Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'influenza della personalità nell'uso di Facebook

Laurea liv.I

Facoltà: Psicologia

Autore: Marianna Aprea Contatta »

Composta da 67 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3484 click dal 24/03/2017.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

Estratto della Tesi di Marianna Aprea

Mostra/Nascondi contenuto.
11 che secondo Kant erano i cambiamenti del sangue e non dei fluidi corporei a determinare le differenze individuali. All’inizio del 1800, con una teoria molto affascinante, quanto insoddisfacente, Gall fondava la frenologia. Questa teoria tentava di individuare a quali aree del cervello corrispondessero i diversi aspetti del funzionamento emotivo e comportamentale. Attraverso indagini post- mortem sul cervello, Gall cercava una relazione tra la personalità e i rigonfiamenti del cranio dovuti presumibilmente allo sviluppo del tessuto cerebrale sottostante. Naturalmente questa teoria fu completamente screditata e la ricerca moderna afferma piuttosto che le azioni e i pensieri sono il risultato della sincronizzazione di diverse aree cerebrali interconnesse tra loro (Bressier, 2002; Edelman & Tononi, 2000). Nella seconda metà del 1800, Francis Galton si occupò di individuare le potenziali basi ereditarie delle differenze individuali, innescando la controversia “natura-cultura”. All’inizio del 1900, sia in Europa che negli Stati uniti, una serie di ricercatori cercarono di esplorare la relazione tra il temperamento psicologico e i tipi corporei in modo sistematico. In Europa, lo psichiatra tedesco Ernst Kretschmer classificò 3 tipi di personalità basati sul tipo corporeo: picnico (grassoccio, fisico tondeggiante), atletico (muscoloso, fisico vigoroso) e astenico (debole, fisico asciutto). La personalità normale corrispondeva ad un tipo corporeo in relazione a una personalità specifica (per esempio, picnico e l’estroversione, l’astenico e l’introversione; Physique and Character, 1925). Negli Stati Uniti, William Sheldon sosteneva che ogni individuo possiede una struttura biologica di base ereditata che ne determina il comportamento. Queste corrispondo ampiamente a quelle individuate da Kretschmer: endomorfo (morbido e rotondo), mesomorfo (duro e rettangolare, muscoloso) ed ectomorfo (lineare e fragile, magro, poco muscoloso). Entrambe queste teorie furono studiate da Strelau (1998) dimostrando una relazione piuttosto debole tra personalità e tipi corporei.
Estratto dalla tesi: L'influenza della personalità nell'uso di Facebook