Skip to content

La regolazione amministrativa della Sharing Economy

Il concetto di Sharing Economy

La Sharing Economy è un modello di business basato sulla condivisione di beni materiali e servizi, a scopo di lucro o senza, attraverso l’uso di piattaforme digitali che permettono l’accesso a dei beni oggetto di scambio, senza prevederne il passaggio di proprietà sopra l’utente.
In un sistema economico di nuova generazione, in cui i privati sono i principali protagonisti, la parola d’ordine diviene "condivisione" di beni o servizi ed Internet è la maggiore risorsa per realizzare tale finalità.
Nell’espressione "economia collaborativa" è racchiusa l’essenza della SE: essa tende a promuovere lo scambio di beni e servizi con il fine di realizzare un consumo consapevole. Il punto nodale di questo modello è il benessere sociale, il risparmio e la diminuzione degli sprechi. Il consumo cosciente potrebbe essere il punto di partenza per sviluppare nuove opportunità occupazionali ed imprenditoriali, basate su uno schema economico sociale sostenibile. La SE accoglie un nuovo modo di fare business, utilizzando un sistema in cui beni vengono riutilizzati, ciò determina un minor impatto nell’ecosistema rispetto al tradizionale ed eccessivo consumismo.
Dunque, il concetto di SE è finalizzato a racchiudere, al suo interno, due concetti apparentemente lontani, quello di business e quello di funzione culturale-sociale dell’impresa.
Dall’economia della condivisione/collaborativa si delinea una struttura imprenditoriale che razionalizza le risorse favorendo lo scambio dei prodotti e che tende a prendere le distanze dal sistema consumeristico dell’acquisto dei beni, tipico del mercato tradizionale.
I termini utilizzati per descrivere il fenomeno della Sharing Economy sono molteplici: "peer to peer economy", "collaborative economy", "collaborative consumption" ecc.Il nascere di una pluralità di espressioni mette in luce come, ad oggi, non si sia ancora raggiunto un accordo unanime da un punto di vista terminologico e ancor di più su un quadro di regole giuridiche, precise, chiare che disciplinino il fenomeno in tutte le sue differenti forme.

Al fine di evidenziare il raggio d’azione di tale fenomeno occorre definire alcune delle sotto-categorie di Sharing Economy:

- Economia collaborativa o collaborative economy: iniziative basate sui network orizzontali e sulla partecipazione ad una comunità (es. Kickstarter, piattaforma volta al crowfunding che permette la raccolta di donazioni a favore di progetti).

- Consumo collaborativo o collaborative consumption: permette di scambiare, prestare, condividere, affittare ad una larga scala di destinatari (es. Airbnb permette di affittare temporaneamente la propria casa).

- Rental economy: concede di offrire o prendere in affitto o noleggio appartamenti, camere, auto (es. Uber).

- Economia peer-to-peer: servizi scambiati tra privati, senza la presenza di un terzo intermediario (es. Zopa, è una società di prestiti personali da pari a pari, senza la presenza di un terzo).

Si evince una nuova realtà, dai confini incerti, che sta sconvolgendo il mercato tradizionale. La novità principale consiste in scambi veloci, in cui i costi delle transazioni vengono ridotti e grazie ad un semplice click si riesce a raggiungere una platea ampia di destinatari dei servizi, residenti in tutto il mondo.
Alcune delle piattaforme di maggior successo basate sulla Sharing Economy sono:

- Airbnb: un portale online che mette in contatto soggetti in cerca di una camera per brevi periodi, con persone che dispongono di uno spazio extra da affittare, in genere privati.

- Uber: un’applicazione mobile che fornisce un servizio di trasporto automobilistico che mette in collegamento autisti e passeggeri.

- Blablacar: una piattaforma che permette agli utenti registrati di poter ottenere dei passaggi da altre persone, condividendo il viaggio e le spese.

Con la diffusione delle nuove tecnologie, il modo di fare impresa muta notevolmente e la piattaforma digitale diviene l’essenziale strumento "dell’imprenditoria digitale": esse hanno un impatto positivo sulle persone con redditi bassi permettendo loro di accedere ad una varietà di beni e servizi a costi irrisori e promuovendo nuove forme di consumo basate sul riuso dei beni.
Il XXI secolo, con la nascita dell’economia collaborativa, ha permesso il passaggio dal consumo basato su un’esclusiva proprietà dei beni alla condivisione dei beni personali.
Tale nuova realtà richiede una distinzione tra "risorse rinnovabili e "risorse a decadimento rapito".

- Risorse rinnovabili: hanno una funzionalità prolungata, permettono di essere utilizzate per una pluralità di volte durante il loro ciclo di vita (es. automobile).

- Risorse a decadimento rapido: permettono una fruibilità per un breve lasso di tempo.

In particolare, per le risorse rinnovabili, quando l’acquirente di un bene usufruisce del consumo dello stesso in maniera irrisoria, per esempio lasciando per gran parte del tempo l’automobile parcheggiata, il bene risulta sottoutilizzato e la funzionalità del prodotto potrebbe essere ceduta e condivisa con terzi. Questo è il meccanismo dei modelli della Sharing Economy ovvero beni privati che presentano una funzionalità in eccesso e di cui terzi usufruiscono della capacità residua.

Certificazione antiplagio

Noi verifichiamo le corrispondenze online e puoi ottienere un certificato di eccellenza per valorizzare il tuo lavoro

Questo brano è tratto dalla tesi:

La regolazione amministrativa della Sharing Economy

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Avviso Skip to content

Attenzione

Dati autore #1859808 mancanti per la tesi 55327

Contattaci

  • Contatta la redazione a
    [email protected]
  • Ci trovi su (redazione_tesi)
    dalle 9:00 alle 13:00 (Lun - Ven)
  • Oppure vieni a trovarci su

Chi siamo

Da più di 15 anni selezioniamo e pubblichiamo Tesi di laurea per evidenziare il merito dei nostri Autori e dar loro visibilità.
Share you Knowledge!

Newsletter

Registrati al sito per restare aggiornato sulle ultime pubblicazioni e sui nostri servizi.

ISCRIVITI

Copyright 2021 © Tesionline srl

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

diritto amministrativo
green economy
sharing economy
regolazione amministrativa

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi