Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Crescere bilingui: i vantaggi del bilinguismo tra pregiudizi e strategie educative

Il presente elaborato di tesi si pone il fine di illustrare in maniera esaustiva il fenomeno del bilinguismo, cercando di evidenziare e comprendere i benefici che esso offre in relazione alle aree dello sviluppo cognitivo, sociale e culturale del bambino.
Nella prima parte del lavoro ci si concentra sulla pura descrizione del concetto di bilinguismo, sui fenomeni ad esso paralleli e sul panorama linguistico italiano ed europeo.
Nella seconda parte si pone l'accento sulle evidenze scientifiche offerte dalla letteratura, relativamente ai vantaggi che il bilinguismo apporta a livello del funzionamento cognitivo, neurobiologico, metalinguistico e metapragmatico del cervello.
Infine, si prendono in esame le strategie educative, didattiche, familiari e culturali che consentano al bambino e quindi all'allievo di crescere e formarsi in un contesto
volto alla promozione e alla difesa della pratica bilingue.

Mostra/Nascondi contenuto.
5 INT RODUZ IONE C ome stima va Grosje a n (2010), oltre la me tà de lla popola z ione mondia le , pa rla norma lme nte più di una lingua . Attua lme nte , a c a usa de l proc e sso di globa liz z a z ione , e de ll’a ume nto de i flussi migra tori ne i c onfronti de ll’Ita lia e de ll’E uropa , il monolinguismo non ra ppre se nta più la c ondiz ione di ordina ria norma lità a ll’inte rno de lla fa miglia , de lla sc uola e de lla soc ie tà ste ssa . L ’a c quisiz ione linguistic a e d il c onta tto c on le lingue , a vve ngono ne c e ssa ria me nte a ll’inte rno di una re a ltà multilingue . Solta nto me dia nte l’informa z ione e la c onosc e nz a de l fe nome no de l bilinguismo, la fa miglia , la sc uola e la soc ie tà a vra nno gli strume nti a de gua ti pe r ope ra re in ma nie ra e ffic a c e a live llo de ll’e duc a z ione bilingue e de ll’a c c oglie nz a e a c c ompa gna me nto de gli a lunni stra nie ri a ll’inte rno de l siste ma sc ola stic o. Me dia nte l’informa z ione e la c onosc e nz a , sa rà possibile a rgina re i pre giudiz i in me rito a l bilinguismo, e fa r e me rge re il va lore de lla pra tic a bi/plurilingue ne lla vita quotidia na . Il pre se nte e la bora to di te si si pone l’obie ttivo di de sc rive re in ma nie ra e sa urie nte il fe nome no de l bilinguismo, pe r illustra re i va nta ggi c he e sso a pporta c onc re ta me nte ne llo sviluppo c ognitivo de l ba mbino e a nc he ne llo sviluppo soc ia le e c ultura le ne l c onte sto plurilingue a ttua le . Da gli studi riporta ti in le tte ra tura , risulta fonda me nta le inc ora ggia re e promuove re il bilinguismo e la bic ultura lità prima ria me nte a ll’inte rno de lle fa miglie , e in se guito a ll’inte rno de l c onte sto forma tivo e d e duc a tivo, propone ndo progra mmi sc ola stic i e iniz ia tive di politic a linguistic a c he inc e ntivino e d a lime ntino l’inte re sse in me rito a l bilinguismo. Il primo c a pitolo de sc rive il fe nome no de l bilinguismo, pre se nta ndo le de finiz ioni e le c la ssific a z ioni proposte in le tte ra tura , c onside ra ndo l’e tà a na gra fic a re la tiva a ll’a c quisiz ione di L 2 (C onte nto e t a l., 2010; Abde lila h-B a ue r, 2008; Pinto e t a l., 2010), il gra do di c ompe te nz a in L 1 e L 2 de l pa rla nte (Pinto e t a l., 2010), lo sta tus e d il pre stigio rive stito da gli idiomi pre se nti ne lla c omunità (C onte nto e t a l., 2010; Pinto e t a l., 2010), e l’ide ntità c ultura le e linguistic a de l pa rla nte ste sso (Da l Ne gro e t a l., 2007). Si e vide nz ia inoltre c ome la le tte ra tura offra nume rosi e le me nti a soste gno de l bilinguismo e

Laurea liv.I

Facoltà: Psicologia

Autore: Samantha Mattei Contatta »

Composta da 100 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 353 click dal 07/02/2018.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.