Skip to content

Il linguaggio della geograficità

Informazioni tesi

  Autore: Luigi Musilli
  Tipo: Tesi di Specializzazione/Perfezionamento
Specializzazione in PAS A043
Anno: 2014
Docente/Relatore: Andrea Riggio
Istituito da: Università degli Studi di Cassino
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 51

Per “linguaggio della geograficità” si vuole intendere il linguaggio che si sviluppa dall’unione degli strumenti geometrici di rappresentazione spaziale e geografici di descrizione e analisi di un territorio. Nella scuola primaria e secondaria di primo grado, ala Geografia è demandato il compito della costruzione del “senso dello spazio” nell’allievo; di fargli acquistare, durante le fasi di crescita e apprendimento, un linguaggio dello spazio in cui esso si muove. Un linguaggio della geograficità.
Come si può evincere da una lettura approfondita delle Indicazioni Nazionali sopra esposte, occorre attrezzare l’allievo degli strumenti necessari per lo sviluppo di questo linguaggio. Passando, durante le fasi dell’apprendimento del primo ciclo di istruzione, dalla descrizione del territorio vissuto a quello rappresentato. In un processo di crescita della capacità di astrazione, l’allievo acquisisce durante gli anni le capacità descrittive e di sintesi di territori estranei al territorio vissuto. L’ultima fase, con conseguente compimento delle capacità linguistico-geografiche, è quella in cui l’allievo acquisisce gli strumenti per una descrizione profonda dei territori in tutti i suoi aspetti non solo geografici, ma anche socio-politico-economici. In questo contesto formativo-normativo si inserisce il presente lavoro.
Gli strumenti di cui si avvale il linguaggio della geograficità sono di certo gli strumenti in grado di descrivere geometricamente e geograficamente un territorio. La cartografia è senz’altro il metodo fondamentale che è stato utilizzato nei secoli per la descrizione dei territori. Senza entrare nei dettagli delle tecniche di rappresentazione cartografiche possiamo senz’altro affermare che la scienza della cartografia di fatto rappresenta uno strumento fondamentale della geografia e dei suoi linguaggi. I metodi di disegno, le scelte cromatiche e le caratteristiche grafiche fanno parte insieme agli elementi tecnici (tipo di proiezione, scala di rappresentazione etc. ) del linguaggio della geograficità espresso attraverso le rappresentazioni cartografiche.
Gli strumenti di comunicazione hanno, come in tutti i linguaggi, degli elementi di base, elementi fondamentali. Nel linguaggio della geograficità essi sono i dati geometrici/topografici, e i dati che provengono da operazioni di rilievo (diretto o indiretto). Essi a sua volta possono essere quantitativi o semplicemente qualitativi. Il ruolo del linguaggio è fondamentale per il loro utilizzo, per la loro aggregazione e sintesi. I dati statistici sono di gran lunga i più utilizzati per la descrizione delle caratteristiche quantitative e qualitative del territorio, il più delle volte vengono accompagnati da carte tematiche descrittive delle peculiarità da evidenziare. Un ultimo accenno, non meno importante, va fatto all’utilizzo di immagini pittoriche. Spesso indicate come “l’arte della rappresentazione cartografica” sono spesso molto più efficaci in termini comunicativi che di analoghe carte tematiche basate su rappresentazioni geometriche. A questa famiglia appartengono anche tutte le rappresentazioni slegate dai vincoli geometrici della forma del territorio. Mappe e cartografie spesso utilizzate per veicolare informazioni in maniera diretta piuttosto che “rilevata dalla carta”.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Il linguaggio delle geograficità Percorsi Abilitanti Speciali 4 1. Introduzione: le Indicazioni Nazionali per il Curricolo 2012 Viene esposta una breve cronologia degli interventi normativi che portano all’adozione nel dicembre 2012 delle Indicazioni nazionali per il Curricolo. Con l’adozione dell’autonomia didattica (L. 59/1997) e con la successiva emanazione del regolamento (DPR 275/99), vengono definiti in modo chiaro il senso ed il significato delle indicazioni nazionali per il curricolo, precisando i compiti dello Stato e quelli relativi alle singole istituzioni scolastiche.  L. 59/1997 – art.21 c.9: “L’autonomia didattica è finalizzata al perseguimento degli obiettivi generali del sistema di istruzione […]. Essa si sostanzia nella scelta libera e programmata di metodologie, strumenti, organizzazione e tempi di insegnamento.”  DPR 275/1999 (Regolamento dell’Autonomia scolastica) – cap. III – Curricolo nell’Autonomia, art. 8: “Il Ministro della Pubblica Istruzione […] definisce […] a) gli obiettivi generali del processo formativo; b) gli obiettivi specifici di apprendimento […]; c) le discipline e le attività costituenti la quota nazionale dei curricoli e il relativo monte ore […] etc…” In virtù dell’art. 8 del DPR 275/1999 è compito delle singole istituzioni scolastiche definire nel Piano dell’Offerta Formativa della Scuola, il curricolo obbligatorio per i propri alunni, in modo da integrare le quote definite a livello nazionale con quelle riservate per attività facoltative e flessibili. Un altro importante contributo normativo alla definizione del curricolo si attua con la Legge n. 53 del 28 marzo 2003, (legge Delega) che all’art. 2 c.1 recita: “I Piani di studio personalizzati nel rispetto dell’autonomia delle istituzioni scolastiche, contengono un nucleo fondamentale omogeneo su base nazionale (Indicazioni

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi