Skip to content

Disuguaglianza Economica, Metodi Di Calcolo Ed Implicazioni Nella Povertà E Nella Crescita

Informazioni tesi

  Autore: Giuseppe Tomasello
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2014-15
  Università: Università degli Studi di Catania
  Facoltà: Economia
  Corso: Scienze economiche
  Relatore: Salvatore  Ingrassia
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 76

Questo elaborato tratterà, quindi, della disuguaglianza economica, un tema ampio e complesso ma sempre attuale, che torna in auge soprattutto nei periodi di particolare crisi economica come quella degli ultimi anni. L’argomento mi ha sempre affascinato, sin da quando frequentavo le elementari e studiavo il Prodotto Interno Lordo dei vari paesi del mondo; negli anni universitari mi hanno colpito particolarmente l’indice di Gini e la curva di Lorenz che sono usati soprattutto in campo economico, specialmente sulle tematiche riguardanti le disuguaglianze nella distribuzione del reddito.
L’argomento sarà esposto sotto diversi punti di vista, per prima cosa si esporranno gli strumenti di calcolo del potere economico e della disuguaglianza onde poter effettuare il raffronto che verterà sulle differenze sia dei singoli Stati che dei cittadini che vi abitano, inoltre, verranno trattate le implicazioni che la disuguaglianza ha nella povertà e nella crescita di una nazione. L’esposizione sarà effettuata mediate l’uso di tabelle e di grafici tramite i dati ricavati da enti statistici, inoltre, mi avvarrò degli studi di diversi autori per esporre le tematiche riguardanti le correlazioni della disuguaglianza.

La tesi è divisa in 2 capitoli principali, con paragrafi e sotto paragrafi, in quanto, data la notevole mole di dati, è opportuno separare i diversi argomenti trattati. Saranno qui esposti brevemente le principali tematiche in cui è suddivisa della tesi.
Capitolo 1. Nel primo capitolo verrà analizzata la disuguaglianza fra i paesi considerati come unica identità economica, si utilizzerà quindi il prodotto interno lordo come strumento di comparazione. Successivamente verrà utilizzato il PIL pro-capite per effettuare il confronto anche con i cittadini dei vari stati.
Capitolo 2. Questo capitolo verterà sulla disuguaglianza interna dei paesi, ossia della diversità nella distribuzione dei redditi all’interno di un’economia. Nel primo paragrafo verranno esposti gli strumenti mediante i quali misurare il grado di ineguaglianza di una distribuzione, essi saranno l’indice di Gini sul quale verterà la maggior parte della tesi, la curva di Lorenz e un nuovo indice di concentrazione, l’indice di Zenga. Successivamente, verranno confrontati i diversi valori dell’indice di Gini registrati nei vari paesi. Gli ultimi due paragrafi metteranno in relazione la disuguaglianza interna con la crescita e la povertà riportando gli studi di importanti economisti.

Questa tesi vuole essere oggettiva ed esporre la realtà dei fatti in modo trasparente e reale, priva di facile retorica o qualunquismo. Nel desiderio che questa opera possa fornire un rapido sguardo di insieme sulla tematica trattata e che possa essa essere il coronamento del corso di studi, ringrazio chiunque mi abbia sostenuto per tutti questi anni aiutandomi a realizzare il mio percorso di crescita personale.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
4 INTRODUZIONE ALLA TESI Circa metà della ricchezza mondiale è detenuta dall’1% della popolazione più ricca, la metà della popolazione più povera, circa 3,5 miliardi di persone, hanno un reddito annuale che sommato sarebbe pari a quello degli 85 uomini più ricchi del pianeta. Un miliardo di persone non ha accesso all’acqua potabile, 22.000 bambini muoiono ogni giorno a causa dell'indigenza, La mortalità dei bambini sotto i 5 anni nati nell’Africa sub-sahariana è dell’ 8,6%, nei paesi ricchi, invece, è pari allo 0,5%; più di un quarto della popolazione che vive nei paesi poveri soffre di denutrizione, mentre nei paesi sviluppati aumentano le patologie legate all’obesità; il 99,9% dei Nigeriani non ha una linea telefonica fissa; l’Africa con una popolazione di oltre 1 miliardo di persone produce meno del 3,7 % della ricchezza totale del pianeta 1 . Da questi pochi esempi, si evince facilmente l’enorme disparità che vi è nel mondo in termini di condizioni economiche e sociali, vi sono paesi che sono riusciti ad affermarsi nel panorama mondiale e sono riusciti ad assicurare condizioni di vita dignitose ai propri cittadini, altri, invece, che non riescono a fuoriuscire dallo stato di miseria e in cui ancora malattie e povertà causano milioni di morti; la disuguaglianza è molto evidente su larga scala come gli esempi proposti, ma è altrettanto evidente anche a livello locale, all’interno stesso dei paesi. Il divario fra persone ricche e persone povere tende sempre più ad aumentare e, inevitabilmente, la disuguaglianza economica si riflette nel tessuto sociale sfociando, nei casi più gravi, in una lesione dei diritti inviolabili dell’uomo, come il diritto alla vita e alla libertà di autoaffermazione. Sempre più economisti, statisti e sociologi vertono i loro studi sulla disuguaglianza, con lo scopo di estrapolare, comprendere e spiegare quali sono i meccanismi che sottendono alla disuguaglianza stessa, come essa si venga a creare e le implicazioni che essa comporta, sia in campo economico che sociale e, naturalmente, quali sono gli interventi più adatti per ridurla. 1 Fonti: World Bank, Unesco, Oxfam.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi