Skip to content

Problematiche psicologiche nell'immigrazione: una lettura psicodinamica e transculturale

Informazioni tesi

  Autore: Chiara Rosina Todaro
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2001-02
  Università: Università degli Studi di Padova
  Facoltà: Psicologia
  Corso: Psicologia
  Relatore: Emilia Ferruzza
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 152

L'obbiettivo di questo lavoro è di descrivere il significato del processo migratorio dal punto di vista psicologico. Emigrare significa abbandonare, lasciare l'involucro protettivo dei luoghi, delle sensazioni che costituiscono le prime tracce su cui si è stabilito il codice di funzionamento psichico. Nella trattazione dell'elaborato mi sono soffermata sul legame tra migrazione, disagio psichico e manifestazione psicopatologica facendo riferimento agli studi di etnopsichiatria di Devereux e Nathan e agli studi di psichiatria culturale di De Martino e Risso. La mia attenzione si è poi focalizzata sulla lettura psicodinamica del fenomeno elaborata da Leon e Rebecca Grinberg che interpretano la migrazione come un'esperienza traumatica e di crisi accompagnata da un processo di lutto più o meno elaborabile a seconda dei casi e da una crisi di identità di maggiore o minore entità. Ho cercato inoltre di comprendere in che modo la comunità di accoglienza può aiutare il bambino, il singolo e la famiglia immigrata a superare il momento di crisi e disagio. Sicuramente è importante una maggiore attenzione verso questo tipo di problematiche psicologiche sia parte dei servizi sanitari, sociali ed educativi che devono assecondarsi ai cambiamenti attivati dall'immigrazione sviluppando specifiche competenze e conoscenze. Come esempio viene riportato il lavoro condotto in due centri sorti per rispondere al disagio psicologico negli immigrati: il Centro Devereux di Parigi e la Cooperativa Terrenuove di Milano. Questi centri si stanno trasformando in originali luoghi di ricerca, dove si elaborano pratiche cliniche innovative, diventando ambiti di confronto e mediazione tra culture diverse.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 Introduzione “Perché soltanto là dove è venuta meno la communio amoris e la communicatio amicitiae, soltanto là dove il nostro essere è retto esclusivamente dal nostro <<commercio>> con <<gli altri>> e con noi stessi, l’altezza e l’ampiezza, la vicinanza e la lontananza, il passato e il futuro possono assumere un peso e un significato tanto rilevanti da far sì che l’ascesa possa giungere a un fine, a un adesso da cui è impossibile recedere o procedere, dove il salire si è rovesciato nello smarrimento e nella fissazione”. (Binswanger, 1956, p. 18). In queste frasi Binswanger allude all’alpinista che si è smarrito su una parete rocciosa. Questa immagine evocativa di un presente al quale manca la via di scampo, di un’incerta riuscita dell’esistenza viene riletta da Risso e Frigessi (1982) come allusione alla condizione del migrante, che costretto “a mezza parete” soffre gravi difficoltà per ridare slancio e direzione al suo movimento storico. I nostri giorno sono caratterizzati dall’incremento del fenomeno migratorio. Negli ultimi decenni, nella nostra comunità europea, i movimenti migratori hanno acquistato una tale rilevanza portandoci in un futuro molto prossimo a diventare una società multietnica. Dopo la Germania, la Francia e la Gran Bretagna, l’Italia rappresenta il paese europeo ad avere il maggior numero di immigrati. Dati provenienti dal quattordicesimo censimento condotto dall’Istat (riferiti al 21 ottobre 2001, Caritas Dossier statistico) indicano che gli immigrati iscritti in anagrafe nel periodo 1996-2001 sono passati da 884.555 a

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

crisi culturale
destoricizzazione
devereux
disagio psichico
fallimento migratorio
identità etnica
minori immigrati
nathan
psicoanalisi
transculturale

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi