Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

''A Message to America'' Analisi semiotico-linguistica del video del gruppo terroristico ISIS che mostra l’esecuzione del giornalista americano James Foley

L'anno 2014 ha visto la rapida escalation del gruppo terroristico ISIS (Stato Islamico dell'Iraq e della Siria), il quale è diventato una delle questioni di politica estera più urgenti a livello internazionale. L'America ha lanciato raid aerei per contrastare la pericolosità del suddetto gruppo terroristico, che sembra avanzare rapidamente in Medio Oriente. L'ISIS costituisce una minaccia a livello internazionale sia per il controllo che sta realizzando nei territori dell'Iraq e della Siria, sia per gli atti di terrorismo internazionale di cui si sono resi protagonisti singoli militanti dell'ISIS. Rilevante è stata anche la presa di posizione del gruppo il 29 giugno 2014, tramite l'auto-proclamazione della nascita di un Califfato in Iraq e in Siria. Prima dei fatti di quest'anno, l'opinione pubblica mondiale non era quasi a conoscenza del gruppo jihadista, nonostante il suo graduale sviluppo perpetuato negli anni. Già nel 2004 infatti, l'AQI (Al-Qaida in Iraq), precedente dell'ISIS, aveva stretto alleanza col celebre gruppo terroristico Al-Qaida, nel contesto della guerriglia irachena.
Inoltre, il 20 agosto 2014, le televisioni in tutto il mondo hanno trasmesso parte del video, intitolato "A Message to America", dove veniva mostrata la decapitazione del giornalista americano James Foley, preceduta da un discorso da parte del giornalista stesso e del suo carnefice. L'uccisione di un cittadino statunitense, operante in Siria, ha portato nel cuore di tutti lo spettro del terrorismo internazionale.
L'oggetto di studio della mia tesi è proprio il video "A Message to America", sul quale realizzo un'analisi testuale di tipo socio-semiotico. Questo vuol dire che compio un'indagine sui fenomeni di significazione derivanti dalle risorse comunicative, verbali e non verbali, presenti nel video. Questo studio viene da me effettuato tenendo conto del contesto storico-sociale di riferimento. L'analisi viene svolta in chiave multimodale, cioè considero tutte le risorse che video ci offre: gesti, parole, angolatura della telecamera, ecc.
Lo scopo di questa tesi è analizzare in maniera accurata, tramite l'approccio di studio sopra descritto, tutti gli aspetti del video "A Message to America".

Mostra/Nascondi contenuto.
5 Introduzione L’anno 2014 ha visto la rapida escalation del gruppo terroristico ISIS (Stato Islamico dell’Iraq e della Siria), il quale è diventato una delle questioni di politica estera più urgenti a livello internazionale. L’America ha lanciato raid aerei per contrastare la pericolosità del suddetto gruppo terroristico, che sembra avanzare rapidamente in Medio Oriente (Rossi 2014). L’ISIS costituisce una minaccia a livello internazionale sia per il controllo che sta realizzando nei territori dell’Iraq e della Siria, sia per gli atti di terrorismo internazionale di cui si sono resi protagonisti singoli militanti dell’ISIS, quali, ad esempio: la sparatoria al parlamento di Ottawa nell’ottobre 2014 e la detenzione di ostaggi in una cioccolateria a Sidney nel dicembre 2014. Rilevante è stata anche la presa di posizione del gruppo il 29 giugno 2014, tramite l’auto-proclamazione della nascita di un Califfato in Iraq e in Siria. Prima dei fatti di quest’anno, l’opinione pubblica mondiale non era quasi a conoscenza del gruppo jihadista, nonostante il suo graduale sviluppo perpetuato negli anni. Già nel 2004 infatti, l’AQI (Al-Qaida in Iraq), precedente dell’ISIS, aveva stretto alleanza col celebre gruppo terroristico Al-Qaida, nel contesto della guerriglia irachena. Inoltre, il 20 agosto 2014, le televisioni in tutto il mondo hanno trasmesso parte del video, intitolato “A Message to America”, dove veniva mostrata la decapitazione del giornalista americano James Foley, preceduta da un discorso da parte del giornalista stesso e del suo carnefice (Ackerman 2014). L’uccisione di un cittadino statunitense, operante in Siria, ha portato nel cuore di tutti lo spettro del terrorismo internazionale. L’oggetto di studio della mia tesi è proprio il video “A Message to America”, sul quale realizzo un’analisi testuale di tipo socio-semiotico. Questo vuol dire che compio un’indagine sui fenomeni di significazione derivanti dalle risorse comunicative, verbali e non verbali, presenti nel video. Questo studio viene da me effettuato tenendo conto del contesto storico- sociale di riferimento. L’analisi viene svolta in chiave multimodale, cioè considero tutte le risorse che video ci offre: gesti, parole, angolatura della telecamera, ecc. Lo scopo di questa tesi è analizzare in maniera accurata, tramite l’approccio di studio sopra descritto, tutti gli aspetti del video “A Message to America”. Dimostro, infatti, tramite l’analisi, che questo video è un “capostipite” del genere testuale in questione. Nonostante ci siano stati altri casi di decapitazioni aventi come vittime giornalisti/operatori occidentali e come carnefici terroristi, questo video è stato realizzato con un’accuratezza di ripresa e con una precisa scelta del lessico senza precedenti. La mancanza di precedenti, oltre che nella modalità di registrazione, riguarda anche il fautore di questo genere di video. Infatti, prima

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Angela Sallustio Contatta »

Composta da 62 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1537 click dal 01/04/2015.

 

Consultata integralmente 8 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.