Skip to content

Il mondo tra verità e finzione cinematografica. La invención de Morel

Informazioni tesi

  Autore: Roberta Torsello
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2014-15
  Università: Università degli Studi di Urbino
  Facoltà: Lingue e Letterature Straniere
  Corso: Lingue e culture moderne
  Relatore: Giovanni Darconza
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 38

Quest’elaborato è un’analisi del romanzo La invención de Morel (1940) dello scrittore argentino Adolfo Bioy Casares e del film tratto dal libro, L’invenzione di Morel (1974) diretto da Emidio Greco. Nel primo capitolo si presenta l’autore e il romanzo: vengono offerte alcune notizie biografiche e una lista delle sue più importanti pubblicazioni e collaborazioni con altri autori, Jorge Luis Borges e Silvina Ocampo.
Si passa poi a presentare lo stile narrativo dell’autore, caratterizzato da un sottile umorismo e da un grande rigore intellettuale, e i temi privilegiati delle sue opere, quali l’unione di vita e letteratura, la solitudine, la comunicazione dell’uomo con il mondo e l’amore.
Nel terzo paragrafo del primo capitolo si contestualizza l’autore nel genere fantastico: il fantastico di Bioy Casares, infatti, può essere ben descritto attraverso le parole di Tzvetan Todorov, che afferma che il fantastico affonda le radici nel mondo reale. Le leggi naturali vengono sconvolte da un evento soprannaturale, e l’interpretazione che il protagonista cerca di dare oscilla tra una spiegazione razionale e una spiegazione soprannaturale dell’evento: Todorov definisce questa incertezza come esitazione e ci identifica la vera natura del fantastico.
Il lavoro di Bioy Casares viene poi messo in relazione con il postmoderno, tendenza letteraria degli anni Sessanta, quindi successiva all’autore argentino. Molti temi tipici di questa corrente sono già presenti nelle opere di Bioy Casares, come l’incomunicabilità dell’uomo, la sua continua ricerca di un’identità, la creazione di mondi paralleli e l’impossibilità di determinare l’esistenza del mondo in cui viviamo, messa in discussione dalla riproducibilità tecnica.
Nel quarto paragrafo si espone la trama de La invención de Morel e si opera un’analisi del prologo scritto da Jorge Luis Borges e del simbolismo presente nell’opera: gli specchi, l’isola, i sogni e il ruolo di scrittore riflettono perfettamente i temi tipici del postmoderno.
Nel terzo capitolo si introduce il concetto della riproduzione della vita attraverso una riflessione sul film L’invenzione di Morel diretto da Emidio Greco. Nel primo paragrafo si presenta il contesto cinematografico in cui si inserisce il film, cioè la nascita del cinema moderno. Questa nuova tendenza cinematografica è caratterizzata dall’incertezza: lo spettatore viene spiazzato dalla pellicola perché essa mostra nuove sfaccettature dei personaggi e della trama e sta allo spettatore trovarne il filo conduttore. Lo strumento principale, quindi, è lo sguardo: attraverso abili giochi di inquadrature, i registi del cinema moderno mostrano allo spettatore tutti i punti di vista della realtà, presentandola come frammentata, sia dal punto di vista temporale che spaziale.
Infine, si analizza il film L’invenzione di Morel, esponendo le varie tecniche con cui Emidio Greco ha portato sulla pellicola la condizione del protagonista e i temi più importanti del romanzo.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
3 Capitolo 1 Adolfo Bioy Casares e il fantastico 1.1 L’autore Adolfo Bioy Casares nasce il 15 settembre 1914 a Buenos Aires. Sin da piccolo dimostra una grande creatività, tanto che lui stesso dichiara di aver cominciato a scrivere prima ancora di aver cominciato a leggere. 1 Studia presso il Colegio Libre, dove consolida la sua passione per la scrittura attraverso la pubblicazione del suo primo racconto Vanidad o una aventura terrorífica, a soli quattordici anni. Nel 1929 pubblica il suo primo libro, Prólogo. Non consegue nessun titolo di laurea, nonostante abbia provato a costruire una carriera accademica dapprima in Giurisprudenza, poi Lettere e Filosofia. Nel 1933 pubblica il suo secondo libro, Dieci siete disparos contra lo porvernir, nel 1934 pubblica Caos, una raccolta di racconti che ricevette le critiche più disparate e opposte tra di loro a causa della natura “caotica” – come suggerisce il titolo della raccolta – degli scritti. Data molto importante per la carriera di Bioy Casares è il 1940, con la pubblicazione de La invención de Morel. Lui stesso definisce questo romanzo come prima opera seria, con la quale vince il Premio Municipal de Buenos Aires. Ciò che senza dubbio ha segnato maggiormente la crescita letteraria di Bioy Casares è il rapporto con Jorge Luis Borges. Negli anni ’30 i due scrittori cominciano a collaborare: il loro primo lavoro fu ciò che oggi chiameremmo unfoglio illustrativo scientifico e commerciale riguardante un prodotto dietetico, nel 1937. Poco dopo pubblicarono la rivista Destiempo; inoltre fondarono anche un’omonima casa editrice. La lista delle loro collaborazioni è lunga: pubblicano nel 1940 la Antología de la literatura fantástica e nel 1941 la Antología poética argentina, due pubblicazioni che vedono la collaborazione anche della moglie di Bioy Casares, Silvina Ocampo, anch’essa scrittrice e poetessa argentina; Los memore cuentos policiales nel 1943;numerosi lavori di argomento cinematografico, come Los orilleros, El paraíso de los creyentes, Crónicas e Nuevas crónicas de Bustos Domecq, nel 1967. In questi anni cominciano a usare lo pseudonimo di Honorio Bustos Domecq, in seguito quello di Benito Suárez Lynch. Quando Bioy Casares pubblica La invención de Morel, Borges scrive il prologo all’opera. Questo fa capire come la collaborazione dei due scrittori abbia portato alla nascita di una sincera 1  M. Paley de Francescato, Entrevista a Bioy Casares, Hispamérica núm. 9 (1975), p. 75.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi