Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La Raccomandazione UNESCO sulla salvaguardia e la preservazione delle immagini in movimento

Laurea liv.I

Facoltà: Scuola speciale per Archivisti e Bibliotecari

Autore: Maria Nicoletta Congiargiu Contatta »

Composta da 199 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 112 click dal 30/12/2016.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

Estratto della Tesi di Maria Nicoletta Congiargiu

Mostra/Nascondi contenuto.
20 Generale dell’UNESCO, Amadou-Mahtar M'Bow 35 , spiegò le ragioni di questa decisione, che fu legata al rifiuto di una eccessiva politicizzazione dell’Istituto. L’anno successivo un’analoga decisione fu presa dalla Gran Bretagna e successivamente anche dai Paesi Bassi, dalla Danimarca, dalla Svizzera e dalla Germania Federale. Questi Paesi lamentarono uno spreco di risorse finanziarie destinate a studi inutili e superficiali, oltre che un’ eccessiva burocratizzazione e la presenza di interessi clientelari. 1.2.3 Segretariato Il terzo organo dell’UNESCO è il Segretariato. A capo c’è il Direttore Generale, che deve essere nominato dalla Conferenza Generale, su designazione del Consiglio Esecutivo, tra persone che si siano contraddistinte positivamente sul piano dell’onestà, dell’efficienza e della competenza tecnica. E’ il funzionario di grado più elevato all’interno dell’Organizzazione. Il suo mandato dura sei anni, ma può essere rinnovato previa approvazione della Conferenza Generale. 35 Amadou-Mahtar M'Bow (1921, Dakar, Senegal), è stato Direttore Generale dell’UNESCO dal 1974 al 1987 e il primo africano ad occupare un incarico di alto livello nell’ONU. Dopo la laurea in Lettere presso la L’università La Sobonne di Parigi, ritornò nel suo Paese ad insegnare geografia e storia. Questo fu l’inizio della sua carriera nel campo dell’educazione che, dal 1952 al 1958, proseguì con l’incarico di responsabile nella direzione del sistema scolastico di base dell’amministrazione coloniale francese. Fu ministro dell’Educazione e della Cultura tra il 1957 ed il 1958, periodo di transizione per l’autonoma del Senegal. Durante il suo mandato, l’UNESCO ha assistito all’ aumento degli Stati Membri e, di conseguenza, all’incremento del proprio patrimonio che, nel 1984, fu stimato di oltre 374 milioni di dollari. Ha attraversato, però, anche un periodo turbolento, con l’uscita dall’Organizzazione degli Stati Uniti d’America seguiti dal Regno Unito. Ciò ha creato difficoltà di bilancio e un conseguente ridimensionamento, anche se temporaneo, dei programmi e degli interventi. Amadou-Mahtar M'Bow ha scritto libri per il suo Paese, manuali scolastici e sulla missione e sull’attività dell’UNESCO, cioè “Eniversalité ed cooperation intellectuelle internationale” e “Choisir l’espoir”.
Estratto dalla tesi: La Raccomandazione UNESCO sulla salvaguardia e la preservazione delle immagini in movimento