Il ruolo del consumatore nella politica per la concorrenza

“Non ci può essere libertà se non c’è libertà economica”. “L’economia è il mezzo, l’obiettivo è quello di cambiare il cuore e l’anima”. Così l’unica donna primo ministro britannico - Margaret Hilda Thatcher - dichiarò ai media negli anni ’80, periodo in cui il Regno Unito attraversava un declino economico.
Dunque, l’economia ha sempre interessato tutti i popoli e le nazioni di ogni tempo, rappresentando la disciplina che studia come gli individui, le imprese, il governo e le altre organizzazioni nella società, formulino scelte e come queste scelte determinino l’utilizzo, da parte della società, delle proprie risorse.
Una distinzione largamente condivisa nella teoria economica è quella tra microeconomia e macroeconomia.
Con il primo termine “microeconomia” si intende lo studio del comportamento economico di singoli operatori (quali il consumatore, il mercato, l’impresa, il lavoratore, il risparmiatore, l’investitore); mentre con il termine “macroeconomia” si intende lo studio del funzionamento di un intero sistema economico al fine di determinare l’andamento di quelle grandezze aggregate – spesso definite macroeconomiche – quali il prodotto interno lordo, il livello di occupazione globale, il saldo dei movimenti di merci e capitali di un Paese verso il, e dal, resto del mondo, ecc.
In particolare, gli elementi della microeconomia sono: il mercato, il prezzo e gli operatori privati presenti nel mercato.
In questo lavoro approfondiremo proprio l’elemento del mercato, inteso come il luogo economico in cui avvengono gli scambi di beni. Infatti, secondo la teoria economica il mercato è il meccanismo attraverso il quale si stabiliscono le interrelazioni tra venditori e compratori (i soggetti interessati allo scambio) che danno luogo allo scambio di beni e servizi, indipendentemente da qualunque riferimento geografico. In termini generali il mercato può essere definito come un’organizzazione in cui scopi principali sono:
1) fornire informazioni sulla base delle quali i soggetti economici decidono il proprio comportamento;
2) coordinare le decisioni individuali al fine di renderle compatibili tra loro .
I mercati e il loro funzionamento sono al centro della microeconomia, per cui gran parte della trattazione successiva sarà dedicata allo studio del loro funzionamento e del consumatore.
Dunque, il presente elaborato si articola in quattro sezioni.
Infatti, dopo una prima introduzione al concetto di mercato ed alle sue principali forme (capitolo I), si affronterà lo studio del consumatore, considerato come il contraente debole (capitolo II) e della sua tutela (capitolo III), evidenziando alcune problematiche e, nell’ultimo capitolo, il caso delle telecomunicazioni.
Quindi, si toccheranno tutte queste argomentazioni, in modo da avere un quadro generale di quella che è l’attuale rilevanza della tutela del consumatore nel mercato.

Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE “Non ci può essere libertà se non c’è libertà economica”   . “L’economia è 1 il mezzo, l’obiettivo è quello di cambiare il cuore e l’anima”   . Così l’unica 2 donna primo ministro britannico - Margaret Hilda Thatcher   - dichiarò ai 3 media negli anni ’80, periodo in cui il Regno Unito attraversava un declino economico. Dunque, l’economia ha sempre interessato tutti i popoli e le nazioni di ogni tempo, rappresentando la disciplina che studia come gli individui, le imprese, il governo e le altre organizzazioni nella società, formulino scelte e 6 Tratto dall’articolo del sole24ore n°152928 dell’8 aprile 2013. 1 Tratto dall'intervista per "The Sundays Times", 1 maggio 1981. 2 Margaret Hilda Roberts - conosciuta anche come la Lady di ferro, in inglese The Iron 3 Lady – è stata una politica britannica e l'unica donna ad aver ricoperto la carica di Primo Ministro del Regno Unito (dal 1979 al 1990). Nacque il 13 ottobre 1925 a Grantham nel Lincolnshire, in una famiglia di solidi principi religiosi e di fede protestante metodista. Si laureò in chimica presso il Somerville College dell'università di Oxford; fin dall'università si occupò di politica diventando presidente di un'associazione studentesca conservatrice. Per seguire i suoi impegni politici, si trasferì a Dartford nel Kent dove lavorò presso una famosa industria conserviera inglese. A Dartford partecipò alle elezioni del 1950 e 1951 senza riuscire a sconfiggere il candidato laburista ma conquistando comunque molti consensi che ridussero il grande vantaggio che il Partito Labour deteneva in città. Proprio nel partito conservatore del Kent conobbe Denis Thatcher che sposò nel 1951 e da cui ebbe due figli gemelli (Mark e Carol). Successivamente completò ulteriori studi e divenne avvocato fiscalista di professione. Dal 1975 al 1990 fu inoltre leader del partito conservatore inglese. Il titolo nobiliare di Baronessa di Kesteven nella contea del Lincolnshire le fu dato 7 dicembre 1990. Al suo nome è legata la corrente politica denominata "thatcherismo", che fonde il conservatorismo con il liberismo e il periodo britannico degli anni 1980 è detto "era thatcheriana". È morta l'8 aprile del 2013 all'età di 87 anni a causa di un ictus nella sua suite presso l'Hotel Ritz nel centro di Londra.

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Filomena Vetrano Contatta »

Composta da 129 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 522 click dal 29/05/2014.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.