Skip to content

Il nursing del paziente con Edema Polmonare Acuto Cardiogeno nell'Unità di Terapia Intensiva Cardiologica

Informazioni tesi

  Autore: Valentina Calabrese
  Tipo: Tesi di Master
Master in MASTER IN AREA CRITICA ED EMERGENZA IN AMBITO INFERMIERISTICO
Anno: 2017
Docente/Relatore: Cristina Piffari
Istituito da: Università Telematica Pegaso
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 49

L'argomento riguarda una condizione patologica che richiede un rapido intervento terapeutico-assistenziale ovvero l'edema polmonare acuto di origine cardiogena (EPAc).
L'EPAc si manifesta come un'emergenza medica caratterizzata da improvvisa e intensa dispnea a riposo e senso di morte imminente e consiste in un aumento del contenuto di liquido extravascolare nel polmone per trasudazione di liquido siero ematico nell'interstizio, negli alveoli e nei bronchioli.
In questo rapido intervento terapeutico-assistenziale, l'infermiere fa attivamente parte in quanto contribuisce alla realizzazione di procedure volte a correggere tutte quelle condizioni che sono causa della patologia e mette in atto un attento monitoraggio del paziente critico che mira a prevenire possibili complicanze e a valutare gli effetti della terapia in atto.
L'elaborato si propone di ricercare le evidenze scientifiche presenti in letteratura nazionale ed internazionale mediante ricerca nelle banche dati specialistiche quali “PubMed, Cinahl, Evidence Based Nursing ed Assistenza Infermieristica e Ricerca” realizzando una revisione della letteratura e un approfondimento bibliografico. Lo scopo sarà quello di unificare e sintetizzare le più aggiornate evidenze scientifiche riguardo la gestione infermieristica del paziente in EPAc in modo da porsi come base per l'elaborazione di un protocollo interno alla clinica di facile consultazione per il personale infermieristico con riferimenti al protocollo diagnostico, al trattamento iniziale e alla terapia di urgenza.

La formulazione del quesito prevede la strutturazione secondo il metodo PICO, acronimo di Patient o Problem, Intervention, Comparison e Outcome.
La revisione della letteratura è stata condotta finalizzando l'attenzione all'assistenza infermieristica e al monitoraggio del paziente affetto da EPAc (Intervention) con lo scopo di realizzare un protocollo interno alla clinica per garantire un'assistenza ottimale al paziente (Outcome). La ricerca è rivolta ai pazienti adulti affetti da Edema Polmonare Acuto Cardiogeno ricoverati nell'Unità di Terapia Intensiva Cardiologica (Patient).

In questo elaborato verranno valutati gli aspetti più importanti dell'assistenza al paziente con EPAc. Il primo argomento che verrà approfondito è quello legato al monitoraggio del paziente critico ricoverato in UTIC e nello specifico la valutazione di quei parametri vitali che possono dare informazioni sulle cause e sulle complicanze della patologia, sulla strategia del trattamento e sulla sua efficacia.
L'infermiere, inoltre, deve essere in grado di conoscere le apparecchiature che usa, le modalità di rilievo dei parametri vitali, correlare i dati relativi alle condizioni cliniche del paziente, interpretare i dati verificandone l'attendibilità, valutare l'opportuna frequenza di rilevazione dei dati in base alla criticità/complessità assistenziale del paziente pianificando il lavoro.
L'attuale approccio terapeutico dell'EPAc si avvale della ventilazione meccanica non invasiva (NIMV) con CPAP (Continuous Positive Airway Pressure) come first line therapy. Per questo motivo, nell'elaborato, verrà analizzato il ruolo dell'infermiere nel nursing del paziente trattato con CPAP. Infatti, i dati riportati in letteratura dimostrano come l'insufficienza respiratoria acuta (IRA) secondaria ad EPAc sia una delle condizioni che rispondono meglio al trattamento con NIMV sulla base di un forte razionale fisiologico tanto da far ritenere il trattamento ventilatorio non invasivo come ormai standardizzato.
La scelta dell'interfaccia è un fattore determinante del successo di questa tecnica e, spesso, la ventilazione non invasiva trova fallimento a causa del disagio e della poca tollerabilità del paziente. Dunque, in questo elaborato si è deciso di analizzare il ruolo dell'infermiere nella gestione della CPAP tramite casco o scafandro in quanto dal confronto tra le varie interfacce, il casco sembra molto vantaggioso in termini di comfort del paziente, di tollerabilità e di riduzione delle lesioni pur mantenendo un buon riscontro in termini di miglioramento dell'ossigenazione e dei parametri emodinamici.
Il nursing del pazienti con EPAc è un processo dinamico nel quale il professionista infermiere esercita, quindi, una funzione essenziale.
L'EPAc, per la sua gravità, richiede un attento monitoraggio delle funzioni vitali e un assistenza continuativa altamente specializzata; per questo motivo, è tra le patologie più frequentemente trattate all'interno delle Unità di Terapia Intensiva Cardiologica.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 INTRODUZIONE Per l’elaborato finale del Master di I° livello in “Area critica ed emergenza in ambito infermieristico” ho deciso di trattare un argomento che nasce dalla volontà di unire le personali esperienze lavorative e il tirocinio svolti presso l’Unità di Terapia Intensiva Cardiologica della Clinica San Carlo di Paderno Dugnano (MI). L’argomento riguarda una condizione patologica che richiede un rapido intervento terapeutico-assistenziale ovvero l’edema polmonare acuto di origine cardiogena (EPAc). L’EPAc si manifesta come un’emergenza medica caratterizzata da improvvisa e intensa dispnea a riposo e senso di morte imminente e consiste in un aumento del contenuto di liquido extravascolare nel polmone per trasudazione di liquido siero ematico nell’interstizio, negli alveoli e nei bronchioli. 1 In questo rapido intervento terapeutico-assistenziale, l’infermiere fa attivamente parte in quanto contribuisce alla realizzazione di procedure volte a correggere tutte quelle condizioni che sono causa della patologia e mette in atto un attento monitoraggio del paziente critico che mira a prevenire possibili complicanze e a valutare gli effetti della terapia in atto. 2 L’elaborato si propone di ricercare le evidenze scientifiche presenti in letteratura nazionale ed internazionale mediante ricerca nelle banche dati specialistiche quali “PubMed, Cinahl, Evidence Based Nursing ed Assistenza Infermieristica e Ricerca” realizzando una revisione della letteratura e un approfondimento bibliografico. Lo scopo sarà quello di unificare e sintetizzare le più aggiornate evidenze scientifiche riguardo la gestione 1 SUZANNE C. SMELTZER (2010), “Brunner-Suddarth, Infermieristica medico-chirurgica. Casa Editrice Ambrosiana, Vol.1 2 JEAN FRANCOIS BENEZET et al (2003), “Edema polmonare acuto: condotta da tenere nelle prime ore.” EM consulte

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

nursing
infermieri
cpap
edema polmonare acuto
ventilazione meccanica
insufficienza respiratoria
area critica ed e,mergenza infermieristica
unita' coronarica cardiologia
scafandro casco
ventilazione meccanica non invasiva

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi