Skip to content

Lo sviluppo della tecnica metaforica ed il ruolo del narratore in quattro opere del primo William Golding: ''The Inheritors''(1955), ''Pincher Martin''(1956), ''Free Fall''(1959) e ''The Spire''(1964)

Informazioni tesi

  Autore: Luigi Gussago
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 1996-97
  Università: Università Cattolica del Sacro Cuore di Brescia
  Facoltà: Lingue e Letterature Straniere Moderne
  Corso: Lingue e Letterature Straniere
  Relatore: Leslie Anne Crowley
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 198

La fama di William Golding è legata soprattutto a Lord of the Flies (1954), un’opera sconvolgente che ha saputo mettere in discussione alcuni luoghi comuni sull’infallibilità dell’uomo moderno e della tanto celebrata democrazia, insieme ad una revisione critica del ruolo che la letteratura del passato ha svolto nel coltivare l’indifferenza a precise responsabilità storiche. L’interesse non ancora sopito per questo romanzo ha messo un poco in ombra le opere successive, anche per il fatto che esse non hanno riportato un così vasto successo di pubblico.
Una prima ragione, istintiva, che mi ha spinto ad accostarmi all’opera di questo autore è stata la varietà di temi ed ambientazioni affrontate. Sembra di cogliere in Golding l’insoddisfazione di un viaggiatore che debba continuamente cambiare destinazione, pur sapendo che dovrà adeguarsi ad usi e costumi diversi dai suoi. Come un turista sprovveduto ma pieno di curiosità, egli ha saputo raccontare di luoghi sempre diversi e sempre nuovi, con sorprendenti gradazioni di coinvolgimento in quello che vede o ascolta per conto del lettore. Dopo storie di ominidi, decani medievali, egiziani, navigatori insofferenti del mare, inventori dell’antica Roma, l’ultimo romanzo incompiuto, The Double Tongue (1995), aggiunge un altro tassello al mosaico dei suoi itinerari: quello della tanto riverita civiltà greca.
Nelle mie osservazioni prenderò in esame proprio alcune di queste opere immediatamente successive a Lord of the Flies, per sottolinearne lo stile innovativo. Già da una prima lettura di The Inheritors (1955) o di Pincher Martin (1956) è chiaro come lo scrittore si rivolga alla raffigurazione del mondo interiore e delle percezioni dei protagonisti piuttosto che alla narrazione di avvenimenti. Banalizzando, nei libri di Golding non succede mai nulla di nuovo, se ci soffermiamo al livello dell’intreccio. Anzi, alcune volte è lo stesso narratore a occultare avvenimenti o situazioni determinanti, per rivelarle soltanto in seguito. Cercherò quindi di spiegare come “l’arte del raccontare” non passi soltanto per il resoconto di avvenimenti, ma spesso si realizzi all’interno della coscienza di chi sta osservando (gli “occhi della mente”, secondo un’espressione frequente in Golding). La questione del punto di vista attraverso il quale vediamo (o non vediamo) la realtà oggettiva sarà uno dei fondamenti di questo studio.
L’approccio di metodo utilizzato proviene da alcuni apporti della narratologia sui meccanismi del discorso del racconto (prospettiva, voce narrante, ruolo dei personaggi, ecc.), sebbene la narrazione nelle opere analizzate non sembrerebbe riconducibile ad una struttura “classica”. Uno degli aspetti più controversi sarà, per esempio, la distinzione fra chi vede le diverse situazioni narrate e chi, invece, parla, dà voce a quanto viene visto.
Un altro aspetto che intendo sviluppare è l’analisi delle immagini metaforiche ricorrenti nei quattro libri: Golding sfrutta la pluralità di significati evocati da una metafora per creare un reticolato di riferimenti interni al testo stesso. Di notevole aiuto in questa indagine sarà anche la definizione del genere letterario nel quale l’autore compie i suoi primi passi, ovvero il genere fabulistico o “fable”, del quale spiegherò i requisiti formali.
La tesi è suddivisa in un’introduzione e quattro capitoli. L’introduzione all’autore e alla sua epoca fornisce alcune indicazioni di storia letteraria ed un orientamento sul contenuto delle quattro opere prese in esame. I quattro capitoli centrali sono dedicati rispettivamente a Pincher Martin (1956), The Inheritors (1955), Free Fall (1959) e The Spire (1964), facendo però attenzione a eventuali raffronti fra i quattro testi. Seguono una conclusione generale sugli obiettivi raggiunti (o meno!), una breve scheda biografica sull’autore, una bibliografia dei testi primari e secondari consultati e una lista delle opere successive dello scrittore. Quasi tutti i libri di Golding sono editi da Faber and Faber, la prima casa editrice ad aver acconsentito a pubblicare Lord of the Flies. Il titolo stesso del romanzo è stato suggerito da T. S. Eliot, a quel tempo uno dei collaboratori alle pubblicazioni della Faber and Faber.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
PREFAZIONE La fama di William Golding è legata soprattutto a Lord of the Flies (1954), un’opera sconvolgente che ha saputo mettere in discussione alcuni luoghi comuni sull’infallibilità dell’uomo moderno e della tanto celebrata democrazia, insieme ad una revisione critica del ruolo che la letteratura del passato ha svolto nel coltivare l’indifferenza a precise responsabilità storiche. L’interesse non ancora sopito per questo romanzo ha messo un poco in ombra le opere successive, anche per il fatto che esse non hanno riportato un così vasto successo di pubblico. Una prima ragione, istintiva, che mi ha spinto ad accostarmi all’opera di questo autore è stata la varietà di temi ed ambientazioni affrontate. Sembra di cogliere in Golding l’insoddisfazione di un viaggiatore che debba continuamente cambiare destinazione, pur sapendo che dovrà adeguarsi ad usi e costumi diversi dai suoi. Come un turista sprovveduto ma pieno di curiosità, egli ha saputo raccontare di luoghi sempre diversi e sempre nuovi, con sorprendenti gradazioni di coinvolgimento in quello che vede o ascolta per conto del lettore. Dopo storie di ominidi, decani medievali, egiziani, navigatori insofferenti del mare, inventori dell’antica Roma, l’ultimo romanzo incompiuto, The Double Tongue 1 (1995), aggiunge un altro tassello al mosaico dei suoi itinerari: quello della tanto riverita civiltà greca. Nelle mie osservazioni prenderò in esame proprio alcune di queste opere immediatamente successive a Lord of the Flies, per sottolinearne lo stile innovativo. Già da una prima lettura di The Inheritors (1955) o di Pincher Martin (1956) è chiaro come lo scrittore si rivolga alla raffigurazione del mondo interiore e delle percezioni dei protagonisti piuttosto che alla narrazione di avvenimenti. Banalizzando, nei libri di Golding non succede mai nulla di nuovo, se ci soffermiamo al livello dell’intreccio. Anzi, alcune volte è lo stesso narratore a occultare avvenimenti o situazioni determinanti, per rivelarle soltanto in seguito. Cercherò quindi di spiegare come “l’arte del raccontare” non passi soltanto per il resoconto di avvenimenti, ma spesso si realizzi all’interno della coscienza di chi sta osservando (gli “occhi della mente”, secondo un’espressione frequente in Golding). La questione del punto di vista attraverso il quale vediamo (o non vediamo) la realtà oggettiva sarà uno dei fondamenti di questo studio. L’approccio di metodo utilizzato proviene da alcuni apporti della narratologia sui meccanismi del discorso del racconto (prospettiva, voce narrante, ruolo dei personaggi, ecc.), sebbene la narrazione nelle opere analizzate non sembrerebbe riconducibile ad una struttura “classica”. Uno degli aspetti più controversi sarà, per esempio, la distinzione fra chi vede le diverse situazioni narrate e chi, invece, parla, dà voce a quanto viene visto. Un altro aspetto che intendo sviluppare è l’analisi delle immagini metaforiche ricorrenti nei quattro libri: Golding sfrutta la pluralità di significati evocati da una metafora per creare un reticolato di riferimenti interni al testo stesso. Di notevole aiuto in questa indagine sarà anche la definizione del genere letterario nel quale l’autore compie i suoi primi passi, ovvero il genere fabulistico o “fable”, del quale spiegherò i requisiti formali. 1 WILLIAM GOLDING, The Double Tongue, Faber and Faber, London, 1995.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

allegoria
metafora
letteratura inglese
william golding
letteratura contemporanea
michail bachtin
pincher martin
the inheritors
free fall
the spire

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi