Skip to content

La guerra prima della guerra: la propaganda di Antonio e Ottaviano da Filippi ad Azio

Informazioni tesi

  Autore: Alessandra Rossi
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2010-11
  Università: Università degli Studi di Perugia
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Lettere
  Relatore: Roberto Cristofoli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 75

La tesi analizza il periodo storico compreso tra la conclusione della battaglia di Filippi e la vigilia di Azio, con una particolare attenzione agli eventi che vennero strumentalizzati dalla propaganda politica di Ottaviano e Antonio. Dopo un breve capitolo introduttivo sulla spartizione del potere dopo Filippi, l'attenzione si sposta sull'ascesa politica di Ottaviano dal 41 fino alla battaglia di Nauloco (36 a.C.); il capitolo successivo è invece incentrato sullo scenario orientale, dominato dalla personalità di Antonio: vengono quindi trattate le controverse scelte politiche e militari del triumviro, dal primo incontro con Cleopatra alla fallimentare conclusione della campagna partica. Il quarto capitolo ha come oggetto le fasi finali della lotta per il potere (35-31 a.C.) e l'aspra propaganda di delegittimazione reciproca messa in atto dai triumviri alla vigilia di Azio. La tesi si conclude con una sezione di carattere letterario, dedicata allo sviluppo del tema della battaglia di Azio nei versi dei poeti augustei.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
3 I. Dopo Filippi “Così dunque perirono Bruto e Cassio, trafitti dalle spade con cui avevano ucciso Cesare 1 . Perirono anche tutti gli altri che avevano preso parte alla congiura, tranne pochi, alcuni prima, altri in quella battaglia, altri ancora dopo, come richiedeva la giustizia e conformemente ai decreti della divinità, che voleva che gli assassini del proprio benefattore, un uomo che si era tanto distinto per le doti personali e per l’aiuto della Fortuna, finissero tragicamente” 2 . Nelle Res Gestae, Augusto dichiara perentoriamente (ma con poca sincerità) di aver vinto due volte in campo aperto gli uccisori del padre; com’è noto, fu invece Marco Antonio il vero trionfatore a Filippi. Nella prima battaglia del 3 ottobre del 42, mentre Bruto conquistava l’accampamento di Ottaviano 3 , Antonio infliggeva una durissima sconfitta alle truppe di Cassio 4 , inducendolo al suicidio 5 . E quando Bruto fu attaccato a forze congiunte (23 ottobre 42), la salute malferma e l’inesperienza militare impedirono ad Ottaviano di contendere la gloria all’acclamato collega di triumvirato. Ristabilita “la giustizia divina”, Ottaviano e Antonio stipularono subito accordi 6 per la spartizione del potere, trattando il collega Lepido 7 come “un’entità trascurabile” 8 : Ottaviano ottenne Spagna (sottratta a Lepido) e Numidia; ad Antonio 1 Per una documentata e nota sintesi della battaglia di Filippi vd. Syme 1962, pp. 204-207. 2 Cass. Dio XLVIII,1,1 (trad. it. Norcio). 3 Le fonti sono piuttosto contraddittorie circa i movimenti di Ottaviano; secondo la sua versione, divulgata nell’Autobiografia, un sogno fatto da un suo amico lo avrebbe convinto a ritirarsi prima dello scontro (vd. Plut., Ant. 22,2; cfr. Vell. II,70,1 e Flor. II,14,7,9). 4 Per compensare l’esito poco brillante di Ottaviano, la storiografia ufficiale tentò di ridimensionare il ruolo di Antonio: vd. Plut., Ant. 22,3 e Flor. II,17,7,10. 5 Vd. Flor. II,14,7,12-14. 6 Cass. Dio XLVIII, 1,3- 2. 7 Marco Emilio Lepido fu uno dei principali sostenitori di Cesare; pretore nel 49 a. C., propose il conferimento della dittatura a Cesare, che lo ricompensò affidandogli il governo della Spagna Citeriore. Fu console nel 46 e magister equitum dal 46 al 44. Dopo il cesaricidio si alleò con Antonio, ottenendo la dignità di pontefice massimo. Nel 43, con Ottaviano e Antonio formò il triumvirato rei publicae constituendae, e gli venne assegnato il governo della Spagna e della Narbonense. Quando scoppiò la guerra civile fu nominato console, e rimase a Roma con funzione di mediatore. Ma “malgrado il nome e la posizione, egli era stato presto superato dagli eventi e dagli uomini cui si era associato; aveva scarso prestigio sulle truppe e aveva perdute molte occasioni per affermarsi”(vd. Levi 1951, p. 95). 8 Vd. Syme 1962, pp. 207-208.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

battaglia di azio
storia romana
ottaviano
propaganda politica
marco antonio
cleopatra
sesto pompeo
guerra di perugia
virgilio, orazio, properzio
letteratura augustea

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi