Skip to content

Basic Functional Evaluation

Diaframma e patologie correlate al movimento

Numerose ricerche negli ultimi anni hanno evidenziato patologie correlate a un diaframma non performante. Molto spesso non vengono presi in considerazione fattori come atteggiamenti posturali errati, stile di vita, abiti, cicatrici, postumi di interventi chirurgici, gesti specifici scorretti, forze interne all’organismo che, direttamente o indirettamente, possono essere causa o concausa di disfunzioni del diaframma che conducono a patologie diverse.

Vostatek (et al. 2013) ha dimostrato che in soggetti con mal di schiena, si hanno cambiamenti notevoli della statica del diaframma e quindi della sua forma nei momenti dinamici e quindi di respirazione quando, per applicazione di carichi agli arti superiori e inferiori, sono aumentate le esigenze di controllo della postura. Le stesse alterazioni del diaframma in statica e in dinamica non sono presenti in modo così rilevante nei soggetti non aventi mal di schiena che, oltre a una stabile e costante funzione respiratoria, hanno mostrato anche una maggior stabilità posturale.

Janssens (et al. 2014) ha analizzato 28 individui con dolore ricorrente non specifico alla parte bassa della schiena. Dal momento che le persone con mal di schiena mostrano una maggiore sensibilità di affaticamento del diaframma, è ipotizzabile che lombalgia, disfunzione del diaframma e propriocezione siano correlati. Il gruppo di studio è stato sottoposto ad un programma di allenamento ad alta intensità a carico della muscolatura inspiratoria, mentre il gruppo di controllo ad un programma bassa intensità, per poi valutare la propriocezione in posizione eretta. Le persone analizzate, dopo il lavoro ad alta intensità, hanno mostrato minori risposte a oscillazioni della muscolatura della caviglia, risposte più ampie alle oscillazioni dei muscoli della schiena, più forza nei muscoli inspiratori e una riduzione del dolore lombare. Gli stessi risultati non sono stati apprezzati nel gruppo sottoposto al lavoro a bassa intensità. Dopo 8 settimane di attività ad alta intensità a carico della muscolatura inspiratoria gli individui con mal di schiena hanno mostrato una maggiore propriocezione della schiena durante il controllo posturale, un miglioramento della forza dei muscoli inspiratori e una riduzione della percezione di dolore alla schiena. Tali risposte non sono state riscontrate nel gruppo di controllo.

Concludendo Janssens conferma l’ipotesi che l’allenamento a carico della muscolatura inspiratoria può facilitare l’utilizzo della propriocezione del tronco nel controllo posturale in individui con lombalgia non specifica e che questo tipo di attività può essere utile per la riabilitazione di questi soggetti. [...]

Questo brano è tratto dalla tesi:

Basic Functional Evaluation

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Andrea Magni
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2016-17
  Università: Università Telematica Pegaso
  Facoltà: Scienze Motorie
  Corso: Scienze delle attività motorie e sportive
  Relatore: Alessandra Schettino
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 117

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

movimento
modelli
valutazione
test
funzionale
evaluation
functional
basic
correttivi
over head squat

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi