mentale
condivisione sociale di un ricordo emotivo
brown e kulik

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi