Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

I fantasmi della mente

Attraverso l’approfondimento delle opere letterarie di tre diversi scrittori nel panorama culturale americano tra il 1800 e il 1900, questa tesi analizza il significato delle apparizioni dei fantasmi, non soltanto in quanto spettri e visioni ma soprattutto come effetti generati da ossessioni, paure, fobie... Verranno presi in considerazione diversi racconti di Edgar Allan Poe che fanno parte della raccolta "Tales of the Grotesque and Arabesque" (1840), il breve romanzo di Henry James "The Turn of the Screw" (1898) ed alcuni racconti della scrittrice Edith Wharton che fanno parte della raccolta "Ghosts" (1937).

Mostra/Nascondi contenuto.
3 INTRODUZIONE 1-IL FANTASMA Il termine italiano fantasma deriva dal greco phàntasma, che significa apparizione. Molte teorie cercano di spiegare razionalmente o irrazionalmente la natura di queste apparizioni. Lo scopo di questa tesi è di analizzare, attraverso l’approfondimento delle opere letterarie di tre diversi scrittori nel panorama culturale americano, il significato di presunti spettri e visioni. Verranno presi in considerazione diversi racconti di Edgar Allan Poe che fanno parte della raccolta Tales of the Grotesque and Arabesque (1840), il breve romanzo di Henry James The Turn of the Screw (1898) ed alcuni racconti della scrittrice Edith Wharton che fanno parte della raccolta Ghosts (1937). Dal punto di vista razionale e pseudo-scientifico, la causa dell’apparizione di un fantasma può essere attribuita ad una mente sottoposta a degli stimoli generanti un’allucinazione, che comporta un coinvolgimento da parte dei sensi. Proiezioni oniriche, produzioni della mente, distorsioni della realtà, generate da una percezione errata e non obiettiva delle situazioni, o da desideri irrealizzati e sogni annientati. Spesso, con l’obiettivo di trarne guadagno, in denaro o in successo personale, falsi medium e fanatici sfruttano la fiducia del credente utilizzando inganni e fotomontaggi. Studi recenti parlano di proiezioni telepatiche, proiezioni dovute alla capacità di comunicare con la mente, la telepatia. Scatenate da situazioni fortemente stressanti e da squilibri mentali, comportano spesso uno sdoppiamento dell’essere, che andrà a prendere altre forme. Questo tipo di teoria è attribuibile, ad esempio, all’istitutrice in The Turn of the Screw, oppressa dalle preoccupazioni e dalle ansie

Laurea liv.I

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Fabiano Fiore Contatta »

Composta da 115 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1465 click dal 31/01/2014.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.