Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Ecomafia e giornalismo d'inchiesta ambientale: il caso dell'Emilia-Romagna

L’ecomafia è il termine coniato da Legambiente più di vent’anni fa per designare i reati contro l’ambiente e la salute delle persone, nello specifico lo smaltimento illegale di rifiuti, la cementificazione abusiva, il business illegale in campo agroalimentare, il racket degli animali e il furto e la vendita illecita delle opere d’arte, che solo nel 2013 hanno fatto guadagnare alle organizzazioni criminali italiane circa 15 miliardi di euro. Un fenomeno nato intorno agli anni ‘60 del secolo scorso nelle regioni a tradizionale presenza mafiosa, si è poi diffuso sul resto d’Italia coinvolgendo non solo i clan della camorra, della mafia, della ‘ndrangheta e della sacra corona unita ma anche professionisti, tecnici, ingegneri, architetti ed enti pubblici, questi ultimi rappresentano i cosiddetti ‘colletti bianchi’. Dato l’enorme giro d’affari connesso ai reati ambientali, la mente dell’ecomafia non riposa mai ed è sempre pronta ad adattarsi alla situazione economica, politica, ambientale e sociale del paese e se necessario a reinventarsi pur di generare utili.

Mostra/Nascondi contenuto.
5 Introduzione L’ecomafia è il termine coniato da Legambiente più di vent’anni fa per designare i reati contro l’ambiente e la salute delle persone, nello specifico lo smaltimento illegale di rifiuti, la cementificazione abusiva, il business illegale in campo agroalimentare, il racket degli animali e il furto e la vendita illecita delle opere d’arte, che solo nel 2013 hanno fatto guadagnare alle organizzazioni criminali italiane circa 15 miliardi di euro. Un fenomeno nato intorno agli anni ‘60 del secolo scorso nelle regioni a tradizionale presenza mafiosa, si è poi diffuso sul resto d’Italia coinvolgendo non solo i clan della camorra, della mafia, della ‘ndrangheta e della sacra corona unita ma anche professionisti, tecnici, ingegneri, architetti ed enti pubblici, questi ultimi rappresentano i cosiddetti ‘colletti bianchi’. Dato l’enorme giro d’affari connesso ai reati ambientali, la mente dell’ecomafia non riposa mai ed è sempre pronta ad adattarsi alla situazione economica, politica, ambientale e sociale del paese e se necessario a reinventarsi pur di generare utili. Nel primo capitolo viene delineata la situazione attuale in Italia relativa ai reati contro l’ambiente. Dai dati emersi dall’Osservatorio ambiente e legalità, il 25% degli illeciti viene commesso nel settore alimentare. Percentuale che nel 2014 ha subito un incremento dell’840%, con un giro d’affari di 4,3 miliardi di euro. Le agromafie vanno a intaccare tutte le fasi che riguardano la produzione, la lavorazione, la distribuzione e la vendita del prodotto. Inoltre, le famiglie mafiose più potenti possiedono catene di bar, ristoranti, strutture alberghiere, imprese agricole e perfino i terreni agricoli per un totale di 5.000 locali di ristorazione in mano alla criminalità organizzata, che nella maggior parte dei casi sono stati intestati a dei prestanome. Secondo l’Osservatorio Flai Cigl su 1.558 aziende confiscate alle mafie più di novanta sono attive in ambito agricolo e, dei 10.563 beni confiscati 2.500 sono terreni destinati all’agricoltura. Più che ai terreni, i clan mafiosi mirano ai mercati agricoli di tutta Italia, sono loro che purtroppo decidono i prodotti e i loro relativi prezzi destinati a finire sulle tavole degli italiani. In questo modo, l’agromafia va anche a intaccare l’eccellente qualità dei prodotti alimentari italiani dichiarati Dop e Igp.

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Valentina Sciarrabba Contatta »

Composta da 141 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 855 click dal 04/03/2016.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.