Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'influenza dei depuratori di Cairate e di Olgiate Olona sulla qualità delle acque del fiume Olona

Obiettivo del tirocinio è stato quello di mappare la situazione di disinfezione delle acque in uscita dagli impianti di depurazione, e valutare la qualità del corpo idrico recettore.
In particolare il lavoro svolto si pone lo scopo di verificare:
- Se le misure adottate per contenere la problematica relativa alla disinfezione sono idonee e/o sufficienti;
- Se i limiti di legge risultano accettabili;
- Dove è necessario rispettarli e dove invece si potrebbe richiedere un innalzamento degli stessi.

Si è inoltre preso nota delle criticità emerse durante le analisi, e sono state valutate delle alternative alla disinfezione ottenuta tramite dosaggio di ipoclorito di sodio.

Mostra/Nascondi contenuto.
2 1 Introduzione 1.1 Il problema dell’inquinamento idrico La degradazione qualitativa delle acque rappresenta il problema più immediato da risolvere nel risanamento di un territorio. L’acqua infatti è l’elemento vitale dell’ambiente, non solamente perché da essa dipendono i principali meccanismi biologici e le principali attività dell’uomo, ma soprattutto perché, da un punto di vista più ampio di quello tecnico-scientifico, essa è da sempre il simbolo della qualità della nostra vita. Lo sviluppo industriale di questi ultimi decenni, pur con tutti i vantaggi economici che ne sono derivati, rischia di rendere sempre meno utilizzabile questo bene essenziale a causa dell’inquinamento. In molte zone d’Italia i corpi idrici versano in gravi condizioni in conseguenza degli scarichi urbani ed industriali. Numerosi corsi d’acqua sono diventati dei veri e propri collettori di fognatura ed in mancanza di idonei provvedimenti di risanamento, si è scelto di chiudere gli stessi in canalizzazioni coperte. Nel tentativo di promuovere il risanamento ambientale lo Stato ha emanato una Legge a “Tutela delle acque dall’inquinamento” che prevede obblighi e compiti precisi per tutti ed in particolare per gli enti locali. In virtù dei vincoli impositivi e programmatori della vigente legislazione, si sono attivate diverse iniziative pubbliche facenti capo a singoli comuni o a Consorzi Intercomunali ed Interprovinciali ai quali compete la costruzione e la gestione di opere di raccolta, convogliamento e depurazione degli scarichi. Prealpi Servizi, società interamente pubblica con la quale ho lavorato durante questo tirocinio, si colloca tra i primi operatori in questo settore di sua competenza. Il funzionamento dell’impianto di depurazione di Cairate, come quello di Olgiate Olona, è infatti finalizzato alla tutela e al risanamento dell’ambiente, in particolare alla gestione del servizio idrico integrato, che è costituito dall’insieme dei servizi pubblici di captazione, adduzione e distribuzione di acqua ad usi civili di fognatura e di depurazione delle acque reflue.

Laurea liv.I

Facoltà: Ingegneria per la sicurezza del lavoro e dell'ambiente

Autore: Davide Maruelli Contatta »

Composta da 64 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 176 click dal 10/11/2015.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.