Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Fedeli alla linea o eretici. La comunicazione degli Eletti a 5 Stelle

Questa tesi compie un'analisi sulla libertà di espressione degli eletti del Movimento 5 Stelle. Compie un excursus tra i diversi casi di espulsioni avvenuti nella "non-associazione" di Beppe Grillo; si pone la semplice domanda "esiste o meno una democrazia interna nel M5S?"

Mostra/Nascondi contenuto.
3 INTRODUZIONE Nell’ultimo decennio l’Italia ha subito un processo di mutamento politico evidente. La sfiducia nei confronti delle istituzioni e dei soggetti politici tradizionali (partiti e sindacati) si è riversata in tendenze antipolitiche ricche di risposte populiste e personalistiche ma anche in uno sperimentalismo partecipativo che ha proposto la democrazia dal basso (poi la e-democracy). L’impegno civico, sociale e politico ha generato un fermento non intercettato dai partiti che può essere inteso come risposta alternativa al fenomeno culturale del “berlusconismo” (assecondato dai partiti di centro-sinistra oscillanti tra il riproporre un partito “pesante” e il modello leaderistico). Una risposta in contrasto con i caratteri tipici della post-democrazia 1 (la personalizzazione e la mediatizzazione della politica, il populismo) che coniugati con i tratti tipici della cultura politica italiana (il clientelismo, lo scarso senso dello Stato), hanno creato un percorso italiano verso il movimentismo. Si sta passando dalla “democrazia dei partiti” alla “democrazia del pubblico” e a fare da traghettatore in questo difficile passaggio troviamo social network e web. Le nuove tecnologie sposano le forme politiche, esiste un’affinità tra il web (rete intesa come infrastruttura digitale) e la rete dell’organizzazione sociale e politica; la rete è il principale luogo di sperimentazione di nuove forme e nuovi significati della partecipazione. 1 Nell’accezione teorizzata Colin Crouch ovvero la possibilità che un sistema politico regolato da norme democratiche, sia progressivamente svuotato dalla prassi politica. Le democrazie tradizionali rischiano di perdere parte delle loro caratteristiche costituenti a favore di nuove forme di esercizio del potere prevalentemente oligarchiche favorite da lobby e gruppi di potere.

Diploma di Laurea

Facoltà: Scienze della Comunicazione, Informazione e Marketing

Autore: Francesco Malfetano Contatta »

Composta da 41 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 248 click dal 04/07/2014.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.