Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Microcredito e Banca Etica

Laurea liv.I

Facoltà: Economia

Autore: Maria Grazia Codamo Contatta »

Composta da 59 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1786 click dal 14/10/2016.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

Estratto della Tesi di Maria Grazia Codamo

Mostra/Nascondi contenuto.
Nel panorama italiano operano diverse tipologie di promotori: soggetti che fanno riferimento al mondo finanziario (le fondazioni bancarie, gli istituti di credito e le banche locali), soggetti privati (le fondazioni non bancarie, le associazioni), enti religiosi (le diocesi, le Caritas) e infine soggetti che operano nell’ambito pubblico. Per numero dei prestiti e per volumi erogati al primo posto si collocano le iniziative promosse da soggetti privati. Si intende per beneficiario il soggetto target del programma, cioè chi riceve il prestito. I programmi sono stati censiti e sono destinati a varie tipologie di soggetti: alle persone singole, ai gruppi di due o più persone, alle persone giuridiche. L’ente finanziatore è il soggetto che impegna propri capitali per concedere i prestiti. Sono state individuate tre tipologie di finanziatori: i soggetti pubblici, gli istituti di credito e i soggetti privati. Con l’eccezione di 38 programmi che hanno utilizzato risorse messe a disposizione da soggetti privati o da soggetti pubblici, la quota largamente prevalente dei finanziamenti proviene dagli istituti di credito. Nei programmi di microcredito di solito non è richiesta ai percipienti alcuna garanzia patrimoniale; tuttavia è di regola necessario garantire, in misura totale o parziale, il soggetto finanziatore a fronte del rischio del mancato rimborso di una o più rate. I programmi censiti utilizzano con alta frequenza fondi di garanzia pubblici o privati, ma esistono casi nei quali più fondi concorrono in diversa misura alla copertura del rischio finanziario ovvero non è richiesta una garanzia. A ciascun programma è stata attribuita una classe di appartenenza in base alla dimensione massima dei prestiti concessi. A tal fine sono state utilizzate le sequenti 4 classi: fascia bassa con importi massimi inferiori a 5000 euro, fascia medio-bassa con importi massimi fino a 10000 euro, fascia medio-alta con importi massimi fino a 25000 euro, fascia alta con importi massimi superiori a 25000 euro.   19
Estratto dalla tesi: Microcredito e Banca Etica