Skip to content

Da un’esperienza francese la proposta di una nuova strategia diagnostica per la Trombocitopenia indotta da Eparina (HIT)

Informazioni tesi

  Autore: Maurizio Tala
  Tipo: Tesi di Specializzazione/Perfezionamento
Specializzazione in Patologia Clinica
Anno: 2013
Docente/Relatore: Francesco Marongiu
Istituito da: Università degli Studi di Cagliari
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 48

Durante la mia esperienza presso l'università della Bretagna Occidentale nel laboratorio di ematologia del Centro Ospedaliero Universitario (CHU) alla Cavale Blanche di Brest la mia attenzione si è concentrata sulle metodiche di screening e diagnosi che si utilizzano in laboratorio in caso di una sospetta trombocitopenia indotta da eparina (HIT).
Il mio scopo è cercare di comprendere se questa strategia diagnostica sia operativamente valida.
In particolare, data la complessità ed i costi che una diagnosi di HIT può richiedere, mi prefiggo di andare ad approfondire se tale percorso diagnostico sia, effettivamente, il più efficace ed efficiente che un laboratorio di analisi può seguire.
Voglio costruire, partendo dai pregi e dai difetti del protocollo francese, ed approfittando della letteratura scientifica più recente, un’ipotesi di algoritmo diagnostico per la HIT che sia di facile attivazione in una struttura laboratoristica.
Non è mia intenzione soffermarmi sulle problematiche specifiche nella diagnostica di questa sindrome esclusivamente dal punto di vista del medico di laboratorio.
Piuttosto è mia intenzione rivalutarle alla luce di possibili processi di spending review, per proporre eventuali e fattibili risparmi per la spesa sanitaria.
Oggi, sfortunatamente, molto d’attualità e sostanzialmente inevitabili.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 INTRODUZIONE La trombocitopenia indotta da eparina (HIT) è una sindrome tromboembolica dovuta alla somministrazione di eparina. E’ mediata da autoanticorpi che possono determinare: l'attivazione di molteplici tipi di cellule ematiche, principalmente piastrine ed una generazione inappropriata della trombina con il possibile sviluppo di complicanze tromboemboliche. [1] Descritta per la prima volta nel 1957 da Weismann a Tobin su una paziente di 62 anni in cui si era sviluppata una embolia dell’ arteria femorale mentre era in terapia con eparina per una trombosi agli arti inferiori. [2] Furono in seguito i Dr. Silver, Rhodes, e Dixon che nel 1973 svelarono il paradosso di una sindrome che aveva come caratteristiche principali: trombocitemia, trombosi ed una patogenesi autoimmune causata dall’eparina un farmaco anticoagulante, l’eparina, sia che fosse somministrata nella sua forma non frazionata (UFH) che a basso peso molecolare (LMWH) [3]. Studi successivi dimostreranno la produzione di autoanticorpi principalmente in seguito al contatto con una proteina, il Platelet Factor 4(PF4). [4][5] La pericolosità della sindrome è dovuta all’alta frequenza (circa 30-50% dei pazienti) di complicazioni trombotiche arteriose e/o venose ed all’ alto tasso di mortalità, che può essere stimato fra il 10% ed 30%. [6] [7] Esiste un altro tipo di trombocitemia da eparina ad eziologia non immunomediata (precedente chiamata HIT di tipo I) per distinguerla dalla forma a patogenesi autoimmune con generazione di autoanticorpi anti PF4/eparina (detta HIT di tipo II), ma oramai questa dicitura è desueta ed i clinici utilizzano il termine HIT esclusivamente per la forma immunomediata. [4] [8]

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

trombosi
piastrine
eparina
hit
autoanticorpi
trombocitopenia
ufh
fondaparinux
lmwh
aggregometria

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi