Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Ruolo e riforme del Fondo Monetario Internazionale nella stabilità dei mercati

La crisi finanziaria del 2007-2009 è stata la più grave crisi finanziaria di tutti i tempi. L’instabilità e le perdite economiche generate da questo avvenimento hanno portato la governance finanziaria internazionale a cercare delle risposte in modo da evitare il ripetersi di questi eventi catastrofici, sia per quanto riguarda il livello economico e sia per quanto riguarda il livello sociale. Per perseguire questi obiettivi si è passati attraverso a una revisione degli organi già esistenti e preposti alla difesa della stabilità finanziaria globale, con lo scopo di comprendere gli errori e gli eventuali del passato e fornire gli strumenti a queste istituzioni in modo da poter prevenire un’altra crisi di un’entità tale in futuro.
A questo scopo il primo capitolo si concentrerà sul ruolo delle banche centrali, sull’importanza della stabilità monetaria e sui rischi esistenti per quest’ultima. Il secondo capitolo tratterà l’argomento del Fondo Monetario Internazionale come organizzazione a carattere universale volta a preservare la stabilità monetaria globale, come è strutturata la sua governance e come ha agito nella gestione della crisi. Infine il terzo e ultimo capitolo tratterà le riforme al Fondo Monetario Internazionale e all’architettura finanziaria globale con l’obiettivo di evitare un’eventuale nuova crisi in futuro.

Mostra/Nascondi contenuto.
Capitolo 1 Il problema delle crisi finanziarie e la stabilità monetaria globale Le banche centrali e l’influenza sulla politica monetaria Le banche centrali sono responsabili della politica monetaria in tutti gli Stati, mentre i governi sono responsabili della politica fiscale. Questi due tipi di politiche sono idealmente indipendenti e questo coincide nel breve periodo. Questo però non è possibile sul lungo periodo, a meno che la politica fiscale sia sostenibile o che la banca centrale sia indifferente al rischio di bancarotta. Le politica monetaria influenza l’economia reale tramite tre canali di trasmissione: i tassi di interesse, il prezzo delle attività finanziarie e il credito. Il primo canale di trasmissione della politica monetaria è il tasso d’interesse e fa riferimento al modello keynesiano tradizionale: all’aumentare o al diminuire del tasso d’interesse è inversamente proporzionale la diminuzione o l’aumento degli investimenti. Questo è spiegabile con il fatto che, qualora vi sia un guadagno sufficiente tramite il prestito di denaro, chi ha la possibilità di investire tenderà a non farlo poiché riceverà un guadagno soddisfacente a prestare denaro mentre, viceversa, quando il tasso d’interesse è basso, chi ha la possibilità di investire non trova soddisfacente prestare denaro poiché non genererebbe un guadagno soddisfacente, per cui preferisce investire i propri soldi in attività più redditizie (Benassy-Quere 2012). Il secondo canale di trasmissione della politica monetaria è il prezzo delle attività finanziarie, è quello che riguarda azioni, obbligazioni e beni immobili. In questo caso una diminuzione del tasso di interesse accresce il valore dei prodotti finanziari e immobiliari già posseduti dalle famiglie, poiché i risparmiatori cercano di acquistare i prodotti già presenti sul mercato remunerati con un maggior tasso d’interesse. Un caso in cui vi è stato un abbassamento del tasso d’interesse e abbiamo assistito a questa situazione è avvenuto negli Stati Uniti con la bolla dot. com e la bolla speculativa del mercato immobiliare (Benassy-Quere 2012). Il terzo canale di trasmissione della politica monetaria dipende invece dall’offerta di credito: le banche aumentano o riducono la loro offerta di credito a seconda del modo in cui riescono a finanziarsi sui mercati. È diverso dal canale del tasso d’interesse poiché quest’ultimo dipende dalla domanda di credito da parte di imprese e famiglie. Questo canale di trasmissione può creare una discriminazione nell’accesso ai prestiti poiché, qualora le banche riducessero il credito disponibile, 4

Laurea liv.I

Facoltà: Culture, Politiche e Società

Autore: Davide Bella Contatta »

Composta da 28 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 329 click dal 01/09/2017.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.