Skip to content

La nascita dell'università di Bologna

Informazioni tesi

  Autore: Gianluca Dalla Vecchia
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 1999-00
  Università: Università degli Studi di Trento
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Giovanni Rossi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 75

L’università intesa come originaria definizione di “universitas magistrorum discipulorumque” è nata a Bologna nel XII secolo. Non ebbe una fondazione formale, perché promanava da un autonomo amor scientiae. Sorse in un’epoca di profonda rinascita socio - culturale, economica e politica, quale quella avvenuta dopo l’anno 1000 in tutta Europa, e si è imposta grazie all’evoluzione secolare dei vecchi centri diffusori di cultura: dai monasteri, alle cattedrali, all’università, che resta tuttavia un “prodotto” del tutto originale e innovativo del panorama storico presente all’inizio del secondo millennio. Non si può non sottolineare il ruolo avuto dal rinascimento giuridico e dalla ripresa del glorioso diritto romano nella fondazione dello Studium bolognese: sepolto e dimenticato per oltre sei lunghi secoli, esso era sopravvissuto grazie all’opera del ceto notarile, ed ora, grazie a spiccate personalità quali Pepo, ma soprattutto Irnerio e coloro che gli successero, era pronto a essere adoperato nuovamente sotto una nuova “veste”. Raccolto dall’oblio e riordinato, fu finalmente analizzato, studiato e insegnato a coloro che si mostravano desiderosi di conoscere una materia tanto complessa quanto grande ed importante. Questa nuova scienza giuridica, nota col nome di scuola dei Glossatori, acquistò subito una tale fama che a Bologna si raccolse una gran folla di studenti ad ascoltare le parole degli illustri dottori che impartivano le prime lezioni in sedi improvvisate, visto che mancavano ancora aule e stabili edifici. Essi pagavano la “collecta” al loro maestro, e, dopo alcuni anni di frequenza, si trovavano dinanzi alle prove finali, superate le quali, conseguivano la “licentia docendi”, ovvero la prima forma di un titolo accademico, fino a quel momento mai esistito, grazie al quale cominciavano a loro volta a raccogliere il proprio uditorio e a impartire le prime lezioni.
Il modello della scuola bolognese si espanse in diverse città italiane ed europee, desiderose di imitare “l’alma mater”, la madre di tutte le università.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
4 PREMESSA Il termine università (dal latino “universitas-atis”), e il suo significato, come insieme, totalità, universalità, ebbe origine dopoché a Bologna nell’ultimo quarto del XII sec. la parola fu riferita alla corporazione degli scolari, insieme di persone associate per un fine ben preciso quale quello dello studio. L’università medioevale si caratterizzò in una forma bipolare di “Studium generale”, quale luogo aperto a tutti, e di “universitas magistrorum et scholarium”, la quale per prima concesse la licenza “ubique docendi” dopo la frequenza e un complesso esame finale. In questo contesto non ci fu quindi soltanto l’origine dell’istituto universitario, ma fu anche fissato il sistema ordinatore per le età successive, in quanto questa istruzione fu organizzata in facoltà e istituti con un piano di studi e il conseguimento di un titolo di laurea al termine di un corso accademico, proprio come, mutatis mutandis, avviene ai nostri giorni 1 . Quindi università come corporazione in senso generico, creata dallo spirito associativo proprio dell’epoca medioevale che diviene l’emblema esclusivo della società corporativa di maestri e studenti, “universitas societas magistrorum discipulorumque”. 1 C. H. Haskins, La rinascita del XII secolo, Il Mulino, Bologna, 1972, pp.307-308.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
reda[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

insegnamento del diritto
irnerio
università del diritto
università
storia del diritto italiano
università di bologna
alma mater

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi