Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Social Media e Viralità: Nuovi Modi di Comunicare

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Scienze della Comunicazione

Autore: Francesco Federico Contatta »

Composta da 150 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1335 click dal 20/09/2016.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

Estratto della Tesi di Francesco Federico

Mostra/Nascondi contenuto.
faccia a faccia si basa su componenti non-verbali, il 38% sul paraverbale e solo il rimanente 7% sui contenuti del discorso. In alcune canali comunicativi moderni, come ad esempio le chat e le applicazioni mobili di messaggistica istantanea, si cerca di apportare – per quanto possibile – elementi non- verbali, tramite l'utilizzo di emoticons. g) La comunicazione scritta ed i suoi sviluppi Nel corso dei millenni le idee comunicative si solo evolute ed hanno preso forme differenti a seconda dei mezzi a disposizione. La storia della comunicazione scritta può essere suddivisa in tre stadi principali. Durante il primo stadio, la comunicazione scritta emerse dapprima attraverso l'uso di pittogrammi, i quali venivano scolpiti sulle pietre; per cui la comunicazione aveva una mobilità pressoché nulla. Durante la seconda fase gli scritti iniziarono ad essere posti su supporti quali papiro, argilla, cera e poi carta, utilizzando degli alfabeti via via più codificati. Il terzo stadio è caratterizzato dal trasferimento di informazione onde elettromagnetiche oppure segnali elettrici. Il mezzo più largamente usato per la comunicazione scritta incide sui pensieri delle persone e sulle loro percezioni, per cui ciò può essere utilizzato per suddividere ulteriormente la storia della civiltà umana in cinque età o epoche principali: gli ideogrammi caratterizzavano la prima età; gli scritti basati sull'alfabeto la seconda; la stampa la terza; la registrazione e trasmissione elettronica la quarta e la comunicazione informatica la quinta. h) Comunicazione non umana Ogni scambio di informazione o trasmissione di segnali in cui ci sono due o più esseri viventi nei ruoli di emittente/ricevente può essere considerata una forma di comunicazione; e persino creature primitive come i coralli sono in 44
Estratto dalla tesi: Social Media e Viralità: Nuovi Modi di Comunicare