Skip to content

Sviluppo e validazione di uno strumento multidimensionale del locus of control per il comportamento alla guida

Informazioni tesi

  Autore: Dafne Ravera
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2013-14
  Università: Università degli studi di Genova
  Facoltà: Scienze della Formazione
  Corso: Psicologia
  Relatore: Fabrizio Bracco
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 52

Il tema della sicurezza alla guida è di grande attualità per le politiche di organizzazioni internazionali. Diverse ricerche hanno mostrato come l’attribuzione di responsabilità per le cause degli incidenti su strada sia una determinante chiave per un comportamento di guida più o meno rischioso.
La teoria dell’apprendimento sociale ha identificato come le attitudini che si hanno verso un determinato comportamento siano uno degli elementi principali che contribuiscono all'intenzione di metterlo in pratica (Bandura, 1977), intenzione che a sua volta è fortemente predittiva dell'atteggiamento tenuto, ad esempio, alla guida.
Questo studio nasce per valutare la capacità del test di misura esplicita sulle cause degli incidenti su strada (DLOC) di essere un buon predittore di comportamenti rischiosi alla guida.
Dopo un’analisi attenda della letteratura di riferimento si è costruito un questionario self report rintracciando le caratteristiche chiave del costrutto di personalità del locus of control in strumenti quali il DIDE di Montag e Comrey e il TLOC di Ozkan e collaboratori.
Si è proseguito con un’analisi fattoriale per valutare la validità di costrutto del suddetto test al fine di verificare se il costrutto che si vuole analizzare e in seguito, per valutare la validità di criterio, ovvero il grado di associazione tra la misurazione del costrutto tramite lo strumento e le misurazioni di altri costrutti utilizzati come criteri di riferimento esterno, si è scelto di confrontare i dati emersi dal DLOC con una scheda socio-anagrafica, alcune domande sulla storia di guida del soggetto e un questionario di valutazione esplicita delle attitudini alla guida (DIDE). Se il DLOC dimostrerà buone correlazioni con queste misure ed una buona validità di costrutto potrà essere effettivamente considerato un predittore della tendenza a comportamenti rischiosi alla guida.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
  6   1.2 Fattori psicologici alla base degli incidenti stradali 1.2.1 La percezione del rischio La percezione del rischio è un processo cognitivo coinvolto in diverse attività quotidiane e che orienta i comportamenti umani di fronte a decisioni che coinvolgono dei rischi potenziali. La ricerca ha sottolineato che spesso esiste una discrepanza tra la percezione soggettiva del rischio e la valutazione oggettiva dello stesso (Slovic, 2001). Lo studio psicologico della percezione del rischio esamina le ragioni che sottostanno ai giudizi che le persone danno della rischiosità delle azioni, a questo proposito è possibile riscontrare meccanismi generali, chiamati euristiche, che sottendono al modo in cui le persone elaborano le informazioni provenienti dall’ambiente e quelle che hanno in memoria (Slovic, 2001). La psicologia ha cominciato ad interessarsi di percezione al rischio quando ha compreso che i molteplici approcci al calcolo oggettivo del rischio erano insufficienti per la comprensione della complessità dei comportamenti umani. Il lavoro di Slovic (1987) ha mostrato che esistono alcuni fattori che influenzerebbero in modo particolare la percezione che le persone hanno riguardo la pericolosità di un’azione o di un’attività: il grado di controllo che la persona sente di poter esercitare sull’evento che genera pericolo, in che misura la persona ha deciso volontariamente di affrontare una situazione rischiosa e la gravità delle possibili conseguenze. Nonostante l’evoluzione umana sia anche dovuta al fatto che l’uomo è stato capace di organizzarsi nel prevedere, nel senso letterale di “vedere prima”, l’evoluzione di situazioni incerte; nella pratica ci si trova molte volte di fronte ad una percezione del rischio assente o distorta. Nelle teorie del comportamento di salute ad orientamento cognitivista la percezione del rischio viene intesa come fattore motivazionale che influenza l’adozione di comportamenti salutari. Il rischio, quindi, viene definito come prodotto della probabilità circa il sopraggiungere di avvenimenti negativi e del valore attribuito alle conseguenze degli eventi stessi. Tale probabilità viene intesa come percezione di suscettibilità, ovvero la percezione soggettiva del rischio nei confronti di una minaccia e quindi della misura della propria vulnerabilità verso di essa. La vulnerabilità costituisce il presupposto per l’adozione di comportamenti protettivi (Weinstein, 2007).

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi