Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Dalla Modern Portfolio Theory alla Behavioral Finance: il passaggio evolutivo

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Economia

Autore: Fabrizio Di Sciorio Contatta »

Composta da 105 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1805 click dal 05/12/2016.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

Estratto della Tesi di Fabrizio Di Sciorio

Mostra/Nascondi contenuto.
21 1.7 Il Capital Asset Pricing Model Il CAPM stima il rendimento di un'attività in funzione del rischio dell'investimento. Con questo approccio si passa da un'analisi di scelte individuali (Modern Portfolio Theory) ad un criterio decisionale condiviso tra tutti gli agenti economici. Nella versione proposto da Sharpe e Lintner il CAPM si basa sulle seguenti ipotesi: - gli investitori selezionano i portafogli adottando il criterio della media – varianza; - ogni investitore può investire oppure prendere a prestito ad un medesimo tasso privo di rischio; -gli investitori hanno aspettative omogenee circa i rendimenti attesi, le varianze e le covarianze delle attività rischiose; - assenza di imposizione fiscale; - assenza di costi di transazione. Ci sono diversi aspetti che devono essere tenuti in considerazione quando si utilizza questo modello. Il primo riguarda la sua linearità: dato che il beta è la misura che rappresenta il rischio, ad un titolo con un β alto 8 dovrebbe corrispondere un rendimento atteso maggiore rispetto a quelli con un β inferiore: questa relazione tra rischio e rendimento, secondo questo modello, è rappresentata da una retta. La formulazione classica è: E( Dove E(Ri) è il rendimento atteso dello iesimo titolo, Rf il tasso free risk e βi misura l'attitudine di un titolo a variare in funzione del mercato. Più alto sarà tale valore, maggiore dovrà essere il suo rendimento atteso, in modo da remunerare gli investitori per il rischio sistematico sopportato. Esso si calcola come: β = σ im/σ 2 m 8 Sarà oggetto dell'analisi empirica Capitolo IV.
Estratto dalla tesi: Dalla Modern Portfolio Theory alla Behavioral Finance: il passaggio evolutivo