Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'impronta idrica della dieta vegana

Laurea liv.I

Facoltà: Economia

Autore: Francesca Manca Contatta »

Composta da 45 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 143 click dal 12/05/2017.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

Estratto della Tesi di Francesca Manca

Mostra/Nascondi contenuto.
L’elemento alla base di quest’alimentazione è sicuramente il riso grazie al tipo di territorio e di clima presenti in Asia che permettono ampiamente la coltivazione di questa pianta; se si analizza la piramide si può notare che, insieme al riso, nella parte inferiore si trovano alimenti come pane, noodles e altri cereali integrali e nello spazio immediatamente superiore compaiono alimenti di origine vegetale, tra cui verdure, frutta, legumi, in particolare la soia che è anch’essa molto diffusa, e i semi; successivamente sono inseriti gli oli vegetali. Il fatto che questi cibi non si trovino alla base non vuol dire che essi non debbano essere consumati giornalmente come il riso. Proseguendo verso l’alto ci sono pesce e frutti di mare da consumare in modo facoltativo ogni giorno. Un consumo più ridotto è previsto per uova, pollo e dolci che sono considerati alimenti da assumere qualche giorno a settimana, mentre l’alimento da evitare è la carne rossa che secondo questa rappresentazione andrebbe consumata una volta al mese. Il discorso cambia completamente se si prende in considerazione la zona degli Stati Uniti. Anche se il modello della dieta mediterranea dovrebbe essere universalmente adottato per vivere in salute e “far stare bene” l’ambiente in cui viviamo e nonostante da alcuni studi sia emerso che anche la dieta seguita dagli asiatici è salutare e permette loro di vivere più a lungo, molti individui si sono lasciati deviare dalla diffusione della cultura americana notoriamente conosciuta per essere caratterizzata da un elevato consumo di zuccheri e grassi che comportano gravi conseguenze per la salute e rendono molto più breve la vita della popolazione americana. La dieta americana è notevolmente cambiata nel tempo, infatti nel 1992 è 11
Estratto dalla tesi: L'impronta idrica della dieta vegana