Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Ospite, forestiero, nemico, esule: prospettive letterarie di stranieri sinistri

La figura dello straniero non sta ferma, inquadrata in una categoria, la sua essenza è la mobilità e la sua mobilità è quella dell'altro. Questa "perturbante" tensione genera in noi atteggiamenti contrastanti e "sinistri": ospitalità, pregiudizio, apertura, rabbia, confronto, accoglienza. E, inevitabilmente, lascia in sospeso alcuni dubbi. Chi è lo straniero? E straniero rispetto a chi?

Evidentemente "straniero" è colui che è strano, e strano può essere il nemico o il forestiero, l'ospite, il pellegrino o l'esule. Essere stranieri indica, pertanto, una diversa appartenenza: un appartenere a un altro luogo, a un altro popolo.
Indica la provenienza da un fuori che è implicita nell'etimo latino extra, come capita anche per 'forestiero' (foras).
Questa appartenenza a, e provenienza da, un 'fuori' rispetto a un 'dentro', ad 'altri' rispetto a 'noi', è segnalata da aspetto, lingua, costumi, usanze, cibi, abiti; e da una serie di stereotipi sull'indole, sulla natura 'diversa' dello straniero.
Straniero è colui che appartiene a un luogo extra limina, a un foras.
In altre circostanze lo straniero è addirittura il viandante, colui che è sempre 'fuori', per via, fra luoghi a cui non appartiene, a cui giunge, da cui parte.
Lo straniero è colui che viene da fuori, "invade" una comunità e condiziona gli eventi: crea instabilità, fa vacillare certezze già fragili.

Questo passaggio preliminare tende a chiarire la finalità del mio lavoro di ricerca: sciogliere un nodo etimologico; seguire, da un punto di vista cronologico-letterario, il cursus dello "straniero"; provocare riflessioni articolate e attuali. Come con-vivere con l'alterità tutti i giorni? Sappiamo chi siamo quando sappiamo contro chi siamo? Queste domande che accompagnano l'intero percorso di tesi sono le stesse che mi hanno spinto ad intraprenderlo. A queste, e ad altre ancora, ho tentato di dare una risposta.

In conclusione, si percepisce che gli atteggiamenti e le strategie verso lo straniero hanno una relazione forte con la nostra struttura sociale e culturale. Detto nei termini più generali, il comportamento verso lo straniero dipende dal modo di sentire e di essere della comunità, dei gruppi sociali e degli individui. Il senso di sicurezza o la paura verso l'altro sono l'espressione della fiducia che una comunità ha in se stessa; se si crede nella propria capacità di integrare altri individui al proprio interno si ha un atteggiamento di apertura verso lo straniero, non si teme la sua cultura. In fondo, i membri di una tale comunità sono convinti che dall'incontro con l'altro non si venga travolti; al contrario, essi pensano che si possa costruire una prospettiva culturale più interessante, migliore grazie al contributo di altre culture. Vi sono, come si è visto, anche casi nei quali la struttura comunitaria ben integrata diventa la base e il mezzo specifico per tenere ai margini della società i nuovi arrivati. Se invece le comunità e i gruppi sociali sono privi di fiducia in se stessi e nella propria capacità di integrare gente nuova al proprio interno, allora essi assumono atteggiamenti generalmente ostili allo straniero, considerandolo un potenziale pericolo per la sopravvivenza della propria identità collettiva.

Mostra/Nascondi contenuto.
5 Introduzione Quando compare all’orizzonte del “nostro” mondo, lo straniero può presentarsi come un essere incomprensibile. Talora si stenta persino a riconoscergli la caratteristica stessa di uomo. Essere stranieri indica, pertanto, una diversa appartenenza: un appartenere a un altro luogo, a un altro popolo. Indica la provenienza da un fuori che è implicita nell’etimo latino extra, come capita anche per ‘forestiero’ ( foras). Questa appartenenza a, e provenienza da, un ‘fuori’ rispetto a un ‘dentro’, ad ‘altri’ rispetto a ‘noi’, è segna lata da aspetto, lingua, costumi, usanze, cibi, abiti; è segnalata anche da una serie di stereotipi sull’indole, sulla natura ‘diversa’ dello straniero. Straniero è colui che appartiene a un luogo extra limina, a un foras. A rigore, ‘stran iero’, in un senso, indica l’essere in un luogo diverso dal proprio. In questo stesso senso lo straniero è il viandante, colui che è sempre ‘fuori’, per via, fra luoghi a cui non appartiene, a cui giunge, da cui parte. L’essere straniero indica comunque una condizione di passaggio e non di permanenza, una condizione che può anche essere di permanente passaggio, comunque un essere fuori posto, spaesato. Se lo straniero è altro e diverso nel luogo in cui si trova, la prospettiva può anche rovesciarsi e, per me che sono straniero, stranieri sono i luoghi e le genti a cui non appartengo, fra cui viaggio. Lo straniero dunque, anticipando una nozione platonica sulla quale ci soffermeremo in seguito, è, per la sua appartenenza, “perturbante”. Egli è presente, come personaggio, sotto varie forme, in molte opere della letteratura di tutti i tempi, a cominciare da molte fiabe e narrazioni folkloriche e da alcune grandi opere classiche, come la Bibbia, nella quale Mosè e più tardi Giuseppe figurano come ‘stranieri’ nella società egiziana durante l’esilio; o come l’ Odissea, nella quale Ulisse, quando approda nell’isola dei Feaci e incontra Nausicaa, diventa lo

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Lettere

Autore: Domenico Cassese Contatta »

Composta da 161 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1247 click dal 01/04/2014.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.