Skip to content

Sedimentological and paleoceanographic characterization of the source rock intervals in the West-African Atlantic margin

Basin Analysis and Identification of the main source Rock Intervals

Facies Definition (Petrofacies)

Four main facies have been recognized: sand, silt, organic-rich shale, organic-lean shale. Each petrofacies is characterized by a peculiar log response:

Sand: defined by the lowest gamma-ray values, generally less than 15 gAPI, HCGR values less than 10 gAPI which are followed by a similar HSGR shape. The density-neutron log ranges between the values less than 2.1 g/cmᶟ and less than 0.0385 mᶟ/mᶟ respectively, showing the marked cross-over but this features can considerably change depending on the kind of fluid and its saturation. Also the electrical conductivity is directly fluid-dependent and it show variable resistivity values. The sonic log response displays quite low values about 90 us/ft and can reach highest velocities within cemented intervals.

Silt: GR values range between 15 and 60 gAPI, HCGR usually between 10 and 30 gAPI. Silt lithologies can show a narrower density-neutron and less evident cross-over effect than shales, such as 2.1 – 2.35 g/cmᶟ for the density and 0.0385-0.45 mᶟ/mᶟ for the neutron. The sonic log shows a faster velocities than shale facies but slower than sand ones, ranging from 60 to 118 us/ft

Organic-lean shale: among the medium-high radioactive logs, the absence of organic matter makes the difference in HSGR records reaching similar values and shape to the HCGR value (30 gAPI) because the lack of uranium or its lower content. Neutron-density porosity gap appears constant or even wider than organic-rich shale.

Organic-rich shale: the main aspect for the identification is the radioactive effect of the organic matter in the uranium log records: high GR (about 60 gAPI) and maxima HSGR values. The evident shift between HCGR and HSGR make easier the detection of a shale rich in organic carbon respect to an Organic-lean shale. HSGR values can reach 120 gAPI whereas HCGR can decrease until about 40 gAPI. The low grain density of organic matter can have an important impact of the shale bulk density and the single neutron porosity record is not a good indicator of organic richness because is affected the hydrogen content from several sources (organic matter, hydroxyl in the clay mineral, formation water, hydrocarbons). The densityneutron shows a wide area between about 2.35 g/cmᶟ and 0.45 mᶟ/mᶟ. The sonic response is one of the slowest velocities of 114 us/ft and the organic content can further decrease the record.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Sedimentological and paleoceanographic characterization of the source rock intervals in the West-African Atlantic margin

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Andrea Fabbrizzi
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2015-16
  Università: Università degli Studi di Perugia
  Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali
  Corso: Scienze geologiche
  Relatore: Simonetta Cirilli
  Lingua: Inglese
  Num. pagine: 109

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

oceanography
biomarker
geochemistry
sedimentology
petroleum geology
stratigraphy
source rock
black shale
toc rock-eval
oceanic anoxic event

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi