Skip to content

Valutazione della tecnologia Light Scattering per la riduzione dei tempi di risposta nella diagnosi di meningite batterica

Informazioni tesi

  Autore: Giulia Baldi
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2015-16
  Università: Università degli Studi di Firenze
  Facoltà: Tecniche di laboratorio biomedico
  Corso: Scuola di scienze della salute umana
  Relatore: Gian Maria Rossolini
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 53

In Toscana, a partire dal 2015, è stato riportato un aumento significativo dell'incidenza di malattia meningococcica, dovuto principalmente alla circolazione di un ceppo ipervirulento di Neisseria meningitidis appartenente al sierogruppo C. La meningite batterica è caratterizzata, nel 10-20% dei casi, da un decorso fulminante che può portare al decesso in poche ore. Pertanto è fondamentale riuscire a fornire ai clinici un referto in tempi brevi, in modo che possa essere somministrata tempestivamente al paziente la terapia corretta.
In questo lavoro di tesi sono state paragonate le performance della metodica colturale per la diagnosi di meningite batterica con quelle di un protocollo rapido basato sulla tecnologia Light Scattering (ALIFAX ALFRED 60AST). In particolare sono state valutate l'affidabilità dei dati ottenuti e la riduzione del TAT (Turn Around Time). Inoltre, in caso di campioni positivi per N. meningitidis, si è proceduto alla caratterizzazione del sierogruppo capsulare mediante metodiche molecolari.
Lo studio è stato effettuato su tutti i campioni di liquor arrivati al Laboratorio di Microbiologia e Virologia dell'A.O.U. Careggi tra la fine di Marzo e l'inizio di Maggio 2016. Dopo l'arrivo in laboratorio tutti i campioni sono stati sottoposti ad esame batterioscopico ed esame colturale, mediante semina su piastra ed inoculo in brodo di arricchimento. In caso di crescita batterica, i microrganismi sono stati identificati mediante l'utilizzo di uno spettrometro di massa MALDI-TOF. Parallelamente alla metodica colturale tradizionale tutti i campioni di liquor sono stati processati utilizzando ALFRED 60AST, uno strumento basato sulla tecnologia Light Scattering che è in grado di monitorare costantemente un campione biologico in fase liquida (arricchito con appositi terreni di crescita) e di rilevarne la positivizzazione.
Rispetto alla metodica colturale tradizionale, la tecnologia Light Scattering ha dato risultati eccellenti, mostrando una sensibilità del 100%. L'uso di questo strumento, oltre a dare risultati affidabili nella diagnosi di meningite batterica, ha permesso di ridurre molto il TAT rispetto alla metodica colturale tradizionale e talvolta è stato possibile ottenere la positività del campione con un anticipo di circa 20 ore. Lo strumento ha dimostrato, inoltre, un ottimo risultato anche nel caso di un campione di liquor positivo per un ceppo di N. meningitidis appartenente al sierogruppo capsulare C, lo stesso a cui appartiene il ceppo responsabile dell'outbreak in Toscana.
In conclusione questo lavoro di tesi ha dimostrato che la tecnologia Light Scattering costituisce un ottimo strumento per la gestione dei campioni di liquor all'interno di un Laboratorio di Microbiologia e Virologia, poiché snellisce notevolmente il flusso di lavoro e riduce sensibilmente i tempi di risposta nella diagnosi delle meningiti batteriche con una sensibilità del tutto paragonabile a quella del metodo tradizionale.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
- 1 - 1. INTRODUZIONE 1.1. Malattie batteriche invasive Le malattie batteriche invasive, in particolare le meningiti e le sepsi batteriche, rappresentano un’importante causa di morbosità e sono caratterizzate da un’alta frequenza di gravi complicanze (James H. Jorgensen et al., 2015). La meningite è un’infiammazione delle meningi, le membrane che avvolgono il cervello e il midollo spinale; caratterizzate da alterazioni anatomo-patologiche delle membrane stesse e del liquido cefalorachidiano (Hoffman O et al., 2009). Dal punto di vista clinico, queste malattie presentano una sintomatologia scarsamente specifica per singolo agente eziologico ed è necessario, pertanto, ricorrere all’identificazione del microrganismo mediante appropriate tecniche diagnostiche per poter dare un referto definitivo. Dal punto di vista epidemiologico, la caratterizzazione dell’agente eziologico delle meningiti batteriche è un aspetto molto importante, poiché consente agli enti sanitari dei vari Paesi di valutare quali sono i ceppi batterici che circolano nel loro territorio, permettendo, quindi, di definire adeguati programmi vaccinali.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

pcr
tecnologia
batteri
microbiologia
laboratorio
spettrometria
gram
meningite
maldi
neisseria

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi