Skip to content

Sport di squadra e coesione

Coesione nelle discipline specifiche

Dopo aver analizzato nei precedenti capitoli, tutte le caratteristiche e tutti i fattori che comportano la coesione, in quest’ultimo capitolo, ci soffermeremo sulla coesione, all’interno di specifici gruppi sportivi. Le discipline sportive che andremo ad analizzare sono: il rubgy, la pallavolo, la pallacanestro ed il calcio. Cercheremo di comprendere quali di questi sport sono portati ad una coesione maggiore per tipologia di sport o per rapporti interpersonali che si vengono a creare tra i membri del gruppo. Vorremmo fare una piccola introduzione di questi quattro sport, in cui in maniera generale ci soffermeremo sulla coesione di ognuno di essi.

- Il rugby : è una disciplina sportiva nata nel Regno Unito nel 1823. Questo sport di squadra è forse uno dei simboli maggiori della coesione nello sport: il singolo individuo perde la sua individualità a favore del gioco collettivo. Lo scopo principale in questa disciplina è condurre la palla in zona meta e per arrivarci un atleta non può essere da solo ma è costretto all’appoggio dei compagni. Durante le fasi di gioco, il raggruppamento o mischia è formata da più persone che unite emulano un muro che rappresenta in maniera quasi simbolica il termine “coesione”. Il rugby ha dei valori sportivi basati sul rispetto dell’avversario e sul sacrificio per il proprio compagno di squadra, ecco perché nonostante sia un gioco duro assistiamo in ogni gara al cosi detto terzo tempo.
Infatti le due squadre, dopo essersi dati “battaglia”, si ritrovano dopo il match come una grande famiglia a bere e mangiare indipendentemente dal risultato ottenuto sul campo. Rispetto al calcio, dove spesso vediamo tifoserie separate da barriere, dove le trasferte vengono vietate per motivi di ordine pubblico, invece nel rugby questo clima non viene vissuto. Sugli spalti si assiste ad un vero e proprio trionfo dell’entusiasmo che coinvolge la gente. Si tifa a favore del proprio team e mai contro l’avversario, si sta tutti insieme anche se si è di due fazioni opposte. Il rugby rispetto ad altri sport di squadra ha come primo obiettivo, quello di crescere grandi uomini e non grandi campioni, e questa crescita non viene sviluppata solo sul terreno di gioco, ma anche nella vita quotidiana, perché una volta che si è rugbisti lo si è per sempre e ne diventa quasi uno stile di vita. Nobiltà, lealta, rispetto reciproco e rispetto per l’avversario, altruismo, impegno, gioco di squadra sono tutti i valori che fanno parte del DNA di questo sport rendendo cosi facile da poter sviluppare una coesione forte. Il rugby ha come una conosolidazione tradizionale di cameratismo come compagni di squadra e avversari, ed in questo senso è lo sport dell’amicizia. Nel rugby l’agonismo personale, cede il passo al bene del gruppo, perché un metro guadagnato in una mischia è frutto di un lavoro di squdra e non del singolo individuo.

- La pallavolo : sport di squadra, non vi è contatto con la squadra avversaria, è uno sport dove la coesione è un aspetto importante. Rispetto al rugby, la coesione nella pallavolo, si concentra essenzialmente sul terreno di gioco (coesione operativa) rispetto al di fuori del terreno di gioco o nella vita sociale (coesione sociale). Sappiamo bene chè per favorire la coesione all’interno di un gruppo, uno dei fattori essenziali del gruppo è il numero stesso dei suoi membri, infatti la pallavolo con un numero minimo di 12 giocatori, tra cui 6 in gioco, rende la coesione più complessa perché vi entra in gioco un alto tasso di competitività che rende poco producente questo aspetto. La relazione coesione-performance constatata nella pallavolo pone in essere un’ influenza privilegiata della coesione operativa (senza tuttavia trascurare la coesione sociale). L’atleta nella pallavolo, deve capire di dover giocare per la squadra e non per la gloria personale, la coesione e la prestazione, si rafforzano a vicenda e ne aumentano, gli stimoli, innalzando il livello qualitativo della squadra.

- Il calcio : una delle discipline più diffuse nel mondo, è forse lo sport che in assoluto più degli altri riunisce o divide le persone. Sicuramente risulta essere lo sport nazionale in tanti paesi tra cui il nostro. Una squadra di calcio è formata da circa ventitre elementi e questo affollamento di un team calcistico forse rende la coesione e le dinamiche che ne derivano all’interno del gruppo, sostanzialmente più difficile da raggiungere. Intorno a questo mondo forse troppo dorato ruotano tutta una serie di interessi e di manie di protagonismo che lo rendono vulnerabile anche in relazione a tutto ciò che accade all’esterno. Basti pensare alle innumerevoli folle che attira questo sport, ma che allo stesso tempo non riesce ad unire, anzi in tantissime circostanze, partite di calcio sono diventate motivo di guerrigli urbana, scontro tra fazioni con anche un numero importante di vittime. E’ un dato di fatto che il calcio è un ricchissimo business, e che spesso un giocatore si offre al miglior offerente a prescindere dalla squadra in cui giocherà. Ma allora mi chiedo, si gioca per il gruppo o solo per se stessi?

- Il basket : uno sport di squadra, dove per vincere serve la collaborazione di tutti e non ci si può affidare alle singole individualità. Una squadra di pallacanestro, è composta da circa dodici atleti di cui solo cinque prendono parte alla gara. Certo ognuno ha il suo ruolo ma come è giusto che sia, l’organico deve necessariamente essere coeso perché tutti sono chiamati a dare il proprio contributo. Infatti a differenza di altre disicpline come il calcio, la pallacanestro è uno sport dove il quintetto base cambia di continuo durante un match. Tutti devono essere pronti a dare il loro meglio e a sacrificarsi per il bene del collettivo.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Sport di squadra e coesione

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Davide D'onofrio
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2016-17
  Università: Università Telematica "E-Campus"
  Facoltà: Psicologia
  Corso: Scienze delle attività motorie e sportive
  Relatore: Vincenzo  Marsicovetere
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 79

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi