Skip to content

L'uso dei droni nel diritto internazionale

Informazioni tesi

  Autore: Michael Massarutto
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2013-14
  Università: Università degli Studi di Padova
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Politica internazionale e diplomazia
  Relatore: Alessandra Pietrobon
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 180

Quotidianamente oramai sentiamo alla televisione o leggiamo sui giornali di droni impiegati nei più disparati luoghi del pianeta e con innumerevoli finalità.
Stiamo familiarizzando sempre più con questo mezzo frutto del progresso tecnologico, che potrebbe entrare, anche prepotentemente, nelle nostre vite. Ma cosa sono in realtà i droni e quali questioni può porre il loro utilizzo dal punto di vista giuridico? L'intento principale di questa tesi è proprio quello di analizzare i problemi posti dall’uso dei droni nel diritto internazionale. I droni sono velivoli pilotati remotamente tramite segnali da alcuni operatori collocati anche a notevole distanza. In futuro non è da escludere la completa automazione di tali mezzi, che permetta alle macchine di intraprendere delle scelte indipendenti, in base a dei software preinstallati, senza più alcun controllo da parte dell’uomo. I mezzi aerei a pilotaggio remoto, grazie alla loro duttilità e alle loro capacità di poter operare in ambienti difficili, e riducendo al minimo, o eliminando del tutto, il rischio da parte del pilota, possono essere utilizzati agli scopi più diversi sia in ambiti civili sia militari.
La nostra analisi verterà prevalentemente sul tema dell'utilizzo della forza letale con l'ausilio di droni in operazioni di uccisioni mirate, nel contesto della lotta al fenomeno del terrorismo globale. I temi trattati sono di scottante attualità.
È notizia di pochi giorni fa che gli Stati Uniti hanno impiegato loro droni armati per contrapporsi alle truppe dell'ISIS al fine di abbattere alcuni militanti islamici.
Ma le aree interessate da questo tipo di attività sono numerose: dall'Afghanistan al Pakistan, passando per lo Yemen, la Somalia, la Libia, e la Striscia di Gaza.
I droni sono utilizzati poi, sempre in ambito militare, nella raccolta di dati destinati all'intelligence, grazie a sensori e ad apparecchiature fotografiche che permettono l'acquisizione in tempo reale di importanti informazioni sul territorio da monitorare.
L'uso dei droni non resta relegato ad un ambito puramente militare. Le stesse autorità delegate al mantenimento dell'ordine pubblico all'interno di un Paese stanno iniziando a dotarsi di droni. L'utilizzo, e il potenziale, di questi mezzi non è dunque circoscritto alla c.d. war on terror: essi oramai sono uno strumento anche nelle mani delle agenzie di law enforcement nazionali e parte delle operazioni di peacekeeping multinazionali. Il loro dispiegamento in operazioni militari e di law enforcement sarà un elemento da cui non potremmo più prescindere nel futuro prossimo, vista anche la corsa all'acquisizione di tale tecnologia da parte della maggioranza degli Stati e, quindi, alla proliferazione dei droni. Anche il settore privato, considerati i limitati costi di produzione e gli infiniti usi che i droni possono ricoprire, con interessanti ricadute di carattere economico, è sempre più attento e interessato allo sviluppo di questa innovativa tecnologia. Starà ai nostri legislatori determinare i contorni entro cui lo sviluppo dei droni potrà continuare, senza intaccare i diritti di ciascun individuo.
Il fine di questa tesi è di tentare di definire e illustrare il quadro giuridico di riferimento al fine di vagliare il reale impiego dei droni e la sua conformità con le norme del diritto internazionale. Difatti, la questione degli UAV permette di prendere in considerazione una pluralità di sistemi normativi e branche del diritto, proprie del diritto internazionale (oltre che interessare anche i vari ordinamenti interni ai singoli Stati), che vanno dal diritto umanitario e dei conflitti armati, alla tutela dei diritti dell'uomo, passando per le norme sulla sovranità, quelle regolanti il ricorso alla forza armata, e le regole sulla responsabilità internazionale. Si prospetta perciò un'analisi complessa, la quale non ha nessuna pretesa di essere esaustiva, ma vuole fornire gli strumenti chiave per ulteriori spunti di riflessione.
Nel corso di questa tesi verranno analizzate nel dettaglio principalmente le circostanze di impiego degli UAV da parte degli Stati Uniti, tralasciando la pratica di Israele (sono, infatti, soprattutto questi due Paesi a disporre in modo sistematico dell’utilizzo di droni armati), sebbene i criteri che verranno stabili potranno essere impiegati in ogni potenziale situazione di dispiegamento di tali mezzi.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
5 INTRODUZIONE Quotidianamente oramai sentiamo alla televisione o leggiamo sui giornali di droni impiegati nei più disparati luoghi del pianeta e con innumerevoli finalità. Stiamo familiarizzando sempre più con questo mezzo frutto del progresso tecnologico, che potrebbe entrare, anche prepotentemente, nelle nostre vite. Ma cosa sono in realtà i droni e quali questioni può porre il loro utilizzo dal punto di vista giuridico? L'intento principale di questa tesi è proprio quello di analizzare i problemi posti dall’uso dei droni nel diritto internazionale. I droni sono velivoli pilotati remotamente tramite segnali da alcuni operatori collocati anche a notevole distanza. In futuro non è da escludere la completa automazione di tali mezzi, che permetta alle macchine di intraprendere delle scelte indipendenti, in base a dei software preinstallati, senza più alcun controllo da parte dell’uomo. I mezzi aerei a pilotaggio remoto, grazie alla loro duttilità e alle loro capacità di poter operare in ambienti difficili, e riducendo al minimo, o eliminando del tutto, il rischio da parte del pilota, possono essere utilizzati agli scopi più diversi sia in ambiti civili sia militari. La nostra analisi verterà prevalentemente sul tema dell'utilizzo della forza letale con l'ausilio di droni in operazioni di uccisioni mirate, nel contesto della lotta al fenomeno del terrorismo globale. I temi trattati sono di scottante attualità. È notizia di pochi giorni fa che gli Stati Uniti hanno impiegato loro droni armati per contrapporsi alle truppe dell'ISIS al fine di abbattere alcuni militanti islamici. 1 Ma le aree interessate da questo tipo di attività sono numerose: dall'Afghanistan al Pakistan, passando per lo Yemen, la Somalia, la Libia, e la Striscia di Gaza. 1 LAMOTHE D., “Predator drone involved in latest U.S. airstrikes in Iraq”, 8 agosto 2014, disponibile su www.washingtonpost.com; COOPER H./ SCHMITT E., “Airstrikes by U.S. and allies hit ISIS targets in Syria”, in The New York Times, 22 settembre 2014, disponibile su www.nytimes.com

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

terrorismo
diritto internazionale
diritto bellico
uav
war on terror
droni
uccisioni mirate
pilotaggio remoto
targeted killings

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi