Skip to content

La comunicazione e il ruolo del tecnico di radiologia nei servizi di diagnosica

La cinesica

La cinesica è una degli aspetti della comunicazione non verbale riguardante i movimenti, i gesti, le posizioni. Abbraccia dunque lo studio della mimica del corpo, volontaria e non, con particolare riferimento ai codici comunicativi antropologici culturali o artificiali, come i gesti di cortesia o di disprezzo, la gestualità nelle varie tradizioni teatrali, la gestualità oratoria, il mimo, il linguaggio gestuale muto.

Il termine cinesica deriva dal greco "Kinesis", che significa movimento. Venne ideato dall'antropologo americano Ray Birdwhistell negli anni cinquanta del secolo scorso.
Possiamo definire il gesto come una qualunque azione capace di inviare un segnale visivo ad un osservatore e di comunicargli una qualsiasi informazione. Non è possibile falsificare il linguaggio del corpo, in quanto bisognerebbe avere la consapevolezza di tutti i nostri muscoli in ogni singolo istante. Un osservatore attento noterà infatti una discordanza se il linguaggio del corpo e le parole pronunciate non sono sulla stessa linea d'onda, ciò è in accordo. Il linguaggio corporeo è stato studiato approfonditamente solo dagli anni sessanta, ma potremmo dire che è antico quasi come il mondo.

Già Charles Darwin aveva intuito l'importanza di questo tipo di comunicazione. Nel 1872 pubblicò 'L'espressione delle emozioni nell'uomo e negli animali'. Quest'opera diede il via alle moderne ricerche sulle espressioni facciali. Nel corso degli anni, tutte le teorie proposte da Darwin furono confermate mediante studi scientifici.
I gesti, i movimenti del corpo sono universali. Ogni cultura adotta ad esempio la stessa mimica facciale per comunicare; da ciò si pensa che siano gesti geneticamente prestabiliti. Oltre ai movimenti e ai gesti universali (come scoprire i denti e dilatare le narici), la cinesica studia anche i movimenti particolari, i codici propri di una singola cultura. Ad esempio per noi è un gesto di cortesia stringere la mano, o sorridere mentre salutiamo una persona con un "buongiorno" o un "salve". In molte parti del mondo orientale, il gesto di cortesia al momento del saluto avviene chinando leggermente il capo e unendo le mani.

La Cinesica si pone come la particolare capacità comunicativa riguardante il canale non verbale gestuale riferito alle espressione del corpo con particolare riferimento alle espressioni facciali. Secondo due dei più eminenti ricercatori studiosi della cinesica, Paul Ekman ed Erik Friessen, esistono cinque categorie di segnali:

1) Emblemi
2) Illustratori
3) Affect-display (dimostratori di emozioni)
4) Regolatori
5) Adattatori

Gli Emblemi sono gesti che prendono il posto del messaggio verbale all'interno di una certa categoria sociale, di una cultura, e possono considerarsi alla stregua di un codice di segnali condiviso e concordato. Per cui nel simbolo quasi universale dell'OK è riconosciuto facilmente il significato di "va tutto bene".

I segnali illustratori, sono caratterizzati dall'essere direttamente parte integrante del linguaggio e della conversazione che si produce tra due persone. Sono movimenti come battere il tempo accentuando così parole e frasi di particolare rilievo, o con l'indicare qualcosa, oggetto o altro, che sia il soggetto della conversazione, o ancora mimare, congiungendo le mani tese sino a che le dita si tocchino, due auto che si scontrano.

Gli affect-display, definiti anche gesti dimostrativi delle emozioni, sono movimenti muscolari che interessano l'insieme maxillo-facciale, sensazioni come paura, stupore, rabbia, disgusto sono espresse da mimica universale ed istintuale alla pari dei movimenti del corpo. Da considerare che gli effect-display a livello facciale possono anche essere dissimulati non così i movimenti del corpo che possono tradire le emozioni sottostanti.

I gesti o segni regolatori, sono quella serie di codici semantici che servono ad esempio a regolare il passaggio di parola o il turno di conversazione tra due persone, spesso si tratta di regolatori inconsci che i soggetti pongono in essere inconsapevolmente

Gli adattatori sono, per così dire, una sotto categoria della prima e sono sostanzialmente personali, servono a mantenere un comportamento consono al variare della situazione e quindi a procurare sollievo.
Le principali espressioni della cinesica sono: la mimica facciale, lo sguardo, la postura del corpo, e il contatto fisico.

Questo brano è tratto dalla tesi:

La comunicazione e il ruolo del tecnico di radiologia nei servizi di diagnosica

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Jacopo Faccia
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2013-14
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Medicina e Chirurgia
  Corso: Tecniche di Radiologia Medica per immagini e radioterapia
  Relatore: Elisabetta Angelozzi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 61

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

etica
comunicazione non verbale
comunicazione efficace
rapporto tecnico di radiologia-paziente
emaptia
concetto di ruolo
diagnostica radiologica

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi