Skip to content

La retorica sovietica e l'interiorità nell'opera di Shostakovich

Gli anni della guerra

Dopo aver ultimato la Sesta sinfonia (1940) Shostakovich ebbe un periodo in cui la sua creatività non era sufficientemente stimolata; aveva in cantiere tanti progetti, quasi nessuno dei quali però portati a termine.
Per di più continuavano i problemi di approvvigionamento e scarsezza di cibo, abiti e generi di prima necessità.
L'unico momento di relax che si concedeva erano le partite di calcio, lo sport da lui tanto amato.


Egli quindi, per risollevare le proprie finanze, fu costretto a continuare ad accettare commissioni per il teatro e il cinema che lo interessavano ben poco.

Nel frattempo il Quintetto per pianoforte e archi diventò il suo lavoro più eseguito, vincendo anche il prestigioso quanto ambitissimo Premio Stalin (di prima categoria). Intanto proseguiva l'amicizia con Prokof'ev, rafforzata dal ritorno di quest'ultimo in patria: tra i due regnavano profondo rispetto e sincerità, soprattutto per quanto riguarda i giudizi, comprensivi anche di critiche, per le rispettive opere.

Nel giugno del 1941, mentre si recava allo stadio, Shostakovich fu colto dal triste annuncio dell'invasione dell'URSS da parte di Hitler, il cui esercito era arrivato alle porte di Leningrado, dando inizio ad un assedio di novecento giorni; ha inizio quella che i sovietici chiameranno la “Grande Guerra Patriottica”.
Shostakovich espresse per tre volte il desiderio di essere arruolato, ma i problemi alla vista non glielo consentirono; dovette ripiegare allora su ruoli alternativi, sempre nell' esercito, tra cui quello di scavare trincee anticarro o esercitare il servizio di pompiere, spegnendo eventuali incendi che riguardassero l'area del Conservatorio (quest'ultima però fu più una trovata propagandistica che un impiego effettivo). Shostakovich, spinto dalle autorità a scrivere qualcosa di fortemente simbolico, si rese più utile arrangiando ventisette opere di vari autori, eseguite nei concerti al fronte.

Nell'estate di quell'anno, mentre i tedeschi bombardavano pesantemente Leningrado, egli scrisse in poco tempo (per usare una sua definizione, “con un unico tratto di penna”) la sua Settima sinfonia, di proporzioni monumentali.
Essa, per evidenti motivi cronologici, verrà considerata l'emblema della resistenza musicale sovietica all'invasione nazista. Il nazionalismo sovietico ripose nella Sinfonia la propria volontà di vittoria; Shostakovich capì che doveva muoversi proprio in quest'ambito artistico - patriottico, la cui fioritura trovò i suoi natali dopo l'invasione tedesca.
Se due anni prima Shostakovich aveva deciso di mettere da parte pathos eroico, marce e cori, utilizzati nella sinfonia Lenin, questa volta la causa comune gli suggerì di riutilizzarli. [...]

Questo brano è tratto dalla tesi:

La retorica sovietica e l'interiorità nell'opera di Shostakovich

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Danilo Bonaccorsi
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2013-14
  Università: Conservatorio di Matera
  Facoltà: discipline musicali
  Corso: classe di viola
  Relatore: Piero Massa
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 172

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

stalin
rivoluzione russa
shostakovich
lady macbeth
mravinsky
sinfonia leningrado
babi yar
jazz suite
jazz waltz
sonata per viola e pianoforte

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi