Skip to content

L'evoluzione del sistema elettorale nell'ordinamento costituzionale italiano. Il ruolo della Corte costituzionale

Informazioni tesi

  Autore: Edoardo Martino
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2016-17
  Università: Università degli Studi di Palermo
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Laura Lorello
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 150

L’ombra della Corte costituzionale è sempre stata presente a costante monito per la classe politica; quasi un autorevolissimo deterrente vivente preposto a scacciare certe tentazioni riformatrici dell’impianto elettorale. Una classe politica, quella italiana, che ha preferito ostinarsi nella mitizzazione di un riformismo radicale, curiosamente bipartisan (esaltato in ogni caso come epocale), piuttosto che operare più prudenti cesellature che consentissero di fare progressi per i quali non ci fosse ragione di temere la scure della giustizia costituzionale.
Dopo che la Consulta, superata una fase di tentennante immobilismo, è intervenuta con importanti e storiche ablazioni in materia elettorale, si è posta la questione dell’opportunità politico-giuridica di predisporre una regolamentazione stabile, definitiva (e, banalmente, legittima) del sistema elettorale nel nostro Paese.
La classe politica che si è alternata con una discontinuità davvero poco convincente negli ultimi vent’anni, manifesta oggi soprattutto una singolare attenzione alla questione della governabilità: onnipresente nel dibattito pubblico è divenuto il mito della stabilità, presentata quale panacea in grado di curare tutti i mali della società e di scacciare il temuto spettro dei populisti al potere. Rischio, quest’ultimo, per scongiurare il quale storici avversari non hanno esitato a far fronte comune, stringendo alleanze improponibili in una democrazia conflittuale come quella italiana, preferendo correre il rischio di disorientare l’elettorato piuttosto che metabolizzare l’epilogo del bipolarismo.
Esaminata la legislazione elettorale nel suo complesso, in questa trattazione si è ampiamente messa in evidenza la stretta e reciproca interdipendenza esistente tra sistema dei partiti e forma di governo, dal momento che l’andamento di quest’ultima segue le fasi di evoluzione del primo. Su tale rapporto si è rivelato incidere significativamente anche il sistema elettorale, giacché esso concorre a definire la configurazione del sistema dei partiti (e, dunque, i tratti essenziali del principale fattore di determinazione delle concrete dinamiche della forma di governo).
In questa ricerca s’è poi discusso e ci si è interrogati su quale ruolo abbia giocato (e quale, in futuro, potrà giocare) la Corte costituzionale in materia elettorale, riflettendo sulla questione della discrezionalità legislativa e dei suoi limiti. Si è difatti chiarita l’evoluzione in senso interventistico cui la Consulta è giunta dopo anni di garbato seppur travagliato attendismo istituzionale, pervenendo infine addirittura alle nette censure cui si è accennato ed ai moniti neanche troppo velati che sono stati rivolti al legislatore.
La Corte costituzionale, ha fatto con poche sentenze quello che altri attori istituzionali di massimo rilievo non sono riusciti a fare nemmeno quando violazioni di consuetudini costituzionali hanno permesso mandati sproporzionatamente lunghi: non imporre, ma indicare una via, lasciando poi al legislatore l’ultima parola sui dettagli, limitandosi a fissare i principi cardine irrinunciabili.
Se non esatta, la corrispondenza tra il voto espresso ed il risultato politico dell’elezione dovrebbe quantomeno tendere il più possibile all’esattezza. E questo un sistema elettorale ad impianto rigorosamente maggioritario difficilmente può garantirlo, ragion per cui non si poteva che approdare alla proposta di sistemi elettorali proporzionali corretti (in senso maggioritario) che tenessero conto, e del valore della rappresentatività, e di quello della governabilità, nel desiderabile auspicio di legislature che possano giungere alla propria naturale scadenza sotto rappresentanti finalmente (più) rappresentativi e legittimati.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
4 INTRODUZIONE Perché è davvero molto importante soffermarsi sull’evoluzione del sistema elettorale italiano e perché è così indispensabile collegare un simile oggetto di studio al ruolo istituzionale che la Corte costituzionale ricopre nel nostro ordinamento? La risposta è senz’altro rintracciabile tenendo presente l’assoluta particolarità della forma di governo parlamentare italiana. Un contesto, quest’ultimo, in cui risulterebbe impossibile garantire la rappresentatività senza la presenza di un organo costituzionale che preservi la stessa, vuoi vista la storica tentazione delle forze politiche di sopraffarsi a vicenda, vuoi per scongiurare il ripetersi di quelle capitali superficialità giuridico-istituzionali che nei primi anni del Secolo Breve aprirono la strada a nefasti fenomeni distorsivi della contesa elettorale. Così, la ricerca di un equilibrio, è anche ricerca di affrancamento dalle difficoltà cui è inevitabilmente sottoposto il procedimento decisionale politico-parlamentare quando interessa temi determinanti quali i meccanismi di formazione della rappresentanza politica. Ricerca di una normalizzazione possibile, la quale solo dal giudice delle leggi può essere efficacemente intrapresa e perpetrata. Sulla scorta di queste considerazioni appare pacifica la pregnante natura politica che caratterizza quella originalissima legge (formale) ordinaria che va sotto la denominazione di legge elettorale. Quest’ultima, componente principale di qualsiasi sistema elettorale, possiede una veste giuridica che si potrebbe definire scomoda se non, addirittura, ambigua: essa è sì formalmente una comune legge ordinaria, ma è altresì innegabile l’enorme peso specifico di rilievo costituzionale che la normativa elettorale possiede, potendo l’ingegneria elettorale determinare (quantomeno in potenza) sbilanciamenti e mutazioni genetiche nell’ambito della forma di governo di una comunità.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi