Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La storia dell'Iraq contemporaneo attraverso le parole di Jabbar Yassin Hussin, poeta iracheno

Questa tesi si propone di presentare il poeta, romanziere e giornalista Jabbar Yassin Hussin, ponendo l'accento sulla visione storica dell'Iraq che emerge dalle sue opere principali.
Pur essendo sempre importante realizzare un quadro del contesto storico in cui si muovono gli autori di cui vogliamo comprendere appieno il pensiero, nel caso di Hussin tale operazione risulta imprescindibile. Gli avvenimenti storici e politici dell'Iraq non ne hanno solo influenzato fortemente la biografia, ma sono diventati necessariamente parte integrante dei suoi scritti.
Dopo un accenno alla storia moderna dell'Iraq e alle condizioni in cui si svolgeva il lavoro degli artisti sotto il regime di Saddam, fondamentali per capire le ragioni dell'esilio, si passa a illustrare la produzione letteraria di Hussin, per poi arrivare al nucleo centrale della tesi.Il presente elaborato tenta dunque di analizzare la duplicità del lavoro dell'autore: da una parte la rappresentazione dei tragici eventi contemporanei, dall'altra un tenace attaccamento alla storia millenaria dell'Iraq, che ha visto nascere la scrittura, l'astronomia, le leggende e i racconti che hanno nutrito l'infanzia del poeta.

Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione Questa tesi si propone di presentare il poeta, romanziere e giornalista Jabbar Yassin Hussin, ponendo l'accento sulla visione storica  dell'Iraq che emerge dalle sue opere principali.  Pur essendo sempre importante realizzare un quadro del contesto storico in cui si muovono gli autori di cui vogliamo comprendere appieno il pensiero, nel caso di Hussin tale operazione risulta   imprescindibile. Gli avvenimenti   storici   e   politici   dell'Iraq   non   ne   hanno   solo   influenzato fortemente   la   biografia,   ma   sono   diventati   necessariamente   parte integrante dei suoi scritti.  Dopo un accenno alla storia moderna dell'Iraq  e alle condizioni in cui si svolgeva il lavoro degli artisti sotto il regime di Saddam, fondamentali per capire le ragioni dell'esilio, si passa a illustrare la produzione letteraria di Hussin, per poi arrivare al nucleo centrale della tesi. Nel suo ruolo di intellettuale iracheno esiliato in Francia, il poeta è cosciente di non poter partecipare attivamente alla storia del proprio Paese. Come lontano spettatore assiste al dramma di quella terra scossa da una violenza che travolge e demolisce le sue radici, i suoi affetti e ricordi, e contro la quale non può nulla. Si rende conto di non poter cambiare il presente,   ma   può   immedesimarsi   in   coloro   che   vivono   tali   eventi drammatici, così come può ricordare il passato affinché non vada distrutto. Il presente elaborato tenta dunque di analizzare tale duplicità: da una 2

Laurea liv.I

Facoltà: Lingue e Letterature Straniere

Autore: Biancamaria Fiore Contatta »

Composta da 38 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 324 click dal 16/06/2015.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.