Skip to content

La legittimità della speranza militante in Bloch e Freire

Informazioni tesi

  Autore: Elisabetta Venezia
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2014-15
  Università: Università degli Studi di Palermo
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Scienze Filosofiche
  Relatore: Sandro Mancini
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 95

La legittimità di tale accostamento pone le sue basi principalmente su alcuni articoli e saggi scritti da vari autori latinoamericani che, in ambito accademico, hanno approfondito il pensiero e le opere di Paulo Freire, proprio per la notorietà che egli ha acquisito con il suo pensiero e con la sua missione educativa che lo hanno reso un vero e proprio operatore di frontiera. A seguito di tale analisi hanno rilevato le numerose affinità con il pensiero del filosofo occidentale Ernst Bloch, tanto lontano geograficamente quanto vicino e affine per la sua prospettiva filosofica. Le parole chiave cui ruota attorno il pensiero di entrambi gli autori sono due: speranza militante e utopia concreta. Per i due pensatori la speranza militante non è un ottimismo astratto e ingenuo, essa è bensì fortemente radicata nella natura dell’uomo, Freire per l’appunto la definisce una vera e propria "necessità ontologica dell’uomo" che preme per realizzare il contenuto della sua aspirazione. Per Bloch, infatti, l’uomo per sua natura tende ad elevarsi verticalmente verso il bene e si oppone con il suo incoercibile no all’estraneazione, all’ingiustizia e all’oppressione. Il concetto di utopia concreta è per entrambi i pensatori il nervo pulsante della loro argomentazione, poiché la speranza militante e la ricerca delle vie emancipative dell’uomo è concretamente possibile solo se l’utopia è un’utopia concreta, ovverosia concretamente realizzabile nel mondo e mediante il mondo. Quest’ultimo è il laboratorio dove avvengono gli esperimenti condotti dall’uomo e attraverso cui egli ricerca le vie della sua emancipazione.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
6 Ernst Bloch: il Principio della speranza militante I.1 Ernst Bloch, la vita e le opere: una premessa storica La figura di Ernst Bloch non ha bisogno di presentazioni preliminari se si pensa che le sue opere ed il suo pensiero lo pongono fra i filosofi più significativi e prolifici del Novecento. Quello che si tenta di fare con questo lavoro, non è semplicemente presentare il suo già noto pensiero filosofico, bensì l’intento consiste nell’esaminare e rilevare l’eventuale curvatura pedagogica del suo pensiero ed evidenziare le potenziali ripercussioni delle sue opere nel campo della pratica educativa. La presente trattazione, infatti, verte attorno al tentativo – comune tanto al pensiero di Ernst Bloch quanto a quello del teorico dell’educazione Paulo Freire – di dare una fondazione teoretica alla speranza. In entrambi i pensatori, come vedremo, si mette in risalto la capacità umana di essere nel mondo e di relazionarsi ad esso con un atteggiamento non contemplativo che Bloch definisce, in un secondo momento, ‘militante’ perché presuppone una partecipazione attiva e presente del soggetto. Ritengo che per comprendere la genesi di un pensiero della speranza concreta e militante, sia opportuno presentare la storia personale del suo autore, ossia la concatenazione degli eventi storici che hanno dato vita ad un tale pensiero. Dunque prima di accingerci a presentare il pensiero blochiano e mostrarne le sue principali matrici teoriche, e quindi prima di esaminare la storia della filosofia facente capo allo sviluppo del suo pensiero, presentiamo le vicende storiche che lo hanno visto protagonista nel corso della sua vita. Bloch nasce l’8 luglio 1885 a Ludwigshafen am Rhein in Germania e, figlio di una famiglia di origine ebraica, vive intensamente il dramma degli ebrei tedeschi nel ventesimo secolo. Studia Musica, Filologia, Fisica e Filosofia dal 1908 al 1911 a Berlino, dove altresì è studente di Georg Simmel, mentre dal 1911 al 1914 studia ad Heidelberg, dove è allievo di Max Weber e Karl Jaspers e collega di Georg Lukacs, con cui sviluppa peraltro un’intensa affinità di pensiero. Grazie alla sua formazione e fede umanista e socialista, durante la prima guerra mondiale, Bloch rifiuta di combattere, e per tale ragione va in esilio in Svizzera. Si sposa per la prima volta con Else von Stritsky, che però muore poco dopo, nel 1921. Dopo l’affermazione della Repubblica di Weimar e l'avvento del Nazismo in Germania nel 1933, ha inizio un lungo periodo di esilio – da Zurigo a Vienna, Praga e Parigi – fintanto che, nel 1938, si stabilisce negli Stati Uniti con la sua terza moglie, Karola Bloch. Dopo la Seconda guerra mondiale, nel 1949, Bloch poteva scegliere una cattedra all'Università Goethe di Francoforte, nella Germania occidentale, o all'Università Karl Marx, a Lipsia, nella Germania orientale; in linea con i suoi ideali socialisti egli opta per quest'ultima, ma le sue idee sono considerate troppo libertarie, ‘eterodosse’ e revisioniste per
Forse potrebbe interessarti la tesi:

Ernst Bloch: Musica e Ontologia del non-ancora

La tesi si focalizza sul pensiero musicale di Ernst Bloch, evidenziando soprattutto la spinta propulsiva ed utopistica che il filosofo intravede nella Musica, unica arte veramente in grado di presagire l'evoluzione ontologica dell'uomo.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

emancipazione
utopia
speranza
paulo freire
ernst bloch
speranza militante
utopia concreta
metodo freire
alfabetizzazione adulta
coscienza politica

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi