Skip to content

Eserciti in Affitto. I Contractors e la Privatizzazione della Guerra

Informazioni tesi

  Autore: Pietro Orizio
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2009-10
  Università: Università Cattolica del Sacro Cuore di Brescia
  Facoltà: Lingue e Letterature Straniere
  Corso: Lingue straniere per la comunicazione internazionale
  Relatore: Giacomo Goldkorn
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 203

Nel marzo 2003, le forze della coalizione guidata dagli USA davano inizio all'operazione Iraqi Freedom, per deporre Saddam Hussein. In quei giorni stavo svolgendo gli ultimi mesi di servizio militare e con i miei commilitoni venivamo fatti riunire presso l'aula di compagnia a seguire i telegiornali e l'evolversi della campagna, con la spiegazione strategica dei nostri ufficiali. Nei mesi precedenti avevo vissuto i preparativi della guerra sulla mia pelle visto che, partecipando all'Operazione Domino (presidio dei luoghi sensibili ad attacchi terroristici) presso l'aeroporto Leonardo da Vinci, di Fiumicino, assistetti ad "un'invasione" di charter civili che trasportavano militari statunitensi verso il Golfo Persico. Da appassionato di vicende militari e soldato, ero quanto mai vicino a quella guerra e ne seguivo l'andamento in maniera spasmodica. Osservando scrupolosamente armi, mezzi, equipaggiamenti ed unità dispiegate, mi balzarono subito all'occhio uomini dall'insolita uniforme: giubbotti tattici e pantaloni color kaki senza insegne, Oakley e berretti da baseball, capelli lunghi e barba, pesantemente armati. Le loro "apparizioni" si facevano sempre più frequenti, incuriosendomi molto. Il termine Contractors trapelò violentemente nel 2004 con l'atroce fine di quattro operatori americani a Falluja. Il rapimento dei 4 Italiani e l'esecuzione di Fabrizio Quattrochi alcune settimane dopo, sdoganò con prepotenza il fenomeno, anche in Italia. La sempre maggior copertura mediatica, non ha fatto altro che accrescere la mia curiosità ed entusiasmo, fino a farne argomento di studio.
Per la realizzazione di questo progetto, ho utilizzato una bibliografia recuperata con mezzi propri e in minima parte attraverso la biblioteca universitaria. Con una certa sorpresa, ho notato che gran parte degli autori si è presa reciprocamente come spunto. Inoltre, essendo nel migliore dei casi risalente al 2005, alcune notizie in essa contenuta, erano ormai datate: il "nuovo mercenarismo" sta subendo decisive e repentine evoluzioni, come non mai. Il mio lavoro si è basato, proprio per questo, sulla raccolta di informazioni inerenti particolari aspetti e sulla verifica della loro attuale validità. Decisamente importante il web, dove ho trovato informazioni aggiornate, praticamente, fino alla data di stampa di questa dissertazione. L'impensata valanga di informazioni, quasi tutte in lingua inglese e disponibili sulle pagine di quotidiani on-line, ha richiesto un lavoro di traduzione, rielaborazione e controllo incrociato non indifferente, vista la complessità e specificità dei termini e l'inaffidabilità delle sole notizie giornalistiche a considerazioni approfondite. Il risultato è stato un elaborato composto da 10 capitoli: Evoluzione storica, l'attuale settore della difesa privata, diffusione geografica delle compagnie
private e caratteristiche, focus sulla Blackwater o Xe, i principali interventi mercenari o di società private, focus Iraq e Afghanistan, la privatizzazione della pace, caratteri commerciali delle società di sicurezza private e legislazione di settore.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
v INTRODUZIONE Nel marzo 2003, le forze della coalizione guidata dagli USA davano inizio all’operazione Iraqi Freedom, per deporre Saddam Hussein. In quei giorni stavo svolgendo gli ultimi mesi di servizio militare e con i miei commilitoni venivamo fatti riunire presso l’aula di compagnia a seguire i telegiornali e l’evolversi della campagna, con la spiegazione strategica dei nostri ufficiali. Nei mesi precedenti avevo vissuto i preparativi della guerra sulla mia pelle visto che, partecipando all’Operazione Domino (presidio dei luoghi sensibili ad attacchi terroristici) presso l’aeroporto Leonardo da Vinci, di Fiumicino, assistetti ad “un’invasione” di charter civili che trasportavano militari statunitensi verso il Golfo Persico. Da appassionato di vicende militari e soldato, ero quanto mai vicino a quella guerra e ne seguivo l’andamento in maniera spasmodica. Osservando scrupolosamente armi, mezzi, equipaggiamenti ed unità dispiegate, mi balzarono subito all’occhio uomini dall’insolita uniforme: giubbotti tattici e pantaloni color kaki senza insegne, Oakley e berretti da baseball, capelli lunghi e barba, pesantemente armati. Le loro “apparizioni” si facevano sempre più frequenti, incuriosendomi molto. Il termine Contractors trapelò violentemente nel 2004 con l’atroce fine di quattro operatori americani a Falluja. Il rapimento dei 4 Italiani e l’esecuzione di Fabrizio Quattrochi alcune settimane dopo, sdoganò con prepotenza il fenomeno, anche in Italia. La sempre maggior copertura mediatica, non ha fatto altro che accrescere la mia curiosità ed entusiasmo, fino a farne argomento di studio. Per la realizzazione di questo progetto, ho utilizzato una bibliografia recuperata con mezzi propri e in minima parte attraverso la biblioteca universitaria. Con una certa sorpresa, ho notato che gran parte degli autori si è presa reciprocamente come spunto. Inoltre, essendo nel migliore dei casi risalente al 2005, alcune notizie in essa contenuta, erano ormai datate: il “nuovo mercenarismo” sta subendo decisive e repentine evoluzioni, come non mai. Il mio lavoro si è basato, proprio per questo, sulla raccolta di informazioni inerenti particolari aspetti e sulla verifica della loro attuale validità. Decisamente importante il web, dove ho trovato informazioni aggiornate, praticamente, fino alla data di stampa di questa dissertazione.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi