Skip to content

Il serpente in letteratura. Casi esemplari tra il Settecento e i giorni nostri

Estratto della Tesi di Riccardo Zuliani

Mostra/Nascondi contenuto.
10 tal epoca, ma come luogo in cui sono andate a confluire, per poi distanziarsene e giungere altrove, istanze superiori - “di lunga durata”, per dirla alla Braudel - svincolate dalla volontà dell’autore ma legate ad un’esigenza di tipo strutturale e, per questo motivo, ricorrenti in opere anche molto diverse tra loro. 1.3 Il fondamento simbolico ne Gli animali parlanti È fuor di dubbio che contenutisticamente Gli animali parlanti sia principalmente ed eminentemente una storia politica. Ciononostante, non va trascurato che all’interno del suo poema Casti abbia sistematicamente fatto trapelare intenti che, nel presentarsi quali cifre autonome dell’opera, tendono a discostarsi da ogni filiazione troppo immediata. Nel caso specifico, ci è parso che l’abate di Acquapendente, nel momento in cui si sia accinto a comporre il suo grande apologo, abbia inteso “fare piazza pulita” rispetto a quanto maturato nel solco stesso della tradizione letteraria “animalesca”. Perché è indubbio che alle spalle de Gli animali parlanti vi sia una millenaria produzione di favole ed apologhi 36 , così come non si può certo fare a meno di notare il fittissimo seppur velato dialogo che l’opera intrattiene con tutta una serie di scrittori precedenti, dai teorici della politica (per esempio Machiavelli) ai padri della poesia italiana (Dante, Petrarca 37 etc.); cionondimeno, vi sono presenti elementi che tendono esplicitamente a porre Gli animali parlanti in un binario a sé stante. Come se, in qualche modo, il poema castiano più che avere l’intenzione di essere il migliore tra tanti, volesse diventare scaturigine dei tutti. Una storia di animali che fosse una prima storia, slegata da tutte le accumulazioni di significato che nel corso della tradizione s’erano andate associando a determinati animali, facendone dei tipi generici ed in qualche modo fissati. La volpe associata all’astuzia, il leone alla regalità, il serpente alla malvagità etc. Casti, ricordiamolo, già nella Prefazione aveva inteso rivendicare per il suo poema l’indipendenza da tutte quelle opere che avevano reso gli animali simboli vincolati a determinate caratteristiche umane. Certo, anche ne Gli animali parlanti la volpe assumerà il ruolo di dissimulatrice e menzognera ministra del re il quale, a sua volta, 36 Per citare un solo esempio che non è detto fosse noto a Casti ma cionondimeno esemplificativo di un’intera tradizione: il Libro de le bestie di RAIMONDO LULLO è un testo la cui nota più caratteristica è di architettare una serie di aneddoti a incastro che andando a formare una sorta di mise en abyme dell’opera, di fatto rendono l’opera una mise en abyme della letteratura “animalesca”. 37 A questo proposito non possiamo fare a meno di citare un caso che ci è parso particolarmente perspicuo. Il canto decimosettimo de Gli animali parlanti, tra i più brevi e celeri dell’intero poema, narra della profezia che il Corvo pronuncia in presenza del Can Barbone e dei due Levrieri. Essa, tanto oscura quanto manifestamente sbilenca, viene proferita in un’atmosfera ove le forze della Natura esprimono liberamente la propria dilagante potenza. In questo gioco antifrastico tra reale magnificenza naturale e presunta grandezza corvina, non si può non notare come la strutturazione del canto ricalchi il famoso sonetto petrarchesco Rapido fiume che d’alprestra vena (F. PETRARCA, Canzoniere, Feltrinelli, Milano, 2013, CCVIII), tanto nel fluido andamento quanto nel contenuto “fluviale”. Se per esempio l’attacco invocativo iniziale «Tu che rapida puoi scorrer per entro» non può da solo fondare il collegamento, l’atmosfera complessiva del canto in abbinata ai versi 3-4 dell’ottantesima sestina («Ahi, che io veggio sgorgar d’alpestre vena/ fiume di sangue, ed inondarne i campi») difficilmente non rievocherà il sonetto in cui Petrarca affidava al fiume ed alla sua rapidità il compito di «basciar» per primo il «piede» dell’amata.
Estratto dalla tesi: Il serpente in letteratura. Casi esemplari tra il Settecento e i giorni nostri

Estratto dalla tesi:

Il serpente in letteratura. Casi esemplari tra il Settecento e i giorni nostri

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Riccardo Zuliani
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2016-17
  Università: Università degli Studi di Padova
  Facoltà: Lettere
  Corso: Lettere
  Relatore: Guido Baldassarri
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 72

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi