Skip to content

Il disturbo non verbale dell’apprendimento. Rapporto con le difficoltà di apprendimento della matematica e della geometria

Informazioni tesi

  Autore: Giulia Balletto
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2014-15
  Università: Università degli studi di Genova
  Facoltà: Scienze della Formazione
  Corso: Psicologia
  Relatore: Paola Viterbori
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 150

Negli ultimi decenni si è verificato un notevole incremento degli studi volti a definire modelli di funzionamento sia normale sia patologico e all’individuazione dei fattori critici che caratterizzano i vari disturbi specifici di apprendimento (DSA).
In generale, i DSA possono essere definiti come un gruppo eterogeneo di disturbi che si manifestano attraverso significative difficoltà nell’acquisizione e nell’uso di capacità quali la lettura, la scrittura, il ragionamento e il calcolo. Tali disordini, che sono intrinseci all’individuo e interessano tutto l’arco della sua vita, si presume siano dovuti a disfunzioni del sistema nervoso centrale. Sebbene le difficoltà di apprendimento possano coesistere con altre condizioni di disabilità (impedimenti sensoriali, ritardo mentale, disturbi sociali ed emotivi) o con particolari condizioni ambientali (differenze culturali, istruzione insufficiente o inappropriata) esse non sono il risultato di tali condizioni o delle influenze di queste (NJCLD, 1988).
I bambini e i ragazzi che nel corso della loro carriera scolastica incontrano momenti di particolare difficoltà negli apprendimenti sono numerosi. Le motivazioni alla base di tali difficoltà possono essere molteplici: scarsa motivazione, disattenzione, deficit neuropsicologici di diversa natura. In questa tesi verranno presi in considerazione quei problemi di apprendimento che dipendono dalla presenza di deficit non verbali, in particolare da quelli di natura visuo-spaziale. Tale tipologia di problematiche, ad oggi, non è ancora stata riconosciuta dai principali manuali diagnostici come un vero e proprio DSA, e non di rado capita che per tale motivo venga sottovalutata o confusa con altri disturbi. Ciò nonostante, per via delle numerose ricerche che di recente sono state condotte e che continuano ad essere svolte in quest’ambito, si sta via via progredendo verso una sempre maggiore consapevolezza di quello che viene chiamato “Disturbo Non Verbale dell’Apprendimento” (DANV).
Nel corso di questo elaborato, verrà dapprima delineato il “percorso storico” che ha portato all’identificazione dell’esistenza di tale quadro, passando dalla cosiddetta “Sindrome Non Verbale” (SNV) identificata da Rourke (1989), al DANV vero e proprio per come lo si intende oggi. In questa prima parte verrà fornito un inquadramento teorico sulle caratteristiche cliniche di tali individui, mettendo in luce il loro profilo neuropsicologico e comportamentale, con le loro risorse e i loro deficit, e cercando poi di raccogliere quelli che, alla luce dei molti studi effettuati, possono essere considerati i criteri diagnostici per il riconoscimento di tale disturbo. Successivamente, dopo aver fornito una panoramica di quelli che sono i principali modelli riguardo la strutturazione ed il funzionamento della Memoria di Lavoro (MdL), verrà analizzata in particolare l’architettura di una sua sotto-componente, la Memoria di Lavoro Visuo-Spaziale (MLVS), la quale risulta essere selettivamente compromessa in tali individui, riportando anche numerosi studi a dimostrazione dell’effettivo rapporto tra DANV e MLVS. Si proseguirà poi analizzando quali implicazioni tale compromissione produce sul piano pratico, con particolare riferimento all’ambito degli apprendimenti scolastici, e focalizzando il discorso soprattutto sulle evidenti e significative difficoltà che i bambini affetti da tale problematica riscontrano nell’acquisizione delle abilità matematiche e geometriche. Infine, l’ultima parte del lavoro sarà dedicata all’intervento: verranno riportate le più importanti proposte per il trattamento riabilitativo presenti sul territorio nazionale, nonché indicate le strategie didattiche ritenute maggiormente efficaci nel produrre dei progressi in queste particolari aree di apprendimento, e in generale per migliorare la qualità della vita di queste persone.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
4 INTRODUZIONE Negli ultimi decenni si è verificato un notevole incremento degli studi volti a definire modelli di funzionamento sia normale sia patologico e all’individuazione dei fattori critici che caratterizzano i vari disturbi specifici di apprendimento (DSA). In generale, i DSA possono essere definiti come un gruppo eterogeneo di disturbi che si manifestano attraverso significative difficoltà nell’acquisizione e nell’uso di capacità quali la lettura, la scrittura, il ragionamento e il calcolo. Tali disordini, che sono intrinseci all’individuo e interessano tutto l’arco della sua vita, si presume siano dovuti a disfunzioni del sistema nervoso centrale. Sebbene le difficoltà di apprendimento possano coesistere con altre condizioni di disabilità (impedimenti sensoriali, ritardo mentale, disturbi sociali ed emotivi) o con particolari condizioni ambientali (differenze culturali, istruzione insufficiente o inappropriata) esse non sono il risultato di tali condizioni o delle influenze di queste (NJCLD, 1988). I bambini e i ragazzi che nel corso della loro carriera scolastica incontrano momenti di particolare difficoltà negli apprendimenti sono numerosi. Le motivazioni alla base di tali difficoltà possono essere molteplici: scarsa motivazione, disattenzione, deficit neuropsicologici di diversa natura. In questa tesi verranno presi in considerazione quei problemi di apprendimento che dipendono dalla presenza di deficit non verbali, in particolare da quelli di natura visuo-spaziale. Tale tipologia di problematiche, ad oggi, non è ancora stata riconosciuta dai principali manuali diagnostici come un vero e proprio DSA, e non di rado capita che per tale motivo venga sottovalutata o confusa con altri disturbi. Ciò nonostante, per via delle numerose ricerche che di recente sono state condotte e che continuano ad essere svolte in quest’ambito, si sta via via progredendo

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]ne.it

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

psicologia
sviluppo
psicologia dello sviluppo
disturbi specifici dell'apprendimento
dsa
disturbi apprendimento
danv
disturbo apprendimento non verbale
disturbo visuo spaziale
psicologia dell'apprendimento scolastico

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi