Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Gli "invisibili" della commedia americana classica (1930-'41)

Una tesi sulla figura del "povero" nella commedia americana classica dal 1930 al 1941, attraverso l'analisi dei film più rappresentativi del periodo.

Mostra/Nascondi contenuto.
GLI “INVISIBILI” DELLA COMMEDIA AMERICANA CLASSICA (1930-'41) di Giuseppe Casapulla “Contrariamente alle apparenze, la commedia era il genere più serio di Hollywood. Nel senso che rifletteva sul tono comico le più profonde convinzioni sociali e morali della vita americana.” André Bazin 1 PREMESSA Con il crollo della borsa di Wall Street nel 1929, negli Stati Uniti ebbe inizio un periodo di drammatica crisi economica: la Grande Depressione. Grazie all'elezione del nuovo presidente Franklin D. Roosevelt nel 1932, fu varato un piano di riforme economiche e sociali che prese il nome di New Deal, il quale si protrasse fino al 1937. Ma fino al '32 la situazione fu tragica: i disoccupati aumentarono vertiginosamente e sulle sponde dei fiumi cominciarono a sorgere enormi baraccopoli. 2 Neppure il cinema riuscì ad evitare questa ondata di recessione. Per fronteggiare la crisi, nei primi anni trenta nacque il “Doppio Programma” (due film al prezzo di uno), e per attirare sempre più persone si offrivano lotterie con premi vantaggiosi. 3 A parte le quattro maggiori compagnie cinematografiche (Warner Bros, MGM, Columbia, United Artists), che si mantennero stabili soprattutto grazie alla produzione dei film di prima visione, le altre quattro majors (Paramount, RKO, Universal, Fox) furono colpite da gravi dissesti finanziari. 4 Ma da un certo punto di vista, il periodo della Depressione fu un colpo di fortuna per i cineasti americani, che rispetto al passato si dimostrarono più consapevoli delle loro 1 André Bazin, Il cinema della crudeltà, Milano, Il Formichiere, 1979, p. 44. 2 Leonardo Gandini, “Il cinema cantore della metropoli”, in Gian Piero Brunetta (a cura di), Storia del cinema mondiale, vol. II, Tomo 1°, Torino, G. Einaudi, 1999, p.578. 3 Giuliana Muscio, “Cinema: produzione e modelli sociali e culturali negli anni trenta”, in Gian Piero Brunetta (a cura di), op. cit., pp. 610-612. 4 Robert Sklar, Cinemamerica: una storia sociale del cinema americano, Milano, Feltrinelli, 1982, pp.188-192 1

Laurea liv.I

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Giuseppe Casapulla Contatta »

Composta da 51 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 73 click dal 30/11/2016.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.