Skip to content

Hasan 'Uthman, traduttore della Commedia: l'Inferno dantesco tra omissioni, autocensure e questioni interreligiose

Informazioni tesi

Autore: Manuel Capomaccio
Tipo: Laurea liv.I
Anno: 2013-14
Università: Libera Università degli Studi San Pio V di Roma
Facoltà: Interpretariato e Traduzione
Corso: Lingue per l'Interpretariato e la Traduzione
Relatore: AngeloIacovella
Lingua: Italiano
Num. pagine: 51

Nel presente elaborato verranno esaminate tutte le questioni summentovate, alle quali il traduttore arabo-musulmano ha dovuto far fronte approcciandosi all’opera dantesca e, quindi, tutti i relativi stratagemmi adoperati in sede di traduzione.
Fonte di particolare interesse si sono rivelate le scelte traduttive del professor Ḥasan ʿUṯmān, dantista e traduttore egiziano, nonché il fulcro attorno a cui ruoterà tale studio, congiuntamente alla sua versione araba del poema dantesco.
Si farà luce sull’affascinante figura di questo rivoluzionario traduttore cairota, il quale ha dedicato 18 anni della sua esistenza (dal 1951 al 1969) alla traduzione integrale della Commedia del poeta fiorentino, a cui ʿUṯmān si è accostato con «passione quasi monoteistica» (De Simone, 1974: 24).
La versione ʿuṯmāniana, infine, verrà confrontata con un’altra suggestiva traduzione della Commedia patrocinata dall’UNESCO ed edita nel 2002, ossia quella del poeta e traduttore iracheno Kāẓim Ǧihād Ḥassan. L’attenzione si focalizzerà successivamente sugli espedienti traduttivi adoperati dai due traduttori in occasione del canto XXVIII dell’Inferno, dove vengono narrate le vicende di Muḥammad e ʿAlī.
Il presente studio si concluderà con un breve e schematico compendio degli elementi esaminati durante il processo di redazione dell’elaborato.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
11 1. Tradurre Dante in arabo: la sfida dei traduttori arabo-musulmani 1.1 La dantistica nel mondo arabo: origini ed evoluzione «Legger Dante è un dovere; rileggerlo è bisogno: sentirlo è presagio di grandezza» (Tommaseo, 1854: 13), scriveva il Tommaseo nel suo autorevole Commento alla Divina Commedia. Si può asserire con perentoria certezza che il mondo arabo non abbia adempito a suddetto dovere fino agli inizi del secolo scorso. In effetti, la tradizione degli studi danteschi nel mondo arabo ha origini piuttosto recenti; esse vanno indubbiamente coincidendo con la rivoluzionaria pubblicazione de La escatologia musulmana en la Divina Comedia (1919) di Miguel Asín Palacios, la quale è riuscita ad attirare l’attenzione del pubblico arabo-musulmano sulla Commedia ed il suo illustre autore. La questione delle fonti arabo-islamiche della Divina Commedia sollevata da Asín Palacios, però, non è stata la sola scintilla ad aver innescato l’interesse della cultura arabo-islamica nei confronti degli scritti danteschi: nei primi anni del XX secolo, infatti, al-waṭan al-ʿarabiyy (“il mondo arabo”) ha assistito ad un processo di modernizzazione e di apertura al mondo occidentale, avvenuto per mezzo del fenomeno della cosiddetta ḥarakat at-tarǧamah (“movimento di traduzione”). Codesto movimento è stato definito da Peled come una sorta di «sforzo cosciente della società araba di apprendere ed acquisire alcuni aspetti della cultura e della civiltà occidentale» 1 (Peled, 1979: 128); tale sforzo di avvicinamento alla cultura del Vecchio continente, inoltre, è stato probabilmente determinato anche dall’emergere di una nascente coscienza nazionalista araba, da intendersi «nell’accezione di un diffuso sentimento panarabo, anticoloniale e di rilettura del proprio patrimonio attraverso il confronto con un “canone” europeo» (Benigni, 2011: 394). Quale altra opera — in ambito letterario — potrebbe meglio incarnare tale “canone europeo” se non la Commedia dantesca? Questo è l’effervescente clima che ha dato vita alla tradizione degli studi danteschi all’interno del mondo arabo-musulmano, inizialmente incentrata quasi 1 Traduzione a cura del candidato.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario, dalla commissione in sede d'esame, e - se pubblicata su Tesionline - anche dalla nostra redazione.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

islam
divina commedia
maometto e dante
dantistica
hasan 'uthman
traduzione divina commedia in arabo
kazhim jihad

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani

Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi?
Quale sarà il docente più disponibile?
Quale l'argomento più interessante per me?
...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile


La tesi l'ho già scritta, ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri. Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi